Mondo: Dubai autostrada d'Etiopia

29 Gennaio 2018

Grandi tempi e profondità mai vista dei runner etiopi nella 42 km degli Emirati. Mariya Lasitskene-Kuchina e Laura Muir regine del fine settimana indoor.


 

di Marco Buccellato

Non è stata solo una maratona dal finale-thrilling, ma la miglior 42 km di sempre dal punto di vista del binomio "qualità + prodondità". Oltre ai nuovi primati sul percorso "iperflat" del Golfo Persico, 2h04:00 di Mosinet Geremew e 2h19:17 di Roza Dereje, la maratona di Dubai di venerdì scorso ha archiviato le migliori prestazioni cronometriche di sempre dal terzo al settimo classificato, sia a livello maschile che femminile (tutti personal best), facendone di fatto la maratona n.1 di sempre per risultati di insieme, con i primi cinque racchiusi in 8" (da 2h04:00 a 2h04:08) e altri due sotto le 2h05:00, tutti etiopi con solo uno di già trentenne. Stesso show tra le donne, con ben quattro atlete sotto le 2h20 (prima volta nella storia della distanza), e la settima a 2h21:45. A livello di graduatorie all-time di vertice (solo su percorso certificato con risultati omologabili), il 2h04:00 di Geremew si colloca in decima posizione, mentre la Dereje è ora la performer numero sette della storia.

TOP & ESORDIENTI - Leul Gebrselasie, secondo in 2h04:02, ha centrato la seconda miglior prestazione all-time per un esordiente, peggio solo del connazionale Adola (Berlino 2017). Birhanu Legese, sesto in 2h04:15, ha ottenuto la terza. Tamirat Tola, vincitore un anno fa, è giunto terzo in 2h04:06, stesso tempo del quarto, il 33enne Mengistu. Donne: la Dereje ha vinto la gara forzando la resistenza delle connazionali nell'ultimo miglio, precedendo Feyse Tadese (2h19:30), Yebrgual Melese (2h19:36) e la vincitrice uscente Worknesh Degefa (2h19:53). Contrariamente alla raccolta maschile, i risultati-top femminili sono stati ottenuti da atlete meno giovani dei maschi, eccezione fatta per Haftamnesh Tesfay, quinta in 2h20:13, che ha ottenuto anche il quarto posto tra le migliori esordienti di maratona. Debutto anche per l'argento mondiale di Pechino 2015 sui 5000, Senbere Teferi, nona in 2h24:11.

PASSAGGI INTERMEDI - il keniano Felix Kibitok è transitato al 30° km a 20" dal record mondiale in 1h27:33, guidando un gruppo di otto etiopi a 4" e 5". Meno interessanti gli intermedi femminili, a oltre tre minuti in ogni passaggio dai transiti-monstre di Mary Keitany nella storia della maratona.

A proposito della Keitany, a Londra attaccherà il record globale di Paula Radcliffe con l'aiuto di un pacemaker. Prima, sarà al via della mezza maratona di Ras Al-Khaymah venerdì 9 febbraio, dove è raccolto buona parte del meglio del pianeta: oltre alla Keitany, l'Elite Field donne presenta la primatista del mondo Joyciline Jepkosgei, Fancy Chemutai, Vivian e Lucy Cheruiyot, Edith e Joan Chelimo, Gladys Cherono, Eunice Chumba, Brigid Kosgei e Caroline Kipkiru. Non meno mostruoso l'Elite uomini, con i keniani Bedan Karoki, Leonard Barsoton, Jorum Okombo, Geoffrey Yegon, Solomon Yego, James Wangari e Josphat Tanui contro gli etiopi Lelisa Desisa, Guye Adola, Fikadu Haftu, oltre al turco-keniano Ali Kaya e all'ugandese Toroitich, nome-top della stagione crossistica.

MATSUDA-SUPER A OSAKA - Esordio col botto anche per la giapponese Mizuki Matsuda, che in forza di un eccellente "negative split" (1h11:59/1h10:45) ha vinto la 42 km di Osaka in 2h22:44 precedendo le connazionali Maeda (2h23:48) e Ando (2h27:37). Per la veterana Mari Ozaki il sesto posto n 2h30:03 vale il primato nazionale master M40. A Marrakech buon 2h26:48 della etiope Tinbet Gidey Weldegebriel sulle keniane Truphena Chepchirchir (2h28:11) e Ruth Wanjiru (2h28:27). Nei cross del weekend, vittoria casalinghe per Brigid Kosgei a Eldoret e firme africane a San Sebastian dell'etiope naturalizzato per il Bahrain Aweke Ayalew e della keniana Daisy Jepkemei.

INDOOR EUROPA, VOLA LASITSKENE CON 2,04 - Ancora una grande prestazione di Mariya Lasitskene-Kuchina, al personale indoor di 2,04 nella Coppa di Stalingrado a Volgograd e vicinissima in almeno un tentativo a 2,07, un centimetro sotto il top all-time indoor di 2,08. Nella gara uomini 2,30 per Ukhov. Francia: un bel meeting (Val de Reuil) onorato dal record mondiale U20 e mondiale stagionale dei 1500 maschili del 19enne Samuel Tefera (3:36.05). Top-performance 2018 (e primato africano indoor) anche per il triplista del Burkina Faso Fabrice Zango Hugues (17,23).

REGINA DI SCOZIA - Record scozzese per Laura Muir, l'ennesimo: stavolta l'1:59.69 realizzato sugli 800 metri a Glasgow ne fanno l'unica al mondo capace di correre gli 800 in meno di 2', i 3000 sotto gli 8:30 e i 5000 in meno di 15', naturalmente al coperto.

Risveglio-Bukowiecki: alla seconda uscita stagionale il campione europeo indoor ha lanciato a 21,23 a Spala. Occhio al bosniaco Pezer, due gare e due primati nazionali: stavolta il suo peso è atterrato a 20.76 a Belgrado. Chiusura con il campione del mondo dei 400hs Karsten Warholm, che ha portato il record nazionale indoor dei 400 piani a 45.88 due giorni fa.

INDOOR USA, SARUNI INSISTE - Altra performance di spicco del keniano Mike Saruni, studente a El Paso: stavolta si è espresso in 1:45.19 sugli 800 nel nuovo impianto di Lubbock, finalmente a sviluppo di 200 metri. Nella stessa riunione ben tre altisti a 2,30, Jeron Robinson, Trey Culver (già a 2,33) e Vernon Turner. Ottime cose ancora nel mezzofondo: a New York primato nazionale sul miglio della canadese Kate Van Buskirk in 4:26.92, leader mondiale anche sui 1500 con un passaggio di 4:10.06. Sulla pista gigante di Seattle l'iridata indoor Sifan Hassan ha corso i 3000 in 8:34.45, impressionando non più di Shalane Flanagan, ormai maratoneta-top e capace di esprimersi al coperto in 8:43.28. Si sono affrontati anche Yomif Kejelcha e Galen Rupp (altro maratoneta di vertice): il loro duello sui 5000 ha visto prevalere di pochissimo l'etiope in 13:34.67 sullo statunitense (13:34.78), prima di imporsi anche sul miglio in 3:56.95.

SPRINT & LANCI - World lead sui 60 dell'ivoriana Murielle Ahoure, 7.07 a Houston, e record nazionale della 4x200 donne in 1:32.67 a firma Jefferson, Stevens, Harper e Ruth. Doppio record mondiale staigonale della giovane Irby a Fayetteville, 22.96 sui 200 e 51.48 sui 400. Peso: il 19enne Jordan Geist è esploso con 21,45 a Seattle, passando per un 21,12 (già ampiamente personal best) nel corso della gara. La possente pesista giamaicana Danniel Thomas-Dodd ha migliorato il record nazionale portandolo a 18.46 in Ohio, mentre sull'isola caraibica sono già carburati da una settimana i discoboli Dacres (68,08) e Smikle (67,72). Ancora dall'atletica outdoor: in Nuova Zelanda l'iridato di getto del peso Tom Walsh aggiunge centimetri alla seconda uscita stagionale con un lancio di 21,14. Il bronzo olimpico dell'asta Eliza McCartney debutta con 4,70.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: