Prof Mazzenga senza limiti: ancora d'oro

12 Settembre 2019

L’ex insegnante di chimica fa il bis a Caorle e vince anche nei 200 metri agli Europei Master, come Felicetti tra gli uomini e l’ostacolista Diaz a Jesolo


 

di Luca Cassai

È il giorno delle doppiette per gli atleti italiani nel day 7 dei Campionati Europei Master, in provincia di Venezia. Tra le protagoniste c’è l’inesauribile Emma Mazzenga, che a 86 anni festeggia un’altra medaglia d’oro. Stavolta nei 200 metri W85, sulla pista di Caorle, con il tempo di 45.88 (-0.2). Nella sua regione la padovana “Mimma”, portacolori dell’Expandia Atletica Insieme Verona, aveva vinto anche i 100 della scorsa settimana e prosegue una collezione unica di successi: 71 volte sul podio internazionale, 41 sul gradino più alto. Per “Mimma”, ex insegnante di scienze e chimica, l’ennesima impresa di una carriera che non conosce limiti, ricominciata un anno fa dopo un paio di stagioni di stop.

Sui 110 ostacoli non ha rivali Aramis Diaz (Atl. Biotekna Marcon) che domina la gara M40 all’ultimo anno di categoria a livello internazionale. Il cubano di Roma, italiano per matrimonio, era riuscito a svettare anche nei 400hs e si ripete con un gran crono in 14.37 controvento (-2.8). Fa il bis anche Vincenzo Felicetti: il calabrese del Road Runners Club Milano si conferma imprendibile nei 200 M70 con la migliore prestazione italiana in 27.21 (-1.3). Ancora un ampio vantaggio su Livio Bugiardini (Sef Macerata), come sui 400 metri, e nel mezzo giro di pista il marchigiano è secondo con 28.48 (-1.3) per l’uno-due italiano.

Nel lungo M55 continua la striscia vincente del toscano Gianni Becatti (Olimpia Amatori Rimini), pluricampione mondiale ed europeo: trionfo con 6,11 (-1.1) e soltanto tre salti, sufficienti per l’oro, prima di spostarsi nelle semifinali dei 200 metri in cui conquista l’accesso al turno decisivo che poi lo vede al quinto posto. Quattro vittorie dal mezzofondo: al femminile la campionessa mondiale W55 dei 2000 siepi Patrizia Passerini (Acquadela Bologna) si impone anche agli Europei con 8:36.89, tra gli uomini prevalgono nei 3000 siepi Lucio Luigi Giuliana (M45, Amatori Aragona) e Fabio Solito (M50, Old Stars Ostia), sui 2000 siepi invece Adriano Montini (M65, Atl. Di Marco Sport).

A Caorle, nel giavellotto, l’uomo dal braccio d’oro è l’altoatesino Hubert Göller (Athletic Club 96 Alperia) con 61,24 per il titolo M40, mentre Giuliana Amici (Libertas Atl. Forlì) coglie l’argento W65 e demolisce la migliore prestazione nazionale di categoria con 32,21 alle spalle della danese da record europeo Anne Kirstine Jensen (33,39). La velocista britannica Caroline Powell firma un altro primato continentale, nonostante la brezza contraria (-0.9), di un solo centesimo nei 200 W65 in 30.55.

Per l’Italia il bilancio provvisorio è di 73 ori, 61 argenti e 59 bronzi. Domani scatta il weekend conclusivo della rassegna “over 35” ed è annunciato al via Giuseppe Ottaviani, il centenario dell’atletica, che a 103 anni ha in programma di scendere in gara nel salto in lungo, alle 17.30 di venerdì sulla pedana dello stadio Picchi di Jesolo.

MEDAGLIE ITALIANE - SETTIMA GIORNATA
ORO (9)
110 ostacoli M40: Aramis Diaz (Atl. Biotekna Marcon) 14.37 (-2.8) MPI SM45
Giavellotto M40: Hubert Göller (Athletic Club 96 Alperia) 61,24
3000 siepi M45: Lucio Luigi Giuliana (Amatori Aragona) 10:24.66
3000 siepi M50: Fabio Solito (Old Stars Ostia) 10:43.35
Lungo M55: Gianni Becatti (Olimpia Amatori Rimini) 6,11 (-1.1)
2000 siepi M65: Adriano Montini (Atl. Di Marco Sport) 7:49.74
200 M70: Vincenzo Felicetti (Road Runners Club Milano) 27.21 (-1.3) MPI
2000 siepi W55: Patrizia Passerini (Acquadela Bologna) 8:36.89
200 W85: Emma Mazzenga (Expandia Atl. Insieme Verona) 45.88 (-0.2)

ARGENTO (10)
200 M35: Edoardo Calderaro (Atl. Biotekna Marcon) 22.48 (-0.5)
3000 siepi M40: Luigi Del Buono (Sef Stamura Ancona) 9:39.12
200 M60: Ettore Ruggeri (Atl. Virtus Castenedolo) 26.18 (-0.2)
2000 siepi M65: Giovanni Finielli (Gs Tortellini Voltan Martellago) 8:02.95
Disco M65: Giovanni Rastelli (Atl. Sandro Calvesi) 46,68
200 M70: Livio Bugiardini (Sef Macerata) 28.48 (-1.3)
2000 siepi M80: Mauro Lucchini (Libertas Mantova) 15:45.62
80 ostacoli W50: Maria Costanza Moroni (Gs Ermenegildo Zegna) 13.33 (+1.2)
80 ostacoli W55: Erika Niedermayr (Südtirol Team Club) 13.71 (+1.8)
Giavellotto W65: Giuliana Amici (Libertas Atl. Forlì) 32,21 MPI

BRONZO (10)
110 ostacoli M40: Antonio Negro (Amatori Atl. Acquaviva) 16.17 (-2.8)
3000 siepi M45: Alfonso Scarfone (Fiamma Atl. Catanzaro) 11:02.79
Giavellotto M45: Marcello De Cesare (Atl. L’Amico-Cras Taranto) 56,01
100 ostacoli M60: Hubert Indra (Südtirol Team Club) 15.87 (-1.7)
Disco M60: Giulio Dondi (Olimpia Amatori Rimini) 47,42
200 M80: Roberto Vaghi (Atl. Ambrosiana) 34.46 (-0.4)
200 W45: Cristina Sanulli (Atl. Endas Cesena) 27.20 (-0.8)
200 W65: Mariuccia Quilleri (Atl. Virtus Castenedolo) 33.01 (-0.9)
200 W70: Giusy Sangermano (Trieste Atletica) 36.06 (-0.8)
80 ostacoli W70: Ingeborg Zorzi (Sportclub Merano) 23.45 (+0.1)

(ha collaborato Mauro Ferraro/FIDAL Veneto)

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results
- Medagliere italiano
- Il sito della manifestazione

Aramis Diaz (foto Castagnoli/organizzatori)


Condividi con
Seguici su: