Mondiali juniores con tre marchigiani




 

Ha preso il via in Canada la tredicesima edizione dei Campionati mondiali juniores di atletica. Nella notte italiana si è svolta la cerimonia di apertura allo stadio di Moncton, nella regione atlantica del New Brunswick, con l’assegnazione del primo titolo iridato under 20 (sui 3000 metri femminili), mentre da oggi e fino a domenica andrà in scena il programma completo di tutte le altre gare. Convocati anche tre atleti marchigiani, su cui spicca il nome del discobolo Eduardo Albertazzi (Fiamme Gialle/ASA Ascoli Piceno), alla sua seconda partecipazione nella rassegna: infatti fu azzurro già due anni fa a Bydgoszcz in Polonia, quando era ancora allievo, sfiorando l’accesso in finale. Anche stavolta il primatista e pluricampione italiano si presenta con buone possibilità, visto che è in possesso dell’ottava misura mondiale dell’anno per la categoria juniores. La qualificazione a Moncton è in programma venerdì 23 luglio alle ore 9.00 locali (le ore 14.00 in Italia), mentre la finale sabato 24 luglio alle ore 15.30 (20.30 italiane).

Il primo marchigiano a scendere in gara sarà però Gianmarco Tamberi. Per il giovane saltatore in alto di Offagna, figlio d’arte e portacolori della Bruni Vomano (dopo aver militato nell’Atletica Osimo), la qualificazione è prevista per domani sera, mercoledì 21 luglio alle ore 18.40 locali (23.40 in Italia), per cercare l’accesso alla finale di venerdì 23 luglio (ore 18.30, le 23.30 italiane). Tra le donne, importante esperienza per la martellista Sara Pizi (Tecno Adriatletica Marche): quest’anno si è laureata campionessa italiana juniores, meritandosi la partecipazione ai Mondiali di Moncton, dove andrà in pedana giovedì 22 luglio alle ore 9.00 locali (14.00 in Italia), con la finale che si disputerà sabato 24 luglio alle ore 13.30 (le 18.30 italiane).

 

Riepilogo programma atleti marchigiani (ora italiana)
Mercoledì 21 luglio: ore 23.40 qualificazione salto in alto maschile (Gianmarco Tamberi)
Giovedì 22 luglio: ore 14.00 qualificazione lancio del martello femminile (Sara Pizi)
Venerdì 23 luglio: ore 14.00 qualificazione lancio del disco maschile (Eduardo Albertazzi)
Venerdì 23 luglio: ore 23.30 finale alto maschile (eventuale Tamberi)
Sabato 24 luglio: ore 18.30 finale martello femminile (eventuale Pizi)
Sabato 24 luglio: ore 20.30 finale disco maschile (eventuale Albertazzi)

 

IL SITO WEB DEI MONDIALI JUNIORES DI MONCTON

 

Di seguito le schede biografiche dei tre atleti marchigiani, a cura di Raul Leoni.

Eduardo ALBERTAZZI (Disco/DT)
Nato a San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) il 14/9/1991 (2.01m/98kg)
Società: Fiamme Gialle
Allenatore: Armando De Vincentis
Curriculum: (NC) U18 DT (07-08), U20 DT inv. (09),U20 DT (09-10); WJC: 2008 (13Q/DT); EJC: 2009 (NMQ/DT)
PB/SB: (DT/1.75kg) 62.26 San Benedetto del Tronto 5/5/10, (DT/2kg) 57.11 Grosseto 1/7/10

Considerata la struttura fisica, era logico che si dedicasse al basket come prima attività sportiva: ma  l’esperienza vissuta presso l’Olimpia Villa Pigna non l’ha assolutamente soddisfatto. Consigliato dall’ex primatista italiano Armando De Vincentis, nel settembre 2006 si è presentato a provare con il disco al Campo Scuola di Ascoli: e in pochi mesi ha bruciato le tappe, stabilendo i primati italiani allievi con l’attrezzo della categoria (58.51) e con quello degli juniores (54.60, minimo per i Mondiali “under 20”: a Bydgoszcz ha poi sfiorato l’ingresso in finale). Anche al debutto tra gli juniores ha continuato a progredire, migliorando il limite italiano di categoria a più riprese (primo oltre i 60 metri, con 61.50: ma il 62.26 di San Benedetto non è stato omologato per essere l’unico in pedana). Reclutato dalle Fiamme Gialle nell’aprile 2010, risiede ad Ascoli e frequenta il Liceo classico.

Foto di Giancarlo Colombo/FIDAL


Gianmarco TAMBERI (Alto/HJ)

Nato a Civitanova Marche (Macerata) l’1/6/1992 (1.89m/71kg)
Società: Bruni Atl. Vomano
Allenatore: Marco Tamberi
Curriculum: NSC HJ (08); WYC: 2009 (18Q/HJ)
PB/SB: (HJ) 2.14i Ancona 6/3/10 – 2.14 Firenze 6/6/10

L’esempio di papà Marco, uno dei più grandi specialisti azzurri del passato, si è in parte fatto sentire: ma la grande passione del giovane Gianmarco è da sempre il basket, praticato a lungo come guardia di eccellenti prospettive nella Stamura Ancona. Fino al 2008 frequentava saltuariamente i campi di atletica: in tutta la scorsa stagione avrà messo insieme non più di 10 allenamenti, raggiungendo tuttavia un più che discreto personale di 2.01. Dalla primavera del 2009 ha cambiato opinione, ritenendo possibile il raggiungimento del minimo per i Mondiali di Bressanone: si è affidato a papà (“A casa litighiamo abbastanza spesso: ma in pedana andiamo d’accordissimo”) e l’obiettivo è stato raggiunto,anche se la finale iridata è sfumata per un soffio. Anche il fratello maggiore, Gianluca, è un validissimo talento, ma del giavellotto (4° con il nuovo record italiano agli Europei juniores di Novi Sad). Appassionato di musica, Gianmarco suona la batteria nel gruppo “The Dark Melody”, con un classico repertorio rock anni Settanta. Risiede ad Offagna e si allena solitamente ad Ancona. E’ studente di Liceo scientifico.

Foto di Giancarlo Colombo/FIDAL

 

Sara PIZI (Martello/HT)
Nata a San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) il 21/2/1991 (1.70m/105kg)
Società: Tecno Adriatletica Marche
Allenatore: Federico Latini
Curriculum: NC U20 (HT 10)
PB/SB: (HT) 57.22 Pescara 18/6/10

Per otto anni ha ricoperto il ruolo di portiere di calcio nel Caffè Porthos di Grottammare, poi ha provato il peso nel 2008 agli Studenteschi. Al martello è passata solo l’anno scorso: e finora è riuscita a padroneggiare solo tre giri in pedana, anche se talvolta le capita di provare anche la quarta rotazione. Risiede e si allena a San Benedetto del Tronto, dove studia al Chimico-Biologico.

Foto di Claudio Petrucci/FIDAL




Condividi con
Seguici su: