Re, esordio da 1:00.50 nei 500

28 Aprile 2019

A Rieti la "prima" dell'azzurro che il 3 maggio decollerà verso il Giappone per le World Relays di Yokohama (11-12 maggio) 


 

Debutta con 1:00:50 nei 500 metri l’azzurro Davide Re (Fiamme Gialle) che sceglie la pista di Rieti per la prima gara dell’anno a meno di due settimane dalle World Relays di Yokohama (11-12 maggio). Il 26enne piemontese resta a 23 centesimi dal tempo con cui esordì sulla stessa distanza nel 2018 (1:00.27), anche allora nell’impianto che ospita i suoi allenamenti, ma in quell’occasione era stato agevolato dal lavoro di un “pacer”. Efficace fino ai trecento metri, l’azzurro è sfavorito da una fastidiosa folata di vento nell’ultima curva. La migliore prestazione italiana rimane dunque l’1:00.08 di Donato Sabia del 1984. “Mi sarebbe piaciuto scendere sotto quel tempo - racconta Re, oro nel 2018 ai Giochi del Mediterraneo nel giro di pista, seguito da Chiara Milardi - I primi trecento metri li ho sentiti ‘giusti’, il passaggio di 34.5 era proprio quello che volevo. Poi entrando in curva ho preso una ‘sberla’ di vento e non c’è stato niente da fare (47.1 ai 400, ndr). Mi è piaciuto il fatto che sia riuscito a reagire negli ultimi cento metri nonostante la stanchezza”. Re è tra i 29 azzurri che il 3 maggio decolleranno per il Giappone in vista dei Mondiali di staffette: “Siamo un bel gruppo, tanti ragazzi che corrono forte e andremo a giocarci i Mondiali di Doha”. Secondo posto per il quattrocentista azzurro convocato lo scorso anno agli Europei di Berlino con la 4x400 Francesco Cappellin (Aeronautica) in 1:02.98. Nelle altre gare a margine dei Cds di prove multiple, Chiara Gala (Acsi Italia) vince in 100 in 11.93 con vento alle spalle al limite del consentito (+2.0), stessa brezza per Ilaria Verderio (Fiamme Gialle): 200 in 24.71.

VIDEO | I 500 METRI DI DAVIDE RE A RIETI

FALOCI SFIORA I 60 METRI - Nuova pedana per i lanci nell’impianto di Città di Castello (Perugia), inaugurata con un meeting. Il discobolo Giovanni Faloci (Fiamme Gialle), atleta di casa e campione italiano della specialità, avvicina la soglia dei 60 metri con 59,87 al quinto turno di gara, dopo aver già spedito l’attrezzo a 59,55 nel secondo tentativo. In evidenza anche il 16enne Gregorio Giorgis (Libertas Città di Castello) con 69,01 nel martello allievi, non troppo distante dal 70,43 già ottenuto a Rieti in questa stagione. Presenti alla manifestazione Nicola Vizzoni, argento olimpico del martello a Sydney, e la primatista italiana del giavellotto Claudia Coslovich.

BORGARETTO - Prime volate della stagione all’aperto nella pista di Borgaretto (Torino). Sulla distanza spuria degli 80 metri il 21enne Wanderson Polanco (Atl. Riccardi Milano 1946) corre in 8.73 con forte vento contrario (-2.4), a un decimo dalla migliore prestazione italiana promesse, davanti a Giovanni Galbieri (Aeronautica), secondo in 8.86. [RISULTATI/Results]

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results


Condividi con
Seguici su: