Sfortuna Brugnetti, è già KO




 
Comincia male, con un infortunio, il 2005 di uno dei due campioni olimpici in carica dell'atletica azzurra. Ivano Brugnetti, che ad Atene trionfò nei 20 chilometri di marcia, ha scoperto al termine di un esame diagnostico, sostenuto il 27 dicembre scorso, di essere afflitto da una microfrattura da stress al bacino, esattamente in zona pubica. La prognosi dello staff medico federale è di un mese, periodo nel corso del quale l'azzurro potrà svolgere solo del lavoro alternativo, prevalentemente in acqua, rinunciando quindi al primo periodo di preparazione all'estero che avrebbe dovuto sostenere con il tecnico Antonio La Torre, in Grecia, a partire dal 7 gennaio. "Da una parte sono dispiaciuto - il commento del milanese dele Fiamme Gialle - ma dall'altra, ad essere sincero, sono contento, perché finalmente so di che cosa soffro. E' da più di un anno, infatti, che mi porto dietro questo problema. Emerge quando sono a corto di preparazione, perché, secondo quanto mi hanno detto i medici, il dolore si fa più acuto quando il tono muscolare difetta. Ora potrò curarmi al meglio". Brugnetti è fiducioso sui tempi di recupero: "In fondo è piuttosto presto, siamo solo a gennaio. Vorrà dire che farò in primavera la preparazione invernale, e magari potrò utilizzare queste tre settimane di stop per ricaricare al meglio le energie. Il Mondiale di Helsinki è in agosto, credo che i tempi per recuperare e presentarsi al meglio ci siano tutti". m.s.


Condividi con
Seguici su: