Nella classifica dopo la seconda giornata i cadetti al 2 posto e le cadette al 6




 

Al termine della seconda giornata dei Campionati Cadetti per Regioni l’Emilia Romagna è al 2° posto in classifica nei cadetti, dietro alla Toscana e davanti alla Lombardia, Lazio, Piemonte e Veneto. Bene anche le cadette che si trovano al 7° posto in classifica con Veneto e Lombardia, tradizionali regioni dominatrici del Campionato (in primis la Lombardia) nelle prime 2 posizioni e poi, a precedere l’Emilia Romagna, anche Friuli, Toscana, Piemonte e Lazio.

Domani giornata finale e l’Emilia Romagna schiererà fra gli altri Sara Corradin nel giavellotto, Federico Mengozzi nei 1000 e Alessandro Bellelli nell’alto, nonché le 2 staffette 4x100 e ci sono tutti i presupposti per confermare questi ottimi piazzamenti !

Al termine della seconda giornata il bottino per la nostra rappresentativa è quindi di 3 titoli vinti con Marta Baruffini nel peso, Diego Pettorossi negli 80 e Tobia Bocchi nel triplo, 2 secondi posti con Paola Forghieri negli 800 e Francesco Lama nel lungo e 2 terzi posti con Agata Gremi nel martello e Simone Bernardi nei 2000 metri.

Riepiloghiamo tutti i piazzamenti dei nostri cadetti e cadette di questa seconda giornata.

Cadetti. 80 metri: Diego Aldo Pettorossi (Cus Bologna) si scatena in batteria con 9.04 (+1,4), primato personale, vicino al primato regionale di Giovanni Cellario di 9.01, che occupa anche il 2° posto nella graduatoria nazionale dopo la m.p. di Giovanni Galbieri con 8.92 (Diego si porta quindi al 3° posto all time). Il bolognese si conferma quindi il favorito per la finale, con avversari più accreditati il ligure Vallarino che ha corso la batteria in 9.22 e il piemontese Impelliccieri in 9.23, anche loro al primato personale. La finale A non ha il vento abbastanza favorevole come nelle batterie, anzi è leggermente contrario (-0,7) e le prestazioni ne risentono: Pettorossi vince con buon margine in 9.22, 9.36 per Vallarino, mentre al 3° posto risale il veneto Tibe con 9.40. Diego Pettorossi è allenato da Cristian Cavina che in 8 giorni mette così a segno una splendida doppietta con i suoi atleti, visto che sabato scorso un altro suo atleta, Marco Gianantoni (Virtus Emilsider) aveva vinto i 100 metri ai Campionati Italiani Allievi di Firenze.

300 metri: nella finale B c’è Francesco Benetti (Sintofarm) che è in 8^ corsia e parte molto spedito, per poi cedere nettamente sul rettilineo finale: 38.20 è il suo tempo, dopo il 38.10 di ieri in batteria.

2000 metri: il senese di origine etiope Yohannes Chiappinelli realizza la m.p.n. con 5.29.15, con il nostro Simone Bernardi (Atl. Imola Sacmi Avis) che saggiamente lascia andare Chiappinelli, partito fortissimo (1.02.1 ai 400 !) e imposta la gara con ritmi comunque veloci rispetto al suo personale di poco inferiore ai 5’50”. Bello il suo duello con il sardo Riccardo Usai che alla fine prevale per il 2° posto con 5.40.78, ma per Bernardi c’è un grande primato personale con 5.41.26.

100 hs finale A con 2 atleti dell’Emilia Romagna: Giovanni Michelotti (Atl. Cinque Cerchi) in batteria con 14.07 (+0,1) aveva siglato il personale e ottenuto il 4° tempo, mentre Matteo Orsatti (Azzurra Parma) in gara come individuale si era qualificato con 14.19 (+0,1) e il 5° tempo. In finale (-0,4) Michelotti è 4° con 14.13 e Orsatti 6° con 14.50.

300 hs: Luca Bocchialini (Azzurra Parma) ieri in batteria aveva ottenuto il 3° tempo con il primato personale di 40.78. Nella finale A di oggi cede qualche posizione e si piazza al 7° posto con 41.22, nella gara vinta dal lombardo Segale con 39.31.

Asta: l’Emilia Romagna piazza 3 atleti nei primi 8, sia pure nelle posizioni non di vertice. Il migliore oggi è Andrea Stauder (Atl. Piacenza), in gara come individuale, che si piazza al 5° posto con il personale a 3,75. Primati personali anche per Simone Lazzari (Interflumina E’ Più Pomì), pure individuale, 7° con 3,60 e per Mattero Radman (Atl. Reggio) in gara per la rappresentativa, 8° con 3,60.

Triplo: Tobia Bocchi (Fmi Parma Sprint) mette subito le cose in chiaro al primo salto con 14,54 (+1,0); del resto le sue prestazioni stagionali lo mettono fuori concorso per gli altri cadetti e alla fine il parmense dominerà con quasi 1 metro di vantaggio sugli altri; al 2° turno il salto di 14,61 (+1,3), che migliora di 1 cm il suo primato regionale che aveva realizzato a Cremona l’8 settembre scorso. Bel piazzamento anche per l’altro emiliano Enea Colombi (Atl. Piacenza), 5° posto con 12,85 (+0,6), primato personale.

Peso: 11° posto per Andrea Berti (Atl. Imola) che migliora il personale con 12,71.

Disco: 5° posto per Gabriele Valanzano (Atl. Castiglione) con 37,55, primato personale. Valanzano è al 1° anno di categoria.

Martello: 13° posto per Giacomo Casoni (Pol. Castelfranco) con 40,87.

Giavellotto: 12° posto per Michele Brini (Atl. Lugo) con 41,34.

Cadette. 80 metri: sono 4 le atlete dell’Emilia Romagna che affrontano in mattinata le batterie di questa gara: conquistano l’accesso alla finale A Laura Fattori (Atl. Reggio), 1° anno nella categoria, che corre in 10.18 (+1,5), 4° tempo fra tutte e Paola Forghieri (Mollificio Modenese), 6° tempo con 10.23 (+0,1). Si qualifica per la finale B Eleonora Iori (Mollificio Modenese), anche lei classe 1998, fuori di poco dalla finale migliore, in quanto è il 9° tempo con 10.38 (+1,1). Non si qualifica invece Giulia Storti (Interflumina E’ Più Pomì) con 10.65 (+1,0). In finale Paola Forghieri compie un capolavoro, piazzandosi al 2° posto con 10.25 (+0,6), con l’alto atesina Julia Viktoria Calliari fuori portata per tutte e vincitrice con 9.90 dopo il 9.98 (+1,0) che aveva ottenuto in batteria. La Forghieri ha preceduto di strettissima misura le altre atlete, fra cui Laura Fattori, in gara per la rappresentativa, 6° posto con 10.32. Nella finale B Eleonora Iori si piazza al 4° posto con 10.54.

2000 metri: nella gara spettacolare vinta dalla lombarda Nicole Svetlana Reina, in testa dal primo all’ultimo metro, a cui non riesce migliorare la m.p.n., ma 6.15.55 è comunque un grandissimo tempo, con la seconda classifica, la veneta Francesca Tommasi, classe 1998, a 6.19.81, ci sono anche una serie di primati personali per le atlete a seguire, fra cui la nostra Monica Venturelli (Rcm Casinalbo) che si piazza al 9° posto con 6.52.71.

80 hs: 12.94 (+0,3) in batteria per Sofia Rinaldi (Atl. Castelnovo Monti) che le vale il 20° posto complessivo.

300 hs: 4° posto nella finale A per Alice Branchi (Coop Consumatori Nordest) con 45.79, 19/100 meglio del tempo realizzato ieri in batteria che era il 2° fra le ammesse alla finale principale. Nella finale B 5° posto con 47.34 per Francesca Grapelli (Sintofarm).

Alto: Matilde Avanzini (Coop Consumatori Nordest) si presentava come migliore misura fra le iscritte con 1,67, ma si è dovuta accontentare dell’8° posto con 1,59. Piccola consolazione: rimane saldamente la capolista stagionale, in quanto la gara è stata vinta dalla veneta Sara Brunato con 1,65. In gara come individuale anche la 1° anno cadetta Melissa Monti (Nuova Atl. Molinella), che si è piazzata al 18° posto con 1,50.

Lungo: 11° posto per Sara De Punzio (Atl. Reggio) con 4,84 (+0,8).

Triplo: 4° posto per Maria Teresa Aldini (Atl. Reggio) che negli ultimi 2 salti recupera un paio di posizioni, prima con 11,07 (+0,3) poi con 11,24 (+0,9). 9° posto e per 3 cm fuori dalla finale per Martina Manzini (Atl. Cinque Cerchi) con 10,91 (+0,7).

Peso: è per Marta Baruffini il primo titolo nazionale per l’ Emilia Romagna a questi Campionati Italiani Cadetti di Jesolo e arriva anche con una bella misura, 12,87 (primato personale). La Baruffini deteneva già il miglior risultato stagionale con 12,80, oltre a una serie di altre misura sopra i 12,30. Nella gara di oggi ha preso il comando della gara dopo il secondo lancio, dopo un nullo nel primo, con 12,55. Il divario con le altre atlete sembrava netto, incrementato di altri 2 cm al quarto lancio con 12,57; al quinto lancio la veneta Yohely Jimenez Luna si avvicinava a Marta, con 12,56, lasciandole 1 solo cm di vantaggio e allora la parmense rompeva gli indugi e siglava il lancio vincente a 12,87, migliorando anche di 7 cm il suo limite personale. Infine nell’ultimo turno ancora un buon lancio per Marta a 12,55, mentre la veneta con 12,36 dimostrava di meritare la seconda piazza. Si è piazzata al 12° posto Maite Vanucci (Nuova Atl. Molinella), classe 1998, con 10,74.

Martello: continua a progredire Agata Gremi (Atl. Piacenza) che conquista la medaglia di bronzo con il primato personale di 49,96, superata dalla fenomenale piemontese Lucia Prinetti Anzal, campionessa uscente, che vince con 59,75, mentre la seconda classificata, la veneta Eleonora Calzavara, non è lontanissima, con 50,99. Anna Botti (Cus Ferrara), in gara come individuale, non ottiene lanci validi.

Pentathlon: si conclude anche il pentathlon in cui le atlete dell’Emilia Romagna si piazzano rispettivamente al 14° e 15° posto: Rebecca Jiang (Pontevecchio Bologna), in gara come rappresentativa, con 3208 punti e Denise Adorni (Atl. Reggio), in gara da individuale, con 3195 punti.

 

Giorgio Rizzoli

 

Le foto sono di Giancarlo Colombo/Fidal

 



Condividi con
Seguici su: