Rieti: Fraresso 77,84, Visca-Zabarino show

25 Febbraio 2018

Il veneto delle Fiamme Gialle firma la terza misura in carriera e sale al nono posto delle fresche liste mondiali. Giavellotto femminile a Jemai (55,35). Le due junior guidano il ranking mondiale under 20 con 55,04 e 53,83.


 

di Nazareno Orlandi

Day-2 dei Campionati Italiani invernali di lanci con tanto vento a Rieti e prestazioni di rilievo nel giavellotto. Mauro Fraresso si è confermato campione italiano con 77,84, terza misura di sempre per il trevigiano delle Fiamme Gialle: nelle fresche liste mondiali di inizio stagione è salito al nono posto dell'anno, il quarto in Europa. Nella sua serie anche un ottimo 77,12. Sul podio con Fraresso sono saliti Giovanni Bellini (68,51, campione italiano under 23) e Roberto Orlando (67,52). Tra le donne, è tornata al successo tricolore dopo due anni Sara Jemai con 55,35, ottava misura mondiale dell'anno, la terza in Europa: battute Zahra Bani (54,06) ed Eleonora Bacciotti (47,96). In chiave giovanile, fuochi d'artificio tra le under 20 Carolina Visca e Sara Zabarino che si sono arrampicate al primo e al secondo posto delle liste mondiali 2018 di categoria, grazie rispettivamente a 55,04 e 53,83, misure che valgono a entrambe il pass per i Mondiali Juniores di Tampere (10-15 luglio). Nel disco, l'apertissima finale maschile ha visto gioire Federico Apolloni (57,33) davanti a Giovanni Faloci (56,92) e al campione under 23 Giulio Anesa (56,37).

GIAVELLOTTO ASSOLUTO e PROMESSE (uomini) - La legge di Mauro Fraresso a Rieti. Qui aveva conquistato un anno fa il suo primo titolo italiano assoluto, qui si ripete con una delle migliori prove in carriera: "Sì, vero, ma ancora molto migliorabile", è la promessa. Il 25enne di Vedelago (Treviso) non è andato lontano dal primato personale segnato al Golden Gala 2017 (78,28) e ha dimostrato di avere in canna la spallata da ottanta metri, magari già in Coppa Europa di lanci tra due settimane a Leiria (Portogallo). Al Guidobaldi ha messo le cose in chiaro già al primo lancio, il migliore della sua serie: un 77,84 che lo proietta al nono posto delle liste mondiali stagionali guidate dal tedesco campione del mondo Johannes Vetter (84,08) e al quarto posto di quelle europee. La lotta, come prevedibile, era tutta per il secondo posto e si è accesa al quinto turno di lanci: blitz di Giovanni Bellini (Studentesca Milardi) con 68,51 - buono anche per il titolo under 23 - e terzo posto assoluto per Roberto Orlando (Virtus Cr Lucca) con 67,52. A completare il podio promesse Davide Ballico (Riccardi, 66,22) e Luca Scaparone (Atl. Fossano, 65,89).

GIAVELLOTTO ASSOLUTO e PROMESSE (donne) - “Non so in quanti se lo aspettassero: sono contentissima di essere tornata a questi livelli dopo un anno e mezzo fuori dai giochi”. L’ultimo trionfo tricolore di Sara Jemai era datato 2016, Tricolori invernali di lanci a Lucca. Oggi a Rieti la lanciatrice dell’Esercito è tornata a festeggiare un titolo italiano, il sesto della sua carriera, imponendosi nel confronto diretto con la puricampionessa italiana Zahra Bani (assente per infortunio Paola Padovan). La Jemai ha indirizzato la gara al primo lancio con il 55,35 che nessuna delle rivali è riuscita a superare e che la spedisce all’ottavo posto delle liste mondiali dell’anno e al terzo posto di quelle continentali. La tricolore in carica Bani (Fiamme Azzurre) l’ha insidiata con 54,06 al penultimo tentativo. Sul podio anche Eleonora Bacciotti (Atl. Firenze Marathon) con 47,96. Tra le promesse, titolo per Luisa Sinigaglia (Gs Valsugana Trentino) 45,72, su Elisa Lobascio (Studentesca Milardi, 44,22) e Laura Gatti (Atl. Saletti, 42,44).

GIAVELLOTTO GIOVANILE (uomini-donne) - Girl power! La new generation nel giavellotto azzurro ha illuminato la mattinata dei Tricolori con due fiammate di assoluto valore che si innestano ai vertici delle liste mondiali stagionali under 20: l’argento europeo junior Carolina Visca (Fiamme Gialle Simoni) all’ultimo lancio ha sparato il 55,04 valido per il titolo e per la leadership mondiale. Ma si è superata anche Sara Zabarino (Acsi Italia): 53,83, seconda al mondo nel 2018 e un progresso sul pb di oltre un metro (prec. 52,77) che rafforza la sua seconda piazza all-time nelle liste azzurre, dominate proprio dalla Visca con il 56,15 dello scorso anno. Nantes per due, idem Tampere: la misura consente loro di mettere in cassaforte la qualificazione per i Mondiali juniores (10-15 luglio), alla prima uscita dell’anno. "Felicissima di avere una concorrente così forte", ha commentato la Visca. Tra gli uomini, nuovo pb per Alessio Di Blasio (Trieste Atl.). Quando vede la pedana reatina di esalta: ai Tricolori Allievi 2017 aggiunse sette metri, oggi con il giavellotto da 800 grammi ha incrementato il suo limite fino a 64,21, per ricevere la maglia di campione italiano giovanile dal patron di RietiMeeting Sandro Giovannelli. Decisivo l’ultimo lancio per decretare il secondo: Razvan Carare (Ideatletica Aurora) lo ha strappato per tre centimetri (59,29) al primatista italiano under 16 Michele Fina (Atl. Brugnera Friulintagli) che al quarto turno aveva piazzato il suo 59,26.

DISCO ASSOLUTO e PROMESSE (uomini) - Alla vigilia era considerata la finale più incerta, e tale si è rivelata. Federico Apolloni (Aeronautica) ha aggiunto in bacheca il terzo titolo italiano, in un pomeriggio condizionato dal vento gelido: 57,33 il lancio decisivo per il romano che ha saputo far meglio di Giovanni Faloci (Fiamme Gialle), 56,92, e di Giulio Anesa (Fiamme Gialle) 56,37. Nella corsa per il podio ha provato a inserirsi anche Nazzareno Di Marco (Fiamme Oro), quarto con 55,49. "Sapevo di aver fatto un buon lavoro, spero in Coppa Europa di poter alzare il livello della mia prestazione", le prime parole di Apolloni dopo la premiazione. Nella categoria promesse vinta da Anesa, si è preso il secondo posto il campione italiano under 23 del peso Sebastiano Bianchetti (Fiamme Oro, 52,81), terzo Alessio Mannucci (Atl. Livorno, 51,62).

DISCO GIOVANILE (donne) - Rispettato il copione nel disco giovanile: l’oro dell’Eyof di Gyor 2017 Diletta Fortuna (Atl. Vicentina), allieva al secondo anno, ha lasciato sull’erba il lancio più lungo (45,79, nella serie anche un 45,78), scortata sul podio da Veronica Rossetti (Atl. Brescia) con 43,05 ed Elena Varriale (Atl. Prato) con 39,66.

LANCI - I CAMPIONI ITALIANI INVERNALI 2018
UOMINI/Men
Disco/DT
Assoluto: Federico Apolloni (Aeronautica) 57,33
Promesse: Giulio Anesa (Fiamme Gialle) 56,37
Giovanile: Carmelo Musci (Aden Exprivia Molfetta) 53,99 (pb)

Martello/HT
Assoluto: Marco Lingua (Asd Marco Lingua 4ever) 74,62
Promesse: Giacomo Proserpio (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) 68,50
Giovanile: Giorgio Olivieri (Team Atl. Marche) 68,56

Giavellotto/JT
Assoluto: Mauro Fraresso (Fiamme Gialle) 77,84
Promesse: Giovanni Bellini (Studentesca Milardi) 68,51
Giovanile: Alessio Di Blasio (Trieste Atletica) 64,21 (pb)

DONNE/Women
Disco/DT
Assoluto: Giada Andreutti (Atl. Malignani Libertas) 56,60 (pb)
Promesse: Martina Carnevale (Studentesca Milardi) 44,08
Giovanile: Diletta Fortuna (Atl. Vicentina) 45,79

Martello/HT
Assoluto: Sara Fantini (Carabinieri) 65,30
Promesse: Sara Fantini (Carabinieri) 65,30
Giovanile: Jessica Mazzola (Acsi Italia) 56,72

Giavellotto/JT
Assoluto: Sara Jemai (Esercito) 55,35
Promesse: Laura Sinigaglia (Gs Valsugana Trentino) 45,72
Giovanile: Carolina Visca (Fiamme Gialle Simoni) 55,04

LEGGI ANCHE: IL RACCONTO DELLA PRIMA GIORNATA, MARCO LINGUA DECIMO TITOLO CON 74,62

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results

Carolina Visca (foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su: