Mondo: Assefa e Kiptoo, Francoforte deluxe

29 Ottobre 2018

Gli etiopi dominano a Francoforte. Assefa da primato in 2h20:36. Record mondiale master di Mark Kiptoo in 2h07:50, già detentore del record di mezza maratona


 

di Marco Buccellato

La firma di Meskerem Assefa è di quelle d'autore. L'etiope, già detentrice del primato della Frankfurt Marathon dal 2012 (2h21:01), ha abbassato il limite della seconda 42km più importante tra quelle tedesche (dopo Berlino) a 2h20:36, in una gara che ha regalato ben sette specialiste sotto le 2h23 e, per le prime quattro al traguardo, le migliori prestazioni di sempre per piazzamento a Francoforte. Assefa-record quindi, con a seguire le cinque connazionali Haftamnesh Tesfay (2h20:47), Bedatu Hirpa, appena 19 anni, capace di un fantastico 2h21:32, ai vertici tra le migliori prestazioni Under 20 di sempre, Belaynesh Oljira (2h21:53), Dera Dida (2h22:39) e Sintayehu Hailemichael (2h22:45). Settima, la keniana 39enne Nancy Kiprop, capace di migliorarsi ben due volte quest'anno fino al 2h22:46 di ieri.

KIPTOO RECORD DEL MONDO MASTER - Niente primato della corsa al maschile (2h03:42 di Wilson Kipsang) ma un altro successo etiope dell'atleta secondo un anno fa, Kelkile Gezahegn, in 2h06:37, e altri cinque keniani sotto le 2h08, Martin Kiprugut Kosgei (2h06:41), Alex Kibet (2h07:09), Amos Mitei (2h07:28), Kenneth Keter (2h07:34) e il 42enne Mark Kiptoo, che in forza del favoloso 2h07:50 di ieri ha tolto la bellezza di 48" al primato mondiale master del connazionale Mungara. Per Kiptoo si tratta del secondo primato master di quest'anno, dopo l'1h01:04 ottenuto nella mezza maratona spagnola di Azkoitia-Azpeitia a inizio primavera.

LEMMA-JEPKESHO SUPER A LUBIANA - Due primati di notevole caratura tecnica hanno illuminato la maratona slovena di Lubiana. Entrambi i vincitori, l'etiope Sisay Lemma in 2h04:58 e la keniana Visiline Jepkesho (2h22:58) hanno letteralmente schiantato i precedenti record della corsa, rispettivamente 2h08:19 e 2h25:24. Lemma in particolare vanta, come Eliud Kipchoge, due maratone corse in questa stagione sotto le 2h05.

Discreto il resto del podio uomini, con l'altro etiope Gebretsadik Abraha (2h08:36) e l'eritreo Hiskel Tewelde (2h08:49). Ottimi crono per le piazzate femminili, l'argento olimpico dei 10000 metri Sally Chepyego (2h23:15) e l'etiope Dibaba Kuma (2h23:34). Record nazionale per la sesta, la moldava Lilia Fisikovici, in 2h28:26. Altra corsa in Corea, a Chuncheon, vinta in 2h08:50 dall'ennesimo etiope, Shifera Tamru Aredo, miglioratosi di ben quattro minuti.

50 KM RECORD - Primato nazionale del marciatore giapponese Tomohiro Noda, che ai campionati nazionali di Takahata ha migliorato il vecchio limite di Yuki Yamazaki (3h40:12), portandolo a 3h39:47. Noda ha anche sensibilmente abbassato la miglior prestazione mondiale stagionale. Record anche sui 50km donne grazie a Serena Sonoda (4:29:45). Rientro del primatista mondiale dei 20km Yusuke Suzuki, secondo in 1h21:14 dietro Daisuke Matsunaga (1h20:36). Con la maratona di New York in arrivo, resta in calendario, rimanendo all'area nipponica, la 42km di Fukuoka che lo scorso anno regalò il primato d'Europa del norvegese Moen. Tra gli iscritti della maratona giapponese, figurano il campione del mondo 2015 Ghirmay Ghebreslassie, l'etiope Yemane Tsegay, il keniano Vincent Kipruto, l'ex-primatista asiatico Shitara e lo scozzese Hawkins.

LAGAT, DEBUTTO A NEW YORK - Domenica 4 novembre esordio di lusso nella New York Marathon, forse la più conosciuta e suggestiva 42km del pianeta. Fari puntati sul 43enne Bernard Lagat, ma anche sui vincitori uscenti Geoffrey Kamworor e Shalane Flanagan. Al via molti altri protagonisti delle grandi maratone, quali Daniel Wanjiru, Lelisa Desisa e, al femminile, cast dei sogni con Vivian Cheruiyot, Mary Keitany, la vincitrice nella tempestosa Boston Desiree Linden, Netsanet Gudeta e Mamitu Daska. Show garantito.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: