PALAINDOOR | DEBUTTO A SORPRESA DI ANDREW HOWE




 

L’addetta alle iscrizioni quasi non credeva ai suoi occhi quando se l’è trovato davanti, insieme alla madre allenatrice Renèe e all’inseparabile fratellino Jeremy, per confermare la sua presenza nella gara di oggi pomeriggio al Palaindoor di Ancona. Eppure era proprio lui: Andrew Howe. Lui che un anno fa si era allenato quasi un mese nel capoluogo marchigiano, per poi lanciarsi alla conquista del titolo continentale in sala a Birmingham e, in estate, della favolosa medaglia d’argento ai Mondiali di Osaka, entrambe con tanto di nuovo record italiano assoluto della specialità, 8,30 indoor e 8,47 outdoor.

Misure certamente ben diverse dal 7,63 (serie completa: 7,63 – 7,61 – N – N – 7,61 – N – N) da lui saltato, praticamente senza avversari, oggi pomeriggio ad Ancona, che, seppur rappresenta il suo debutto stagionale al coperto, non voleva essere nient’altro che un test in cui mettere a punto e valutare in tranquillità, con il pretesto della gara, l'intenso lavoro su rincorsa e chiusura, svolto nel suo recente stage di allenamento negli Stati Uniti.

Ad attenderlo ora ci sono, tra una settimana, i Campionati Italiani Assoluti di Genova e, poi, a marzo, i Mondiali di Valencia.

Tra gli altri risultati del Meeting di Ancona, nei 60hs femminili in batteria, 8.42 per Margaret Macchiut (Fondiaria SAI) e 8.44 per Marta Tomassetti (Esercito). In finale ottimo 8.95 per l'allieva Daniela Spadoni (Cus Urbino). Al maschile invece, vince in 8.07 il recanatese Andrea Cocchi (Aeronautica). Nel peso, 16,20 m per l'ascolano Aldo Apolito (Carbinieri), mentre nel triplo Giovanna Franzon (Forestale) ha saltato 12,53 m. Finale con la staffetta 4x200, vinta dal quartetto maschile dello Sport Atl. Fermo (Centolanza-Catini-Dadach-Marè), al traguardo in 1:31.94.

Nella foto, ANDREW HOWE (Giancarlo Colombo per OMEGA/Fidal)



Condividi con
Seguici su: