Olhão: Rubino quinto, terza la squadra




 

Coppa Europa di marcia. Il pomeriggio riparte sull'asfalto delle calde strade di Olhão (Portogallo) dove sfilano gli uomini della 20km. Il sole picchia, il termometro resta oltre i 25 gradi con un tasso d'umidità al 70%. Condizioni non facili per la fatica dei marciatori. Gli azzurri Giorgio Rubino, vincitore della passata edizione, e Matteo Giupponi partono nella nutrita pattuglia di testa e transitano ai 5km in 21:17. Nel gruppo non mancano i favoriti della vigilia: i russi Emelyanov (il campione europeo in carica) e Kanaykin (il primatista mondiale, al rientro internazionale dopo la squalifica per doping), lo slovacco Toth e l'irlandese Heffernan. Al giro di boa (42:21) si affaccia davanti il polacco, ottavo a Barcellona, Jelonek, ma sono ancora una dozzina stretta gli atleti che pilotano la gara, tra cui resistono i due italiani. Cinque chilometri dopo, il crono segna 1h03:16 e i battistrada sono diventati la metà. C'è sempre Jelonek, tallonato da Rubino, Toth ed Emelyanov. Giupponi è ritardo di un minuto (1h04:16), seguito dall'altro azzurro Tontodonati (1h04:45). Si va ormai verso la conclusione. Tra il 16°-17° km si accendono le polveri. E' il momento di Emelyanov che cambia passo e inizia in progressione il suo cammino solitario verso la vittoria. Il campione continentale chiude in 1h23:27. Secondo Toth (1h23:53) e terzo Jelonek (1h23:59). Rubino precede il russo Kanaykin (1h24:20) ed è quinto - come agli Europei di Barcellona - in 1h24:14, dietro allo spagnolo Sanchez (1h24:12). Dodicesimo Giupponi (1h26:30) e quattordicesimo Tontodonati (1h26:59), ritirato Daniele Paris. Per l'Italia è bronzo a squadre alle spalle di Russia e Spagna. "Ho dato tutto quello che avevo in corpo - commenta Rubino all'arrivo - dove non potevano arrivare le gambe oggi è arrivata la testa. So come muovermi nel caldo e questo oggi, dopo tutti i problemi fisici patititi in inverno, lo considero un nuovo inizio. In termini di condizione mi sento la stessa base di partenza su cui ho lavorato lo scorso anno per Barcellona, solo che stavolta ho tre mesi davanti. Ne riparliamo in agosto a Daegu...".

Nella foto, il ventista azzurro Giorgio Rubino (Giancarlo Colombo/FIDAL)

File allegati:
- RISULTATI/Results



Condividi con
Seguici su: