Mondo: la maratona a ridosso dell'oceano

24 Novembre 2019

L'Atlantico visto da La Rochelle: 2h08:22 del keniano Ngatuny. Giovani big: Jacob Kiplimo vince all'esordio nella mezza, Rhonex Kipruto sui 10 km in Kenya. Cross NCAA e in Europa, 10.000 metri in Giappone e news delle indoor che verranno.


 

di Marco Buccellato

A tre anni dall'ultimo successo in una maratona il 27enne keniano Emmanuel Oliaulo Ngatuny, inattivo lo scorso anno e secondo a Linz nel 2017, è tornato a vincere, anzi rivincere, la 42 km francese di La Rochelle, dove appunto tre anni fa esordì sulla distanza in 2h10:46. Il trionfo di oggi, nettissimo, è confortato anche da un gran primato personale, 2h08:22, tuttavia distante dal record della corsa (2h07:13 di John Kipkorir Komen). A oltre quattro minuti, l'etiope Deresa Geleta (2h11:26), su un percorso per niente agevole, ma suggestivo per i lunghi tratti con meraviglioso affaccio sull'Atlantico. Per la seconda volta a La Rochelle una donna ha chiuso sotto le 2h30, altra firma keniana, di Marion Kibor (2h29:51), che ha preceduto la connazionale Eunice Nyawira Muchiri (2h31:38). Meno brillanti i risultati della 42 km spagnola di San Sebastián, vinta da Collins Cheboi in 2h11:57 e dalla 31enne lusitana Susana Cunha (2h36:09), all'esordio sulla distanza. Negli USA (Philadelphia) 2h32:47 della etiope Feyne Gudeto Gemeda e più interessante 1h09:08 della keniana Vicoty Chepngeno, a due settimane dall'1h08:03 di Monterey Bay.

KIPLIMO COMEBACK - Dopo una stagione culminata, nella sua parte iniziale, con il favoloso argento ai Mondiali di cross di Aarhus (davanti a Kamworor!), il 19enne ugandese Jacob Kiplimo è tornato a gareggiare a sei mesi dall'ultima uscita, la vittoria della 10 km di Manchester in maggio. L'occasione per riaverlo in gara è stata la mezza maratona di Kampala, vinta in 1h01:53, un esordio piuttosto incoraggiante sulla distanza, soprattutto per il buon parterre di avversari finiti dietro di lui, tra i quali Felix Chemonges (1h02:57) recentemente primatista nazionale di maratona a Toronto in 2h05:12. Più serrato l'arrivo donne, con Juliet Chekwel (Gs Lammari), vincitrice quest'anno della mezza maratona di Padova, che ha preceduto in 1h13:08 Doreen Chemutai, staccata di un secondo.

KIPRUTO SUI 10 KM - Il bronzo mondiale dei 10.000 metri Rhonex Kipruto ha vinto in Kenya la Tuskys Great 10km in 28:24 contro avversari validi, tra i quali Brimin Kipruto, solo tredicesimo. Nella 10 km donne si è imposta anche l'altro bronzo iridato dei 10.000 metri di Doha, Agnes Tirop, con stretto margine su Brillian Jepkorir.

CROSS NCAA - Africani vincenti anche nei campionati NCAA di cross di Terre Haute, con successi maschili del keniano Edwin Kurgat e della eritrea Weini Kelati. Massima visibilità mediatica e social sulle vittorie di team, andate per la prima storica volta alla Brigham Young University tra gli uomini e, per concludere un anno trionfale, al team femminile dell'università dell'Arkansas, che nel 2019 con le sue talentuose atlete ha dominato tutto l'arcobaleno NCAA, dai campionati indoor a quelli outdoor, e ora con il trionfo nell'attività campestre.

CROSS EUROPA - Campestri francesi: vittorie del marocchino Moustaoui e della etiope Negasa a Volvic ieri e doppietta etiope a Leffrinckoucke oggi con Aregawi Berihu e Aberash Belay. Dietro Berihu, Oscar Chelimo e, più indietro, il campione europeo U23 Jimmy Gressier. In Spagna, a Alcobendas, vincono il burundiano Thierry Ndikumwenayo e la keniana Eva Cherono. Ndikumwenayo era giunto secondo a Soria sette giorni fa. Illustri battuti nel fango spagnolo: gli ugandesi Thomas Ayeko, Maxwell Rotich, Timothy Toroitich e Fernando Carro tra gli uomini, Rose Chelimo tra le donne (seconda come a Soria). Niente bis, quindi, per i vincitori a Soria, appunto Maxwell Rotich e la junior portoghese Mariana Machado, oggi terza. Nella Cross Cup belga di Roeselare, vincono Isaac Kimeli, dopo una faticosa sfida con Soufiane Bouchikhi, e Hanne Verbruggen. Nella prova maschile ritirato il primatista nazionale di maratona Bashir Abdi.

ULTIME DAGLI STADI - Recuperiamo l'ottimo record nazionale del giavellottista pakistano Arshad Nadeem, che ai Giochi Nazionali ha migliorato con 83,65 il precedente limite che aveva stabilito in qualificazione ai campionati mondiali di Doha (81,52). Ieri nel tradizionale Hachioji Long Distance Meet di Machida (Tokyo), una dozzina di keniani ha corso i 10.000 metri sotto i 28 minuti nella serie migliore: i migliori sono stati Evans Keitany (27:46.63), Evans Kipruto Yego (27:47.76) e David Ngure (27:48.22). Area multiple: il decatleta bielorusso argento olimpico Krauchanka e la partner Yana Maksimava (argento europeo indoor di pentathlon) hanno festeggiato la nascita della prima figlia.

INDOOR NEWS - Calendario fitto per le big dell'alto: Mariya Lasitskene esordirà a fine gennaio a Cottbus, gareggerà in tutte le tappe del World Indoor Tour con l'alto donne in programma e ai campionati russi, sulla strada dei Mondiali indoor di Nanchino. Yuliya Levchenko, solo quarta ai Mondiali di Doha pur saltando due metri, gareggerà al coperto ma con l'Europeo di Parigi e i Giochi di Tokyo come target principale. L'altra duemetrista, l'eptatleta Nafi Thiam, ha recuperato dopo l'infortunio di fine stagione ma non sarà a Nanchino per la rassegna iridata in sala. Niente trasferta cinese anche per Karsten Warholm, che avrà solo due apparizioni in Norvegia. Già si pregusta, in tema Nanchino, una gara-monstre di peso maschile, con Tom Walsh alla ricerca del terzo titolo mondiale al coperto e Ryan Crouser (lo statunitense ha confermato l'obiettivo iridato indoor 2020) deciso a soffiarglielo.

PREVIEWS, VALENCIA - Domenica 1 dicembre spettacolare appuntamento doppio a Valencia. Sui 10 km l'ugandese iridato di cross e dei 10.000 metri Joshua Cheptegei tenta l'assalto al record del mondo di 26:44. Nella maratona, etiopi di primo piano contro il norvegese Moen e il ritorno di Vivian Cheruiyot, contro le etiopi Dereje e Birhane Dibaba per un contest di valore assoluto. Nella 42 km uomini esordio di Augustine Choge. Un altro iridato di Doha, il siepista Conseslus Kipruto, correrà i 15 km in Olanda nella Montferland Run di 's-Heerenberg contro Brimin Kipruto e il neo-recordman dei 5 km su strada Keter. 

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it


Agnes Tirop (foto TuskyOfficial)


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate