Societari Assoluti: i verdetti della seconda fase

28 Maggio 2018

A San Benedetto del Tronto, davanti l’Atletica Avis Macerata in entrambe le classifiche. Lo junior Barontini si migliora nei 400 metri.


 

Un bel weekend di gare a San Benedetto del Tronto (AP), per la seconda fase regionale dei Campionati italiani assoluti per società. Nelle classifiche provvisorie l’Atletica Avis Macerata si conferma in testa fra le donne a quota 14.937 punti ed è al comando anche al maschile con 14.329. Al secondo posto in entrambe le graduatorie c’è il Team Atletica Marche, il club nato dalla collaborazione tra Atletica Sangiorgese Renato Rocchetti, Atletica Osimo e Sacen Corridonia, rispettivamente con 14.392 e 13.651, poi in terza posizione gli uomini della Collection Atletica Sambenedettese (12.028) e le donne dell’Atletica Fabriano (12.579).

A livello individuale, in evidenza il giovane mezzofondista Simone Barontini (Sef Stamura Ancona) che si mette alla prova sui 400 metri. Un test di velocità riuscito per il 19enne campione italiano degli 800 con il record personale migliorato di oltre mezzo secondo: 47”63 sul giro di pista e un netto progresso rispetto al precedente 48”37. Sfida appassionante sulla pedana del disco con due atleti oltre i 60 metri: vince Giovanni Faloci, finanziere umbro in maglia Atletica Avis Macerata, con 62,00 davanti al poliziotto ascolano Nazzareno Di Marco che lancia l’attrezzo a 60.78. Nel martello il 17enne sangiorgese Giorgio Olivieri (Tam) avvicina il recente personale con 60.76 mentre nel lungo il compagno di società Fabio Santarelli (Tam) atterra a 6.95 (+1.9) pareggiando il suo miglior risultato all’aperto. Sui 110 ostacoli il campione nazionale universitario Andrea Pacitto (Collection Atl. Sambenedettese) prevale con 15”37 (-1.8) su Manuel Nemo (Tam, 15”48) e Loris Manojlovic (Collection, 15”69) che poi corre i 400hs in 55”38. Per l’osimano Nemo un salto da personal best nell’asta (4.50) ma cresce anche l’allievo Edoardo Giommarini (Collection) con 4.30.

Arrivo al fotofinish nella 4x100 metri: la Collection (Riccardo Cosenza, Andrea Pacitto, Marco Mancini, Emanuele Mancini) in 43”10 precede di un soffio la Sport Atletica Fermo (Andrea Minnucci, Fabio Yebarth, Vittorio Massucci, Riccardo Flamini), seconda con 43”12. Tra gli altri risultati, il successo negli 800 dell’ascolano Stefano Massimi (Sef Stamura Ancona) in 1’53”26 davanti all’iridato paralimpico Ndiaga Dieng (Atl. Avis Macerata, 1’56”14) e sui 200 metri 22”13 (+0.9) per il pesarese Lorenzo Angelini (Atl. Avis Macerata), invece il giovane triplista Valerio De Angelis (Asa Ascoli Piceno) va ancora oltre i 14 metri con 14.24 (+1.6).

Nelle gare femminili doppietta della 15enne velocista Melissa Mogliani Tartabini (Atl. Recanati) con 12”49 controvento (-1.9) nei 100 e 25”19 (0.0) sui 200 metri, per lasciarsi alle spalle Francesca Ramini (Sport Atl. Fermo, 25”37). La 18enne Micol Zazzarini (Atl. Avis Macerata) si migliora nei 400 ostacoli con 1’02”56, mentre sulle pedane dei concorsi svettano le giovani portacolori dell’Atletica Fabriano: la martellista Sara Zuccaro (49.19) e la saltatrice in lungo Martina Ruggeri (5.68/+1.0). Due primati personali della 22enne Mamadou Binta Diallo (Atl. Avis Macerata): 58”55 nei 400 e 2’16”62 sugli 800 metri, preceduta da Elisa Masci (Sport Atl. Fermo, 2’16”58). L’Atletica Avis Macerata si aggiudica anche i 100 ostacoli per merito di Sara Porfiri in 14”85 (-2.7) seguita dalla sambenedettese Enrica Cipolloni (Tam), 15”34 per la tricolore del pentathlon, e i 5000 metri con la junior Ilaria Piottoli (17’57”17). Per la Tam, nel triplo la sangiorgese Silvia Del Moro torna oltre i 12 metri con 12.16 (+1.9) e l’osimana Debora Baldinelli scende a 4’46”58 sui 1500 metri.

File allegati:
- Risultati

Un passaggio dei 110 ostacoli (foto di Davida Ruggieri)


Condividi con
Seguici su: