Mosca, numeri mondiali

12 Agosto 2013

Nessuna come Shelly-Ann Fraser-Pryce: 4 ori nei 100 tra Mondiali e Olimpiadi. Dalle sei finali di oggi, note a margine delle gare

 

100 DONNE

Il 10.71 con cui la giamaicana  Shelly-Ann Fraser-Pryce ha conquistato l'oro dei 100 metri a Mosca stasera, è l'undicesima prestazione assoluta all-time, inferiore di un solo centesimo al personale della giamaicana (10.70), e nuovo primato mondiale stagionale. Altro dato degno di nota relativamente alla prestazione della sprinter giamaicana, è il più ampio margine mai inflitto in una finale mondiale alla seconda classificata (ben 22 centesimi). Si tratta anche della quinta volta che due atleti di identica nazionalità vincono l'oro nei 100 maschili e femminili. Gli stessi Bolt e Fraser-Pryce, infatti, avevano già "duettato" a Berlino, e in precedenza il doppio oro mondiale fu due volte conquistato da Maurice Greene a Marion Jones, e una volta dalla coppia Justin Gatlin-Lauryn Williams.

Dato ancor più rilevante, e record assoluto, l'oro della giamaicana le permette un Grande Slam unico: è l'unica atleta della storia ad aver vinto nei 100 metri due titoli mondiali e due titoli olimpici. Schiacciasassi. Primato statistico anche per Carmelita Jeter, bronzo, che coglie la quarta medaglia consecutiva nei 100 iridati dopo i due bronzi di Osaka e Berlino e l'oro di Daegu, eguagliando Merlene Ottey, che dal 1987 al 1995 collezionò due medaglie d'argento e due di bronzo. Infine, l'argento di Murielle Ahoure porta non solo per la prima volta sul podio dei 100 metri femminili la Costa d'Avorio, ma addirittura il continente africano. Nel medagliere "storico" dei 100 Mondiali, gli USA allungano la leadership col bronzo della Jeter (totale ora di sette ori, tre argenti e quattro bronzi) ma la Fraser-Pryce assottiglia il gap con l'oro: per la Giamaica ora il bilancio è 3-5-2.

ASTA UOMINI 

Note più che interessanti anche dalla finale del salto con l'asta maschile: il tedesco vincitore Raphael Holzdeppe è il primo specialista di colore a vincere un titolo mondiale, ma non è il primo a salire su un podio importante. Ai Giochi di Sydney 2000, l'argento andò infatti, a parità di misura con il vincitore Nick Hysong (5,90) allo statunitense della Virginia Lawrence Johnson, uno dei migliori interpreti USA della specialità a alla fine del secolo scorso.

A livello di medagliere iridato della specialità, l'oro di Holzdeppe è il primo conquistato da un astista tedesco. Fino a oggi, il miglior piazzamento di un atleta della Germania era il bronzo conquistato da Danny Ecker a Osaka. Ancora a merito di Holzdeppe, l'unicità di essere il primo atleta della storia a vincere il titolo mondiale senior dopo aver vinto quello mondiale junior (è stato anche campione europeo under 23).

Resta sul capo del favorito della finale Renaud Lavillenie, e della scuola francese in generale, la "maledizione" che impedisce a lui e alla Francia di arrivare all'oro iridato. Da quando è lo zar transalpino dell'asta, Lavillenie ha collezionato due bronzi a Berlino e Daegu, e l'argento di oggi. A consolarlo, nonostante tutto, c'è l'oro più grande di tutti, quello Olimpico di Londra. Per la Francia, il medagliere Mondiale conta oggi quattro argenti e tre bronzi, ma nessuna medaglia d'oro. Con sette medaglie, però, i francesi sono saliti sul podio più volte di tutti, lasciandosi alle spalle da oggi astisti dell'URSS (sei) e della Russia post-sovietica (ancora sei).

Non è la prima volta, inoltre, che due atleti della stessa nazione salgono sul podio nella stessa occasione (oggi impresa riuscita a Holzdeppe e a Björn Otto). I francesi Lavillenie e Mesnil c'erano riusciti a Berlino, e in precedenza al duo russo Tarasov-Trandenkov (a Stoccarda '93 dividendosi ex-aequo il bronzo) e ai sovietici Bubka e Tarasov (a Tokyo), Bubka-Gataullin (a Roma) e Bubka-Volkov (a Helsinki '83), ma negli ultime tre casi citati si tratta di nazionalità poi divise dalla frammentazione dell'Unione Sovietica. Bubka ucraino, Tarasov e Volkov russi, Gataullin all'epoca uzbeko prima di acquisire la nazionalità russa. Per finire, il podio tutto firmato Europa di oggi riporta tre specialisti del Vecchio Continente sul podio contemporaneamente a distanza di diciotto anni il podio di Göteborg '95 (Bubka, Tarasov e Galfione),

110 OSTACOLI / 400 DONNE - la città di Mosca ritrova un russo sul podio dei 110 ostacoli di una manifestazione globale (Olimpiade o Mondiale) a distanza di 33 anni dal bronzo olimpico di Puchkov a Mosca (col boicottaggio). L'unico precedente, il bronzo di Mikhaylov ai Giochi del 1964, a Tokyo.

Nei Mondiali di atletica, invece, grazie a Shubenkov (bronzo) la Russia fa il suo esordio in zona-medaglia. Nei 400 donne, la britannica Christine Ohuruogu ha conquistato un'altra medaglia d'oro dopo quella di Osaka 2007, ha eguagliato il record di due ori detenuto da Marie-Josée Pérec e Cathy Freeman, che però vinsero in edizioni successive.

PESO DONNE / MARTELLO UOMINI - Adams da primato: con l'oro di oggi, le neozelandese è la prima atleta a mettersi al collo la medaglia d'oro mondiale del getto del peso femminile per ben quattro volte, e consecutive, estendendo un dominio iniziato da Osaka 2007. Grazie all'exploit finale di Christina Schwanitz, invece, la Germania porta a 10 il numero di medaglie conquistate in una finale iridata, un record, mitigato però dalla perdita del primato di medaglie d'oro, ora appannaggio della Nuova Zelanda con quattro. Infine, il successo del giovane martellista Pawel Fajdek restituisce l'oro alla Polonia a 12 anni dal trionfo di Ziolkowski, oggi nono. Gongolano anche nella Repubblica Ceca: grazie al bronzo di Lukas Melich, sale sul podio del lancio del martello per la prima volta nel binomio Mondiale-Olimpiade. In Ungheria, pur poco soddisfatti per l'argento del favorito Pars, campione olimpico, si consolano col primato di medaglie conquistato ai Mondiali, portato a sei con il secondo posto di Pars, un dato che permette alla scuola magiara di eguagliare i podi di sovietici e bielorussi.

Marco Buccellato

LO SPECIALE RAI SPORT - DIRETTA STREAMING

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia - hashtag: #Moscow2013 | Facebook: www.facebook.com/fidal.it

ISCRITTI/Entries | RISULTATI/Results | TUTTE LE NOTIZIE SULLA SQUADRA AZZURRA A MOSCA | IL PROGRAMMA ORARIO CON GLI ITALIANI IN GARA

FOTO/Photos



Condividi con
Seguici su: