Nella 1^ g. di Ancona titolo assoluto per Piantella e promesse per Feudatari

16 Febbraio 2013


 

 

Un titolo italiano assoluto con Giorgio Piantella e uno promesse con Alessandra Feudatari, sono quelli conquistati dagli atleti delle società della Emilia Romagna nella prima giornata dei Campionati Italiani Indoor Assoluti e Promesse, iniziati oggi ad Ancona. A cui si aggiungono il podio assoluto di Micol Cattaneo e quelli promesse di Elamjad Khalifi e di Riccardo Serra.

Giorgio Piantella vince il titolo indoor del salto con l’asta per la sesta volta, dopo il 2005, 2007, 2009, 2010 e 2011, a cui vanno aggiunti quelli outdoor del 2005, 2006, 2008, 2009, 2010. La misura di oggi è 5,50, superata alla prima prova, come pure alla prima aveva superato 5,10, 5,30 e 5,40. Al 2° posto Marco Boni (Aeronautica) con 5,45.

Per Alessandra Feudatari (Interflumina E’ Più Pomì) il titolo promesse vinto oggi nei 60 hs, incrementa un bottino veramente importante, considerati i 22 anni: si tratta del sesto titolo, quinto come atleta della Emilia Romagna, in quanto, quando conquistò il suo primo titolo nazionale (60 hs indoor allieve nel 2008), la sua società di sempre, la Inferflumina di Castelmaggiore, era tesserata presso il Comitato Regionale della Lombardia. Dopo quello del 2008, Alessandra ha vinto i 100 hs juniores nel 2009 e 2010 e i titoli promesse nel 2012 nei 60 hs indoor e 100 hs. Poi ci sono anche 5 secondi posti e un 3° posto, sempre fra juniores e promessa, dal 2009 al 2011.

Nella gara di oggi è arrivato anche il primato personale, con il 6° posto in finale, con 8.45, che migliora di 1/100 il suo primato che risaliva al 2009.L’altra medaglia vinta oggi fra gli assoluti è di Micol Cattaneo (Carabinieri), al 2° posto nei 60 hs che hanno visto la grande prestazione di Veronica Borsi (Fiamme Gialle), vincitrice con 8.00, che ha scalzato anche Micol dal 2° posto nella graduatoria nazionale all time, con l’8.02, realizzato a Valencia nel 2008, che è anche il primato regionale Emilia Romagna. La Cattaneo, campionessa italiana indoor nei 60 hs nel 2004, 2007, 2008 e 2009, quest’anno non è andata tanto lontano dai suoi migliori risultati del 2008, avendo corso in 8.09 al Meeting di Karlsruhe: oggi ha corso in 8.27 in batteria, poi 8.16 in semifinale, regredendo leggermente nella finale chiusa in 8.18.

Nelle promesse sono poi state conquistate altre 3 medaglie, grazie a 2 atleti della Fratellanza, Elamjad Khalifi nel salto con l’asta e Riccardo Serra nel lungo, entrambi al 3° posto nella categoria e al carabiniere Camillo Kaborè, 2° nel lungo. Per Khalifi, che gareggiava solo per il titolo promesse, ma non per i Campionati Assoluti in quanto non ancora italiano, anche un buon 4,70, che è anche primato personale eguagliato. Nel lungo 2° e 3° posto fra le promesse quindi per 2 atleti della Emilia Romagna: il lombardo Kaborè ha saltato 7,47, a 7 cm dalla misura vincente del vicentino Turatello, ottenendo anche il 6° posto assoluto, mentre il modenese Serra è arrivato a 7,21, che gli è valso l’8° posto fra gli assoluti.Nelle altre gare da segnalare anche il bel 4° posto nella finale dei 60 hs per Alessandra Arienti (Cus Parma) con 8.38, che eguaglia il personale e il 6° posto fra le promesse per Riccardo Tamassia ( Fratellanza) nei 1500 che ha sfiorato il suo limite assoluto con 3.55.60. 

Giorgio Rizzoli

 

Foto di FIDAL COLOMBO/FIDAL

 

 

 

 



Condividi con
Seguici su: