Militari: Aceti e Bongiorni tra i migliori otto

22 Ottobre 2019

A Wuhan, nella prima giornata della rassegna mondiale, quinto il quattrocentista in 47.05 dopo il 46.86 della batteria. La sprinter si qualifica con il primato stagionale di 11.61, poi è sesta in finale nei 100 metri (11.66)


 

Nella prima giornata dei Giochi Mondiali Militari, a Wuhan (Cina), due piazzamenti in finale per gli atleti italiani. Sui 400 metri è quinto l’azzurro Vladimir Aceti. Il portacolori delle Fiamme Gialle chiude nel tempo di 47.05 con un’azione in spinta anche nel tratto conclusivo, sulla pista bagnata dalla pioggia e nella corsia più interna, la seconda. Rimane a tre decimi e mezzo il podio, con la terza posizione a Musa Isah (Bahrain, 46.70) mentre il connazionale Abbas Abubakar Abbas si impone in 45.84. Entrambi hanno conquistato il bronzo ai Mondiali di Doha nella staffetta mista, invece l’argento va oggi al saudita Mazen Al Yasen (46.24). Due gare nell’arco di poche ore per il giovane quattrocentista brianzolo, 21 anni compiuti pochi giorni dopo il sesto posto raggiunto nella 4x400 alla rassegna iridata. In mattinata era riuscito a superare il turno, piazzandosi terzo nella quinta e ultima batteria in 46.86 per avvicinare il suo miglior risultato della stagione (46.71 a Rovereto), sempre alle spalle di Abbas (46.28) e Al Yasen (46.60), con il terzo crono di recupero in una selettiva fase eliminatoria, che ha dato il pass diretto solo al vincitore.

Obiettivo della finale centrato anche da Anna Bongiorni. La sprinter dei Carabinieri nei 100 metri arriva sesta in 11.66 (+0.4) dopo essersi qualificata di diritto, seconda nella batteria in 11.61 (+0.2) con il primato stagionale e il quinto tempo complessivo del turno. Quest’anno la 26enne pisana sinora non aveva fatto meglio di 11.73 al meeting di Zurigo, in una stagione condizionata da un infortunio, però a Doha è stata finalista nella 4x100 realizzando il record nazionale. Sul rettilineo di Wuhan, la francese Carolle Zahi con 11.36 resiste alla rimonta delle brasiliane Rosangela Santos (11.39) e Vitoria Rosa (11.40) che sorpassano la cinese Ge Manqi, fuori dalla zona-medaglie in 11.42.

Supera il primo dei tre turni nei 100 metri Federico Cattaneo: quinto in 10.83 (-0.2), una prestazione sufficiente per qualificarsi. Poi a causa di un risentimento muscolare il 26enne comasco dell’Aeronautica, che ha firmato il record italiano con la 4x100 ai Mondiali, non si presenta alla partenza della seconda semifinale, nella piovosa serata cinese. Eliminata invece Marta Milani sui 400 metri. La bergamasca finisce quarta in 55.01 nella batteria vinta da Iman Essa Jasim (Bahrain, 53.11) nei confronti della polacca Malgorzata Holub (53.37), mentre l’ultimo crono utile è di 53.87.

Per andare avanti la 32enne dell’Esercito, bronzo quest’anno con la 4x400 agli Europei indoor, avrebbe quindi dovuto esprimersi nei dintorni del primato stagionale di 53.75. Nel salto in lungo Kevin Ojiaku (Fiamme Gialle), come annunciato, è stato costretto a dare forfait per un problema fisico insorto alla vigilia, e la velocista Jessica Paoletta (Esercito) verrà schierata solo nella 4x100 metri.

LE PRIME FINALI - Assolo vincente nei 400 femminili della campionessa mondiale Salwa Eid Naser. La 21enne del Bahrain domina in 50.15, nonostante il maltempo, e per il secondo posto emerge la junior russa Polina Miller (51.49) sulla polacca Justyna Swiety-Ersetic (52.19). Gara stellare nel peso: il brasiliano Darlan Romani con 22,36 a ottobre inoltrato sale sul gradino più alto del podio (dopo averlo mancato a Doha nonostante il lancio a 22,53) ma sfiora i ventidue metri anche il polacco Konrad Bukowiecki (21,84), bronzo per il lussemburghese Bob Bertemes (20,66). Un’altra quarta classificata dei Mondiali vince al femminile sui 3000 siepi, con il successo di Winfred Yavi (Bahrain) in 9:19.24, anche qui davanti a due europee: la slovena Marusa Mismas (9:24.47) e l’albanese Luiza Gega (9:26.35). In queste tre gare, battuto il record della manifestazione. Al russo Ilia Ivanyuk per l’oro nell’alto basta un 2,20 alla prima prova. Si prendono gli altri titoli in palio nella prima giornata l’iraniano Hassan Taftian con 10.24 (-0.5) sui 100 metri e la cinese Wang Zheng (69,34 nel martello).

DOMANI 4 AZZURRI - Altri quattro atleti italiani entreranno in gara per la seconda giornata, mercoledì 23 ottobre. Le batterie dei 200 metri attendono Gloria Hooper (Carabinieri), alle 9.30 ora locale (3.30 in Italia) nella seconda, e Irene Siragusa (Esercito), cinque minuti più tardi nella terza (3.35). Passano il turno le prime tre, con recupero di quattro tempi, verso le semifinali delle ore 14.35. Tra gli uomini Davide Manenti (Aeronautica) al via in prima batteria (ore 3.55) e il compagno di club Andrew Howe nella quarta (4.10): in questo caso la formula è 3+6 per un posto nelle semifinali che scatteranno alle 14.10. Gli sprinter italiani dovranno però rinunciare alla 4x100 in seguito all’infortunio di Federico Cattaneo. Giovedì 24 ottobre, in programma le finali: 200 donne (ore 14.00) e uomini (14.10), 4x100 donne con finale diretta alle 14.25. L’ultima presenza azzurra a Wuhan, in ordine cronologico, sarà quella di Ottavia Cestonaro (Carabinieri) nel salto triplo, alle ore 13.00 di venerdì 25 ottobre.

l.c.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate