Sion voto 10: primato nel decathlon

22 Giugno 2019

Nella rassegna tricolore under 18 di Agropoli, il torinese a 7064 punti. Volano i giavellotti: Frattini 73,19, in tre sopra i 70 metri. Mori 68,43 nel martello, sui 200 titoli per Guglielmi e Cappabianca.


 

di Luca Cassai - interviste video di Anna Chiara Spigarolo

Ancora un primato nella seconda giornata dei Campionati italiani allievi ad Agropoli (Salerno), illuminata dallo strepitoso salto a 6,64 di Larissa Iapichino nel lungo, record nazionale under 20 per balzare in testa alle graduatorie mondiali dell’anno di categoria, al termine di una serie entusiasmante con progressi a ripetizione. Nel decathlon il torinese Alessandro Sion (Safatletica Piemonte) riesce a centrare la migliore prestazione nazionale under 18 con 7064 punti al termine delle dieci gare e un netto progresso sul limite che apparteneva a Marco Leone (6760 nel 2015). Un bel risultato in una specialità introdotta di recente, nel 2014, per gli allievi che in precedenza affrontavano le otto prove dell’octathlon. La martellista Rachele Mori (Atl. Livorno) all’ultimo turno piazza un lancio a 68,43 per avvicinare il suo primato di 69,00 con cui quest’anno è diventata la seconda allieva di sempre. Un cognome vincente: lo zio è Fabrizio, ex iridato dei 400 ostacoli. Sfida incandescente nel giavellotto, con tre under 18 per la prima volta sopra i 70 metri nella stessa gara: si conferma il riminese Giovanni Frattini (Nuova Pol. Consolini) con 73,19 e quasi cinque metri di miglioramento, ma si fanno notare anche Simone Cuciniello (Running Club Napoli, 71,74) e il barese Paolo Puppo (Enterprise Giovani Atleti, 70,13). L’ex campione dei 100 metri Federico Guglielmi (Atl. Biotekna Marcon) qui sceglie i 200 e si impone in 21.44 (+0.9) per il nono posto alltime, mentre al femminile vince per distacco la romana Alessia Cappabianca (Esercito Sport & Giovani) con 24.38 (+1.7). Sulla pedana dell’alto Idea Pieroni (Atl. Virtus Cr Lucca) valica 1,81 alla seconda prova, ancora sopra 1,80 per la sesta volta in questa stagione, prima di tre assalti senza successo a 1,83. La 15enne Greta Brugnolo (Atl. Riviera del Brenta) continua a crescere nell’eptathlon con 5076 punti: adesso è la quarta allieva italiana alltime. Nei 400 ostacoli, una settimana dopo l’esordio sulla distanza, titolo in 1:01.28 per Alessia Seramondi (Atl. Brescia 1950 Ispa Group), primatista italiana del lungo cadette. Domani in palio gli ultimi 14 titoli.

RISULTATI/Results - FOTO/PhotosORARIO/Timetable - TUTTE LE NOTIZIE/News

SION A +7000 - Era già andato oltre il primato del decathlon allievi, un mese fa con lo score di 6832 a Landquart (Svizzera), ma troppa brezza alle spalle. Stavolta il record di Alessandro Sion (Safatletica Piemonte) c’è tutto: 7064 punti e un progresso di oltre trecento lunghezze sul limite di Marco Leone (6760 nel 2015). Oggi il torinese allenato da Paolo Battaglino e Riccardo Frati si migliora sui 110 ostacoli con 14.77 (+0.3) e nel disco (47,67), oltre che nei 1500 conclusivi in 4:54.47, spinto dal tifo del pubblico, dopo aver saltato 4,00 nell’asta e spedito il giavellotto a 57,71. La media dei riscontri del vento non è superiore a +2.0 (ieri +1.6 nei 100 metri e +2.5 nel lungo) e così il torinese può festeggiare la migliore prestazione italiana under 18, ma anche l’ottava dell’anno al mondo. Destini incrociati con Lorenzo Pezzolato, il campione e primatista del pentathlon indoor, che qui si è fermato dopo quattro gare come era accaduto al piemontese nella rassegna in sala di Padova. Completano il podio Yoro Menghi (Nuova Pol. Consolini, 6462) e Tino Ferrighetto (Gs La Piave 2000) con 6333 punti.

VIDEO | ALESSANDRO SION, PRIMATISTA DEL DECATHLON ALLIEVI

GIAVELLOTTO: TRE OVER 70 - Non era mai successo prima. Tre allievi italiani nel giavellotto sopra i 70 metri, nella stessa gara. Era una delle sfide più bollenti del weekend e le aspettative non vengono deluse. Vince il campione in carica Giovanni Frattini (Nuova Pol. Consolini), quarto nelle graduatorie stagionali della vigilia ma sempre al comando ad Agropoli, fin dall’inizio con il primo viaggio over 70 e il personale provvisorio di 70,41. Al terzo turno allunga con 73,19, poi ancora 72,25 al quarto. Gli altri non ci stanno: Simone Cuciniello (Running Club Napoli), classe 2003, risponde con 71,74 e in precedenza il pugliese Paolo Puppo (Enterprise Giovani Atleti) si era portato a 70,13. Terzo, quinto e sesto di sempre nelle liste alltime e così lo stadio di Agropoli diventa un catino infuocato, in tutti i sensi: per le temperature estive e il tifo appassionato della tribuna. Esce di scena invece con tre nulli Michele Fina (Atl. Brugnera Friulintagli), un altro dei protagonisti annunciati. Torna decisamente alla ribalta Milena Busi (Atl. Brugnera Friulintagli) con 51,28 al femminile e qualche brivido, perché guadagna il successo solo al quinto e penultimo turno. Mezzo metro esatto di progresso, rispetto al 50,78 del Brixia Meeting, che rafforza la quinta posizione alltime e avvicina l’exploit dell’anno scorso, quando con l’attrezzo senior lanciò 52,39 a Rovereto. Anche qui, sul secondo gradino del podio, c’è la famiglia Cuciniello: Simona (Amatori Atl. Napoli), la cugina di Simone, piazza una spallata da 47,06 (due metri abbondanti di personal best) davanti a Margherita Randazzo (Atl. Villorba, 43,90).

VIDEO | GIAVELLOTTO: GIOVANNI FRATTINI SI CONFERMA CON 73,19

EPTATHLON - Al primo anno di categoria Greta Brugnolo (Atl. Riviera del Brenta) ribadisce il suo feeling con le prove multiple. Nella seconda giornata aumenta il margine sulle avversarie con 5076 punti nell’eptathlon e la quarta posizione di ogni epoca tra le allieve italiane, dopo aver mancato di poco il personale nel lungo con 5,78 (-0.4), poi 32,34 nel giavellotto e 2:27.34 sugli 800 metri. Con la toscana Emma Sarri (Uisp Atl. Siena, 4556) al secondo posto, è terza Giorgia Marcomin (Osa Saronno Libertas, 4486). La sempre sorridente veneziana si sposta poi nelle qualificazioni del triplo, di fatto la sua ottava gara, ed è sufficiente un salto a 12,40 (+1.5) per la finale. 

PESO - Botta e risposta nel peso, che prende quota fino all’acuto della romana Benedetta Benedetti (Studentesca Rieti Milardi): 15,79 all’ultimo lancio, sesta allieva di sempre, dopo aver ripreso il comando con 15,30. In testa infatti c’era stato il sorpasso momentaneo della riminese Anita Bartolini (Cus Parma), cresciuta a 15,22. Per il terzo posto Lucy Omovbe (La Fratellanza 1874 Modena) con 14,74 riesce a scalzare la capolista stagionale Sara Verteramo (Cus Torino), oggi quarta a 14,28. Tra gli allievi Patrick Olcelli (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) regola la concorrenza con 17,03 mentre Ruben Perotti (Centro Atl. Piombino) lancia 16,43 in attesa del disco di domani e si migliora, come Francesco Mazzoccato (Atl. Gavirate, 16,16).

SPRINT - Missione compiuta per Federico Guglielmi. Quest’anno il veneziano della Biotekna Marcon raddoppia la distanza, al via sui 200 dopo il successo dell’anno scorso nei 100 metri, e va a segno con il record personale migliorato di cinque centesimi: 21.44 (+0.9), nono allievo italiano nelle liste alltime. Il campione europeo under 18 di staffetta toglie lo scettro a Christian Previtali (Pol. Carugate, 21.72) mentre Davide Giambellini (Atl. Vicentina), secondo nei 100 di ieri, oggi è terzo con 21.75. Tra le allieve Alessia Cappabianca (Esercito & Sport Giovani) fa letteralmente il vuoto con 24.38 (+1.7). La romana conferma il titolo vinto al coperto, sfiorando il suo primato con 24.38 (+1.7). Per il podio sotto i 25 secondi anche Lisa Bona (Us Quercia Trentingrana, 24.75) e la 16enne Chiara Maria Guarrera (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter, 24.99).

VIDEO | FEDERICO GUGLIELMI DOPO LA VITTORIA NEI 200 AD AGROPOLI

VIDEO | 200 ALLIEVE PER ALESSIA CAPPABIANCA

400 HS - Dal lungo ai 400 ostacoli. È la parabola vincente di Alessia Seramondi, che a una settimana dall’esordio in questa specialità diventa subito campionessa italiana. Fino a poco tempo fa era soprattutto una saltatrice in lungo, primatista italiana cadette (6,14 nel 2017) per aver tolto il record under 16 a Simona La Mantia dopo diciannove anni. Nello scorso weekend il debutto, con 1:01.64 ai Societari di Firenze, e ora il tricolore. Nonostante qualche inevitabile incertezza nella ritmica tra le barriere, sul rettilineo conclusivo in 1:01.28 resiste alla rimonta della romana Federica Tozzi (Fiamme Gialle Simoni, 1:01.33 per la sorella della mezzofondista Martina) e stavolta la finalista europea Angelica Ghergo (Team Atl. Marche), al rientro da un infortunio, si deve accontentare del terzo posto in 1:02.41. Anche al maschile, svetta il leader stagionale: Lorenzo Frivoli (Atl. Vicentina) riesce a limare il personal best con 53.41 detronizzando il campione uscente Giulio Luciani (Rcf Roma Sud, 53.89) che precede Andrea Lardini (Atl. Riccardi Milano 1946), 54.15.

VIDEO | 400HS: ALESSIA SERAMONDI VINCE UNA SETTIMANA DOPO L'ESORDIO

MEZZOFONDO - Negli 800 metri è la romana Livia Caldarini (Studentesca Rieti Milardi) a prendersi il titolo, con un pregevole allungo nel finale e il record personale demolito fino a 2:09.25, quasi tre secondi di progresso, davanti alle lombarde Susanna Marsigliani (N. Atl. Fanfulla Lodigiana, 2:10.56) e Laura Renna (Atl. Lecco Colombo Costruzioni, 2:11.18). Al maschile, ancora un successo per Niccolò Galimi: oggi sugli 800 all’aperto in 1:55.21, dopo il tricolore dei 1500 indoor. Ed è una doppietta per i mezzofondisti triestini dell’Atletica Malignani Libertas Udine, con Giovanni Silli vincitore nei 2000 siepi di ieri. Sul podio anche Filippo Visioli (Interflumina è più Pomì, 1:57.00) e il campione in sala Massimo Flamigni (Runners Ciampino, 1:57.33). Sotto il caldo sole di Agropoli, nei 3000 metri, il gruppo si assottiglia fino alla vittoria di Emma Casati (Atl. Piacenza) che sorprende tutte in 10:08.94, per battere Arianna Reniero (Atl. Gaglianico, 10:09.89) e Aurora Bado (Atl. Arcobaleno Savona, 10:15.60 per la figlia dell’ex maratoneta azzurra Ornella Ferrara, bronzo mondiale nel ’95), ma anche le atlete più accreditate come Giulia Bellini (Freezone), oggi quattordicesima con 10:37.75. Dopo il tricolore del cross, il veneto Nicolò Bedini (Atl. San Biagio) fa suo anche quello della distanza più lunga nel programma su pista, con una coraggiosa gara di testa, in 8:40.97 mettendo in fila Nicola Cristofori (Atl. Vicentina, 8:45.15) e Ahmed Semmah (Atl. Cosenza, 8:46.04).

LUNGO: ANCORA SCARSELLI - Il bis del piemontese Federico Scarselli (Pol. Novatletica Chieri), che al titolo in sala aggiunge quello all’aperto nel lungo. In mezzo un infortunio: due mesi di stop per uno strappo muscolare alla gamba destra, soltanto un paio di gare outdoor e qualche dubbio sulla condizione. Ma al quinto salto con 7,12 (+0.8) prende il comando e ci rimane fino alla fine, con l’ultimo balzo a 7,09 (+0.9) del campione cadetti Luca Mondini (Atl. I Gonzaga 2011) buono per il secondo posto, davanti al leader della prima parte di gara Carlo Santacà (Atl. Vicentina), 7,08 (+0.8).

ALTO: PIERONI 1,81 - Sesta volta dell’anno per Idea Pieroni (Atl. Virtus Cr Lucca) ad almeno 1,80 confermando la sua stabilità su queste misure. La non ancora 17enne supera l’asticella alla seconda prova, dopo un percorso netto alle precedenti quote. Poi la ragazza di Filecchio di Barga, che quest’anno è già salita a 1,85, tenta 1,83 ma commette tre nulli. A darle filo da torcere c’è l’altra toscana Giada De Martino (Toscana Atl. Empoli Nissan) con 1,77, sul podio anche Rebecca Mihalescul (Fondazione Bentegodi Verona, 1,71).

VIDEO | AGROPOLI: IDEA PIERONI 1,81 NELL'ALTO

IL MARTELLO DI RACHELE - Si conferma su misure di eccellenza Rachele Mori. Per la 16enne dell’Atletica Livorno un gran lancio all’ultimo tentativo: 68,43 a poco più di mezzo metro dal personale di due settimane fa (69,00), in una gara cominciata in modo soft alle 9 del mattino e poi chiusa in bellezza. Un altro titolo, il primo da allieva dopo i due conquistati da cadetta, e una stagione ricca di soddisfazioni: al primo anno di categoria è salita subito al secondo posto nelle liste italiane alltime under 18, non solo con l’attrezzo da 3 kg ma anche con quello assoluto da 4 kg (59,99 dello scorso weekend a Imola nella Finale Argento dei Societari). L’atletica è di casa in famiglia, perché lo zio è Fabrizio Mori, campione mondiale dei 400 ostacoli nel ’99. Ancora sopra i 60 metri Ilaria Marasso (Trionfo Ligure) con 60,11 dopo il 60,35 di ieri in qualificazione, terza la padovana Emily Conte (Corpolibero Athletics Team) a 58,24 in una mattinata con cielo coperto e quindi temperature meno torride rispetto alla prima giornata. Conferma per Davide Costa (Cus Genova) al maschile con 70,31 e una supremazia ancora più chiara del previsto sull’umbro Gregorio Giorgis (Libertas Città di Castello, 67,52) e su Luca Ballabio (Atl. Mariano Comense, 67,09). Liguria sul gradino più alto del podio anche nell’asta: il sanremese Matteo Oliveri (Us Maurina Olio Carli) sale a 4,60. In cinque a 4,10 ma il numero di errori decide il podio premiando Tommaso Zambreri (Atl. Rigoletto) e Federico Cavallini (Atl. Libertas Runners Livorno).

VIDEO | AGROPOLI: RACHELE MORI 68,43 NEL MARTELLO

STAFFETTE - La 4x100 dell’Atletica Vicentina (Massimo Avitabile, Enrico Balsemin, Davide Giambellini) vola al titolo in 42.27 con il quarto crono alltime per una staffetta di società. Al femminile dominio con 47.38 dell’Atletica Lecco Colombo Costruzioni grazie al quartetto formato da Lisa Galluccio, Clarissa Boleso, Alessia Gatti e Veronica Besana, attesa domani al duello nei 100 ostacoli con Larissa Iapichino.

MARCIA - L’ultimo titolo della giornata è per il bergamasco Gabriele Gamba (Atl. Riccardi Milano 1946), padrone dei 10.000 di marcia in 43:52.66 sul campione indoor Emiliano Brigante (Trieste Atletica, 44:33.84) e sull’altro lombardo Daniele Breda (Sporting Club Alzano, 45:18.12).

DIRETTA STREAMING - Anche quest’anno sarà possibile seguire la manifestazione in diretta video streaming su atletica.tv nelle tre giornate di gare, da venerdì 21 a domenica 23 giugno, per vivere le sfide e le emozioni della rassegna giovanile.

SOCIAL NETWORK - Partecipate con noi al racconto dei Campionati italiani allievi di Agropoli seguendo gli aggiornamenti LIVE attraverso i nostri canali social Instagram: @atleticaitaliana, Twitter: @atleticaitalia e Facebook: www.facebook.com/fidal.it. Sostenete i vostri atleti preferiti, condividete foto e pensieri utilizzando gli hashtag #atletica #Allievi2019.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it


Giovanni Frattini (foto Atletica Agropoli)


Condividi con
Seguici su: