Strada: domenica la 33ma Biella-Piedicavallo




 

Biella (BI) 22 marzo. Parte domenica con la 33ma Biella-Piedicavallo la stagione biellese delle corse su strada 2013.

Ritornata lo scorso anno dopo 10 anni di assenza, la corsa, ideata e creata  dal vulcanico Ismar Pasteris e dallo storico Gs Pavignano, sarà una sorta di “prima” anche per GAC Pettinengo e Biella Sport Promotion che nel corso dell’anno proporranno altri 5 appuntamenti con chiusura il 20 ottobre con lo storico Giro di Pettinengo.

Si correrà sulla distanza di km. 19,300 e sul tracciato storico che ha visto il doppio successo di uno dei grandi di quel periodo, Franco Arese, nel 1973 e 1974. La partenza avverrà da Biella Via Lamarmora ore 10; dopo aver attraversato Via Italia, Via Dante, Via Repubblica Via Salita Riva, Via Ogliaro la gara salirà a Pavignano e attraverso tutti i comuni della Valle Cervo sino al mitico Ponte Pinchiolo che porterà i corridori all’erta finale e al sospirato traguardo di Piedicavallo .

Ad oggi le iscrizioni hanno già superato il muro dei 200 partecipanti, in linea con lo scorso anno. Gabriele Abate (GS Orecchiella) e Marzena Michaska (Fiamme Oro Padova) hanno siglato la 32ma edizione, due nomi importanti,  dell’atletica leggera, più volte azzurri e campioni d’Italia. Marzena Michalska sarà assente domenica: la poliziotta di Pettinengo è ancora alle prese con il recupero dopo l’infortunio patito a Bolzano l’ultimo dell’anno, mentre ci sarà Gabriele Abate al rientro alle gare dopo un lungo stop per infortunio. Proprio la gara maschile si annuncia al momento  come la più qualificata e aperta, visto che le condizioni di Abate potrebbero non essere quelle dello scorso anno quando si impose agevolmente con 1’39”sul secondo.
A lottare  per il successo con il più volte azzurro e campione d’Italia di corsa in montagna dovrebbero esserci il pavese Tommaso Vaccini (2 successi alla Biella Oropa) il marocchino Abdelhadi Tyar, Michele Belluschi, Francesco Bianco (3° lo scorso anno); un posto nella top ten potrebbero ritagliarselo come lo scorso anno i biellesi Carlo Torello Viera e Stefano Velatta.
Al femminile ad oggi la favorita, iscritta dell’ultim’ora dovrebbe essere la biellese delle Fiamme Azzure Valeria Roffino, più volte azzurra e campionessa d’Italia reduce da una brillantissima stagione di cross e dalla vittoria di domenica scorsa alla Stravicenza che avrà come principale avversaria la distanza, affrontata una sola volta in gara durante un incontro internazionale con l’Italia nel 2012. Attenzione quindi a Viviana Vellati (Atletica Candelo) seconda lo scorso anno e in buonissima condizione di forma e reduce dal 3° posto a suon di primato personale nella recente mezza maratona del Lago Maggiore.

Ma tanti saranno i master che andranno a spartirsi gli oltre 200 premi in palio per le 15 categorie previste da programma oltre ai premi in denaro per i migliori e le migliori 10. Si assegneranno anche i prestigiosi Trofei alla memoria, Enrico Rizzo, Renato Damarco Paolo Bellini e Ismar Pasteris per cui sono in corsa GSA Valsesia, Gaglianico 1974, Spendor Cossato e GSA Pollone, le formazioni più agguerrite tra le iscritte

I primati della corsa sono entrambi datati 1982, quando si corse la 12^ edizione e portano la firma di 2 grandi personaggi dell’atletica italiani di quegli anni, Rita Marchisio, la cuneese tra le pioniere della maratona italiana con la sua vittoria di Osaka, che siglò 1h16’42” e il trentino Gianni Demadonna, ora apprezzato manager che corse in 1h 04’42.

(Fonte: Biella Sport Promotion)



Condividi con
Seguici su: