Olivieri primato regionale promesse al T.A.C. di Imola

16 Luglio 2020

Il carabiniere Giorgio Olivieri ha migliorato il primato regionale promesse nel martello con 72,65. Morara 1,78 nell'alto.

 
In conclusione del Test di Allenamento Certificato di Imola, organizzato dalla Atl. Imola Sacmi Avis, viene migliorato il primato regionale promesse del lancio del martello maschile. Giorgio Olivieri, da questa stagiona entrato nel G.S. Carabinieri Bologna, a prosecuzione di una carriera che l'ha visto vincere titoli nazionali giovanili a ripetizione a partire dal 2015 nelle categorie cadetti, allievi e juniores, lancia a 72,65, 13 cm oltre il primato regionale under 23 che apparteneva a Lorenzo Povegliano (Carabinieri), con la misura di 72,52 e risaliva al 2006. Povegliano è anche il detentore del primato regionale assoluto con 79,08, che detiene dal 2012. La misura di Oliveri ha migliorato il primato personale che era di 72,03, ottenuto da juniores con il 3° posto ai Campionati Italiani Assoluti a Bressanone nel 2019 e si pone al 3° posto nella graduatoria regionale assoluta all time della Emilia Romagna nel martello, dopo il citato 79,08 di Povegliano (2012) e 74,02 di Gianni Nadalini (1997).
Oltre alla gara di martello maschile, che ha visto al 2° e 3° posto Luca Soresini (Cus Parma) e Andrea Fagliarone (Atl. Imola Sacmi Avis) separati di 2 cm (49,18 e 49,16 rispettivamente), al T.A.C. di Imola ci sono stati diversi altri risultati di rilievo. 
Nell'alto femminile Marta Morara (Atl. Lugo) con 1,78, ha eguagliato la sua migliore misura outdoor che risaliva al 2016, inferiore di 1 solo cm rispetto a quella assoluta con 1,79, realizzata vincendo il titolo nazionale juniores indoor nel 2018.
Nell'asta maschile 4,80 per Jacopo Mussi (Fratellanza 1874 Modena), con altri 4 atleti che vanno oltre i 4 metri: l'allievo Edoardo Cavicchia 4,30, lo junior Tommaso Zambreri 4,10, l'altro allievo Leonardo Lorenzini 4,10, tutti della formazione mantovana della Atl. Rigoletto, oltre allo junior Yoro Menghi (Fratellanza 1874 Modena) pure 4,10 e primato personale.
Nel triplo femminile prima volta oltre i 12 metri per la junior 1° anno Erica Fabbris con 12,01 (-0,6), seguita dalla allieva Sofia Pioli (Cus Parma) con 11,62 (-0,6), pure primato personale. Al debutto in questa specialità Sofia Zanotti (Atl. Lugo) che piazza un promettente 11,49 (-0,6). 
Sofia Zanotti aveva in precedenza ottenuto il miglior tempo nei 100 metri, vincendo la prima serie in 12.45 (-0,4), davanti alla compagna di club Valentina Bianchi con 12.72.
Sempre veloce Diego Aldo Pettorossi (Virtus Emilsider Bologna), vincitore della prima delle 9 serie in programma dei 100 metri con 10.67 (0,0). Ha preceduto il compagno di squadra Marco Gianantoni con 10.92, Denis Libofsha (Atl. Imola Sacmi Avis) con 10.98, Attilio Dante (Cus Palermo) con 11.00, Bokar Badji (Fratellanza 1874 Modena) con 11.02 e Alessandro Zucchini (Virtus Emilsider Bologna) con 11.08.
Negli 800 metri maschili, disputati interamente in corsia, nella prima serie Francesco Conti (Atl. Imola Sacmi Avis), con una bella progressione finale aveva vinto in 1.53.92, precedendo un mai domo Windwosen Bizzocchi (Virtus Emilsider Bologna) in 1.54.79, poi Pietro De Santis (Virtus Emilsider Bologna) in 1.56.61 e Ismail Grirane (Atl. Imola Sacmi Avis) in 1.57.63. Sorpresa, ma non più di tanto, nella ultima serie, nella quale l'ex nazionale juniores, ora al 2° anno promesse, Michele De Berti (Fratellanza 1874 Modena), al rientro dalle gare dopo uno stop per tutta la scorsa stagione, dopo un primo giro di controllo, teneva molto bene chiudendo forte anche nel rettilineo finale e fermava il cronometri in 1.53.85, ottenendo quindi la migliore prestazione nel test.
Negli 800 metri femminili 1° posto per Irene Dall'Aglio (Francesco Francia) con 2.22.67, davanti all'allieva Emanuela Rossi (Polisportiva Atletico Borgo Panigale) con 2.26.31.
Nel disco femminile con 16 atlete in gara, successo per Simona Boldrini (Bracco Atletica) con 43,39, davanti a Francesca Casprini (Atl. Lugo) con 42,04 (primato personale), alla allieva, campionessa nazionale cadette 2019, Miriam Tarè Bergamo (Assindustria Sport Padova) con 41,78 e all'altra allieva Alessandra Lipari (Carabinieri) con 39,79. Personali anche per le 2 allieve Bergamo e Lipari.
Nel martello juniores 6 kg 50,16 per Michele Babini (Endas Cesena) e nel martello allievi 5 kg 56,25 per Marco Fabbroni (Atl. Imola Sacmi Avis).
Nei 300 metri cadetti si impone Luca Marsicovetere (Edera Forlì) con 37,66, davanti ad Abrham Angino Asado (Polisportiva Centese) con 38.84 e ad Alessandro Giuffrida (Endas Cesena) con 38.94.
Nei 300 metri cadette un altro successe per Giada Donati (Edera Forlì) con 43.12, davanti a Melissa Turchi (Nuova Polisport. A. Consolini) con 44.77.

Risultati T.A.C. Imola 16 luglio

Giorgio Rizzoli

Condividi con
Seguici su: