Mondiali, Perez domina, l\'Italia affonda




 
Comincia male, il Mondiale dell\'Italia. Nei 20 chilometri di marcia maschili, vinti dall\'ecuadoriano Jefferson Perez in 1h17:21 (miglior prestazione mondiale di sempre), gli azzurri non vanno oltre l\'undicesimo posto di Lorenzo Civallero, peraltro capace di chiudere con il nuovo primato personale, un eccellente 1h20:34. Sedicesimo posto per Michele Didoni, anche lui capace di un buon 1h21:23, e solo 21esimo Alessandro gandellini, 1h24:45. La gara e\' stata condotta per buona parte del suo svolgimento dallo spagnolo Fernandez, riagguantato da Perez (il campione olimpico di Atlanta \'96) nei chilometri conclusivi. Bronzo per il russo Rassakov (1h18:07), che ha beffato il messicano Hernandez (1h18:14) nel finale di gara. Si e\' trattato, con ogni probabilita\', della 20 chilometri di marcia piu\' veloce di sempre: tra i primi dieci, in sei hanno centrato il proprio limite personale. Gli azzurri non sono mai stati nel vivo delle operazioni, con Didoni e Civallero che hanno seguito da lontano il ritmo elevatissimo dei battistrada. Senza riuscire, pero\', a completare la rimonta. \"Sono comunque soddisfatto - le parole di Lorenzo Civallero -, il rpimato eprsonale è già un grande premio. Ho cercato di stare davanti, senza esagerare con il ritmo, tenento di tenere il più possibile. Anni fa, con questo tempo, avrei preso una medaglia; le cose, però, sono decisamente cambiate\". \"Ho peccato da un punto di vista nervoso - dice Gandellini - tra il decimo e l\'undicesimo chilometro mi sono come spento. Adesso dovrò capire se si tratta di un problema mio, o se è stato il troppo lavoro svolto a ridossso della gara ad aver pesato\". \"Era improponibile per me reggere certi ritmi - le parole di Michele Didoni - sono contento per Civallero, ma non ero in grado di seguire i primi. Dobbiamo imparare da spagnoli e messicani, ormai i nostri primati personali non sono più significativi a questi livelli\".
In alto, i tre marciatori azzurri sul traguardo: in basso, Michele Didoni (Omega/FIDAL)



Condividi con
Seguici su: