Strada: azzurri sul podio nelle corse del weekend

19 Marzo 2018

Bertone seconda a La Mezza di Torino e Rachik terzo, mentre Riva conquista la StrAVicenza. Tutti i risultati delle gare del 17-18 marzo, inserite nel calendario nazionale, con migliaia di runners impegnati in tutta Italia.


 

Due atleti italiani sul podio nella quarta edizione della Santander La Mezza di Torino, caratterizzata da pioggia e freddo. Al maschile il keniano Andrew Kwemoi (International Security Service) si aggiudica la gara in 1h03:55 davanti al connazionale Joash Koech (Atl. Potenza Picena), vincitore lo scorso anno e stavolta secondo in 1h04:02. Terzo posto con 1h04:07 per l’azzurro Yassine Rachik (Atl. Casone Noceto) che precede l’altro keniano Paul Tiongik (Gp Parco Alpi Apuane), quarto in 1h04:41 nella manifestazione disputata su un percorso rivisitato, tra il centro, il parco del Valentino, le vie e i sottopassi di zona Lingotto. Oltre 5000 podisti al via, compresi quelli impegnati sui 10 chilometri. Ancora Kenya tra le donne con Mary Wangari Wanjohi che taglia il traguardo in 1h14:47, nona piazza assoluta, seguita dalla pediatra valdostana Catherine Bertone (Atl. Sandro Calvesi), seconda in 1h15:07: “Il tracciato è suggestivo - ha detto la maratoneta azzurra - molto duro con diversi saliscendi, ma bello. Il prossimo appuntamento stagionale per me sarà la mezza di Praga del 7 aprile, ma l’obiettivo è la maratona ai Campionati Europei di Berlino”. Alle sue spalle le keniane Ivyne Jeruto (#iloverun Athletic Terni, 1h16:44) e Vivian Kemboi (Atl. Saluzzo, 1h20:44). [RISULTATI/Results]

VICENZA - Meteo tutto sommato favorevole e la StrAVicenza 10km - Trofeo Centro Commerciale Palladio, edizione numero 18, supera gli 8000 partecipanti complessivi, confermandosi evento a tutto tondo, in grado di coinvolgere atleti di livello assoluto, ma anche tantissimi semplici appassionati. Avvincente la gara maschile che ha incoronato l’azzurrino Pietro Riva, portacolori delle Fiamme Oro: 30:25 il crono del vincitore che già nella prima parte di gara ha preso molto margine sugli avversari. Applausi anche per il trevigiano Paolo Zanatta (Casone Noceto, 30:42). Nel gruppetto degli immediati inseguitori la spunta nel finale Luigi Ferraris (Atl. Valle Brembana, 30:57) su Giacomo Esposito (Silca Ultralite Vittorio Veneto, 31:03) e l’ex tricolore assoluto di mezza maratona Daniele D’Onofrio (Fiamme Oro, 31:04). Al femminile, prima firma sulla stracittadina berica da parte dell’atleta di casa Rebecca Lonedo (Atl. Vicentina Despar) che conduce senza indugi (35:15) e ha la meglio sull’altra azzurrina e vicentina Elena Bellò (Fiamme Azzurre, 35:37), fresca del titolo italiano assoluto sugli 800 metri indoor. Terzo gradino del podio sempre per i colori arancioni dell’Atletica Vicentina con Elisa Marcon (37:08), specialista del triathlon. [RISULTATI/Results]

VITTORIO VENETO - Il keniano Gideon Kurgat (Atl. Virtus Cr Lucca) e l’etiope Gedamnesh Mekuanent (Atl. Brugnera Friulintagli) hanno vinto, a tempo di record, la 5ª Maratonina della Vittoria, andata in scena a Vittorio Veneto (Treviso) nel contesto di un evento che, anche attraverso L’Eroica 15-18 Marathon e la Coop City Run aperta a tutti, ha reso omaggio al Centenario della Grande Guerra. Kurgat ha fatto corsa solitaria sin dai primissimi chilometri, andando a chiudere in 1h06:44, nuovo primato della manifestazione. Alle sue spalle, gli azzurri Abdoullah Bamoussa (Atl. Brugnera Friulintagli, 1h07:56) e Alessandro Giacobazzi (La Fratellanza 1874 Modena, 1h08:27). Alla prima gara sul suolo italiano, la vincitrice femminile ha recitato da protagonista assoluta con il tempo finale di 1h16:00. Secondo posto per Giovanna Ricotta (Tornado, 1h23:24), terza Maurizia Cunico (Casone Noceto, 1h26:26). Ben 999 gli atleti al traguardo, nuovo record di partecipazione. Oltre 900 anche gli atleti classificati nell’Eroica 15-18 Marathon. [RISULTATI/Results]

IN OLANDA - Nella trentesima edizione della Parelloop, corsa su strada di 10 chilometri a Brunssum (Paesi Bassi), settimo posto di Ahmed El Mazoury. Il 28enne delle Fiamme Gialle ha chiuso in 29:10 nella gara vinta dall’ugandese Joel Ayeko con 29:06 davanti al keniano Dominic Kipngeno (29:07) e allo spagnolo Chakib Lachgar (29:08). [RISULTATI/Results]

PISTOIA - Pioggia incessante alla 31esima Maratonina Città di Pistoia, fin da prima della partenza in via Enrico Fermi nella zona industriale di Sant’Agostino, dominata tra gli uomini dai keniani con il successo a Joel Maina Mwangi (Dinamo Sport) che ha coperto la distanza di 21,097 chilometri in 1h04:14 davanti al connazionale Sammy Kipngetich (Atl. Saluzzo, 1h04:36) e all’ugandese Anthony Ayeko (Toscana Atl. Futura, 1h04:42). Al femminile la pratese Veronica Vannucci (Atl. Castello) con 1h22:42 ha preceduto Concetta Santini (1h26:43) e Marina Ratto (La Galla Pontedera, 1h29:45). Quasi 700 arrivati con oltre 200 non competitivi che si sono divisi fra i percorsi minori, il fit-walking e i bambini che hanno partecipato alla marcia organizzata da “We love Anastasia”. [RISULTATI/Results]

VIGEVANO - Nella 12ª Scarpadoro Half Marathon, mezza maratona di Vigevano (Pavia) graziata da una tregua del maltempo, è stata dominata al femminile da Margie Santimaria in 1h24:10 all’esordio sulla distanza. Azzurra del triathlon, cresciuta atleticamente proprio allo stadio Dante Merlo e figlia dell’ex ciclista professionista Sergio, nel suo destino c’era questa manifestazione perché tiene appesa in casa una foto speciale della mamma con Sebastian Coe, il primo vincitore della Scarpa d’Oro Internazionale, quando la gara era più corta e diversa. Il 7 aprile 1980 il pranzo della conferenza stampa in cui Coe annunciò che alle Olimpiadi di Mosca avrebbe corso sia gli 800 sia i 1500 (la gara di 8 km di Vigevano gli era servita come test per verificare la sua resistenza) si svolse al Jolly di Cilavegna, ristorante di famiglia. Adesso ha ventinove anni e gareggia per l’Escape Team Vigevano. Alle sue spalle Karin Angotti (Gp Garlaschese, 1h24:19) e Silvia Guenzani (Varese Triathlon Sbr, 1h26:42). Nella mattinata grigia e umida, ma senza pioggia, anche la gara maschile ha confermato il pronostico della vigilia: Loris Mandelli (Pol. Carugate) ha dominato dai primi chilometri per vincere in 1h10:52 davanti a Stefano Martinelli (Gs Csi Morbegno, 1h13:16) e al marocchino Mohamed Ben Kacem (Gp Garlaschese, 1h14:42). In gara anche Davide Pruneri: l’atleta valtellinese, trapiantato al fegato, che corre con due scarpe di colore diverso per ricordare chi nel 2015 gli ha ridato la vita, donandogli uno degli organi più importanti del corpo umano, ed è arrivato in 1h30:55. Hanno tagliato il traguardo 1141 atleti, mentre sono stati in 409 quelli che hanno portato a termine la 10K. [RISULTATI/Results]

CAGLIARI - Tre gare nell’ottava edizione della Maratona di Cagliari, insieme a mezza maratona e 10 chilometri, in una domenica di vento, freddo e pioggia. Nella prova più lunga, sui classici 42,195 km, il marocchino Mohammed Hajjy (Castenaso Celtic Druid) ha tagliato per primo il traguardo in 2h19:48 davanti al keniano Samson Mungai Kagia (Atl. Sandro Calvesi, 2h20:08) e al campione italiano Ahmed Nasef (Atl. Desio, 2h27:44). Quinto e primo isolano Massimiliano Loddo (Cagliari Marathon Club, 2h44:49). Successo tra le donne della croata Marija Vrajic in 3h02:24 che si è lasciata alle spalle l’esordiente Elisabetta Orrù (Cagliari Atletica Leggera, 3h08:14) e la marocchina Hanane Janat (Pod. Il Laghetto, 3h11:06). Nella Mezza Maratona della Solidarietà il keniano Jonathan Kosgei Kanda (Atl. Castello) ha vinto in 1h07:54 sul marocchino Hajjaj El Jebli (International Security Service, 1h08:04) e Oualid Abdelkader (Cagliari Marathon Club, 1h10:49). Sul versante femminile sfida tra SF45 con vittoria per Cinzia Meloni (Pod. San Gavino) che in 1h24:17 si è imposta sull’ex velocista e saltatrice Veruska Figus (Atl. Legg. Arborea) al nuovo personale di 1h32:53 e l’ex primatista sarda sulle lunghe distanze Marinella Curreli (Atl. Siurgus Donigala), 1h35.18. Sui 10 chilometri della Cagliari Corre, il tedesco Gerrit Kroger (Tsv Kronshagen) ha avuto la meglio in 34:07 su Michele Carta (Atl. Gialeto Serramanna, 34:39) e Stefania Marongiu (Cagliari Atletica Leggera, 41:42) ha preceduto praticamente allo sprint Mariangela Cuviello (Pol. Libertas Campidano Selargius, 41:49). [RISULTATI/Results]

STRASIMENO - Anche quest’anno il primo a tagliare il traguardo della Strasimeno, l’ultramaratona del parco del lago Trasimeno alla sua 17esima edizione, è stato il frusinate Carmine Buccilli (Atl. Santa Marinella) con il tempo di 3h35:06 per percorrere in senso orario, sotto una pioggia fredda e incessante, i 58 chilometri della gara con partenza e arrivo a Castiglione del Lago (Perugia). Circa duemila gli sportivi ai nastri di partenza nonostante il maltempo, insieme a chi ha preso parte alla camminata non competitiva. In 230 hanno affrontato la sfida più impegnativa: a completare il podio l’ucraino Evgenii Glyva in 3h47:17 e Davide Scarabelli (Pol. Scandianese, 3h52:39). Tra le donne ha vinto Silvia Tamburi (Atl. Avis Perugia) con 4h18:51 davanti alla giapponese Majidae Sohn (Maratona Mugello, 4h30:19) e a Chiara Milanesi (Fò di Pe, 4h33:17). A giungere in testa alla prima prova, quella dei 10 chilometri in località Borghetto, è stato il francese Ciril Vincent Viry con 31:52 mentre nella mezza maratona a Passignano sul Trasimeno primo posto di Michele Bruzzone (Cambiaso Russo Running Team Genova, 1h16:26). La terza gara, quella di 34 chilometri a San Feliciano, ha visto primeggiare Federico Morini (Tiferno Runners) in 2h10:19, quindi Stefano Bettarelli (Up Policiano Arezzo Atletica) è riuscito invece a vincere la maratona con arrivo a Sant’Arcangelo in 2h54:14. [RISULTATI/Results]

PUTIGNANO - Nella settima edizione della 6 Ore di San Giuseppe a Putignano (Bari) vittoria per Maurizio Di Paolo (Passologico) che ha percorso 76,306 chilometri superando Nicolangelo D’Avanzo (Bisceglie Running/73,934) e Domenico Valenzano (Amatori Putignano/71,523). La prima donna è stata Lorena Brusamento (Gs Gabbi) con un totale di 69,124 chilometri seguita da Emma Delfine (Nadir on the Road Putignano/63,585) ed Erica Delfine (Amatori Putignano/60,950), mentre dopo l’incidente dell’anno scorso è tornata alle gare Luisa Zecchino (Team Pianeta Sport Massafra), vincitrice della passata edizione, che ha corso per più di 35 chilometri. [RISULTATI/Results]

l.c.

(da comunicati stampa Organizzatori)

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it


L'arrivo vincente di Pietro Riva a Vicenza (foto Organizzatori)


Condividi con
Seguici su: