Stefano Braga medaglia d'argento nel lungo agli EYOF




 

Un’altra medaglia per l’allievo piacentino Stefano Braga in una competizione internazionale: dopo il bronzo vinto ai Mondiali Under 18 di Lille, è arrivata oggi la medaglia d’argento, sempre nel salto in lungo, agli European Youth Olympic Festival che si sta svolgendo a Trabzon in Turchia.

Nella gara di oggi Braga ha saltato 7,36, a 2 soli cm dalla medaglia d’oro, l’inglese Eliott Safo e misura uguale a quella del terzo classificato, il russo Popov. La gara era iniziata con il piacentino subito a 7,30 (+3,8) che si poneva al comando, con Safo a 7,29 (+3,4) e il rumeno Grecu a 7,27 (+1,5). Nel secondo turno, con ancora vento alle spalle dei lunghisti, Braga arriva a 7,36 (+3,4), Grecu a 7,26 (+3,3), cresce Popov con 7,25 (+3,2), mentre il vento, improvvisamente & ldquo;a norma” limita Safo a 7,05 (+1,2). Safo prende però le misure con la nuova situazione del vento e al terzo turno mette a segno un 7,37 (+1,4) che lo pone al comando, mentre Braga fa nullo. Nei 2 salti successivi, Braga atterra a 7,27 (+0,3) e a 7,09 (+1,7) e quindi prima dell’ultimo turno è al comando Safo con 7,37 su Braga a 7,36, poi Grecu a 7,27 e Popov a 7,25, realizzato ben 3 volte su 5 salti. Nella prova conclusiva Safo si migliora di 1 cm a 7,38 (+1,4), mentre Braga fa un altro bel salto a 7,27 (+1,6) e contiene il tentativo di recupero di Popov che ottiene la sua stessa misura di 7,36 (+1,4), ma è perdente come seconda misura (7,30 Braga e 7,25 Popov).

Era in gara oggi anche Raphaela Lukudo che ha corso la seconda batteria dei 400 hs siglando il personale con 1.01.62 e qualificandosi per la finale con il 2° posto a 6/100 dalla francese Bauwe. Nella prima batteria hanno fatto meglio della modenese 3 atlete, con la prima, la bielorussa Verameyenka a 59.66. Sono 13/100 di miglioramento che fanno ben sperare per la finale in programma domani, anche se la nostra atleta si presenta con il personale più alto fra le 8 atlete al via.

 

Giorgio Rizzoli



Condividi con
Seguici su: