Milano Marathon per oltre 7000, c'è La Rosa

27 Marzo 2019

Presentata a Palazzo Marino la 42 km del 7 aprile, anticipata dalla tre giorni del Running Festival. Il DT La Torre: "Verifica per l'azzurro sulla strada dei Mondiali di Doha"


 

di Cesare Rizzi (FIDAL Lombardia)

La Generali Milano Marathon scalda i motori. L’atto numero 19 della maratona è stato presentato nella prestigiosa sala Alessi a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano: la corsa organizzata da RCS Sports&Events e RCS Active Team, in programma domenica 7 aprile (partenza e arrivo a Porta Venezia, via alle ore 9:00), è destinata a superare il proprio record di partecipanti visto che gli iscritti sono già oltre 7000 (gli iscritti nel 2018 sono stati 6931, gli arrivati 5553). L’obiettivo però è anche vivere una maratona molto veloce, come ha spiegato Andrea Trabuio, direttore della Milano Marathon: "Vogliamo far scendere il tempo sotto le 2h07, anche per questo abbiamo ulteriormente ottimizzato il percorso". In chiave azzurra è il direttore tecnico delle squadre nazionali Antonio La Torre, a margine della conferenza di presentazione, a confermare un nome certamente spendibile sul tavolo della Generali Milano Marathon: "Stefano La Rosa è un atleta atteso a una verifica agonistica importante nella corsa verso una maglia azzurra per i Mondiali di Doha - annuncia il DT -. In generale fa piacere vedere che una gara come la Milano Marathon abbia numeri in costante ascesa". Numeri che sono cresciuti anche per la staffetta non competitiva, l’Europ Assistance Relay Marathon, che vedrà al via ben 3700 quartetti (+600 rispetto allo scorso anno): il 7 aprile Milano sarà vissuta di corsa da oltre 21mila persone.

MILANO RUNNING FESTIVAL: C'È TAMBERI – Nei tre giorni precedenti la maratona il capoluogo lombardo vivrà un gustoso antipasto con il Milano Running Festival: da giovedì 4 a sabato 6 aprile (proprio in corrispondenza con la visita del CIO a Milano) in zona CityLife e nei padiglioni di MiCo, già sede del Marathon Village negli ultimi due anni. Uno degli appuntamenti più attesi è come in passato la Bridgestone School Marathon, corsa non competitiva organizzata in collaborazione con OPES (Organizzazione per l'Educazione allo Sport), su un percorso di quasi 3 km riservata a studenti delle classi elementari, medie e ai loro accompagnatori. Come nel 2018 l’epilogo della School Marathon sarà sabato 6 aprile attorno alle ore 11 nei padiglioni di MiCo con un ospite d’eccezione come il campione europeo indoor di salto in alto Gianmarco Tamberi, che insegnerà ai giovanissimi “allievi” i rudimenti del salto in alto su una pedana montata per l’occasione. Anche l’atletica su pista avrà ampio spazio nel Milano Running Festival grazie all’iniziativa e alle strutture mobili del comitato regionale FIDAL Lombardia con la collaborazione di Track&Field Academy, Athletic Elite e comitato provinciale FIDAL Milano: venerdì 5 e sabato 6 aprile si esibiranno astisti di livello nazionale e regionale (nel pomeriggio di sabato è attesa anche la partecipazione dell’azzurro del decathlon Simone Cairoli, decimo agli ultimi Europei) e nel tardo pomeriggio di venerdì 5 andrà in scena RunFast, contest uno contro uno di velocità sui 30 metri. "L’atletica leggera è troppo bella per essere “chiusa” in un impianto, per questo la portiamo per il terzo anno di fila al padiglione MiCo", ha spiegato con entusiasmo il presidente FIDAL Lombardia Gianni Mauri.

LE DICHIARAZIONI - Antonio Rossi, sottosegretario con delega ai Grandi eventi sportivi Regione Lombardia: "La nostra regione si presenta di fronte agli atleti e al grande pubblico internazionale con l’ambizione e la prospettiva di conquistare, con la candidatura di Milano-Cortina, le Olimpiadi del 2026.

Per quanto riguarda la maratona io l’ho vista nascere nel 2000 quando partecipai alla staffetta, da allora l’evento è cresciuto sempre di più, d’altra parte sono più di 7 milioni gli italiani interessati al running".

Roberta Guaineri, assessore al Turismo, sport e qualità della vita del Comune di Milano: "La maratona è entrata nel cuore della città e dei cittadini. Rispetto ad altre manifestazioni simili si caratterizza per avere un grande valore sociale, grazie alle staffette collegate alle numerose charity. Sono sicura che il 7 aprile sarà un giorno di festa, un momento in cui si potrà fare del bene verso le realtà solidali, ma anche verso se stessi. Seconda novità: quest’anno ci sarà un progetto importante di recupero delle bottigliette di plastica utilizzate durante la corsa, come accade sempre per le corse in città, ma questa volta, grazie a Levissima, le bottigliette saranno riutilizzate per riqualificare il percorso vita nel parco Sempione". L’assessore ha ricordato anche l’importante appuntamento che ci sarà il 6 aprile alle 17 con la Santa Messa in Duomo per la benedizione dei maratoneti, una tradizione di New York che ora diverrà anche milanese.

Andrea Monti, direttore della Gazzetta dello Sport: "Gazzetta seguirà tutto il progredire dell’operazione maratona e sarà presente come media partner, motore e attivatore. Sul sito abbiamo un canale dedicato al running che sta crescendo sempre di più e che rappresenta un vivace punto di riferimento per i lettori. Sia il sito web gazzetta.it che le pagine del quotidiano descriveranno in dettaglio la 'tre giorni' dedicata al running, pubblicando anche tutti i nomi degli arrivati, sul dorso del numero in edicola lunedì 8 aprile".

Simone Bemporad, direttore della comunicazione e degli affari istituzionali di Assicurazioni Generali: "La maratona di Milano è un importante veicolo di messaggi positivi che condividiamo con le nostre persone e promuoviamo attraverso i nostri progetti, che si rivolgono alla promozione del benessere fisico e sociale. Per questo parteciperemo anche attraverso “The Human Safety Net – Ora di futuro”, l’iniziativa del Gruppo che a livello globale promuove progetti a favore delle famiglie e delle persone che hanno bisogno di una mano per liberare il proprio potenziale".

Andrea Basso, coordinatore generale della maratona: "Il percorso che abbiamo disegnato nel 2015 è stato sviluppato anno dopo anno, per questa edizione abbiamo modificato i chilometri iniziali in mondo che la zona a nord della città da una cert’ora della mattina in poi possa essere aperta per permettere al traffico di defluire. Le altre modifiche riguardano la prima zona cambio della staffetta che è stata spostata in via XX Settembre per dare più spazio alle squadre, l’attraversamento del Parco del Portello e il tratto conclusivo che si sviluppa lungo viale Majno prima del rettilineo finale, con l’obiettivo di migliorare i flussi dei runner e del pubblico. Inoltre, per far vivere i momenti più intensi della maratona anche al pubblico a casa".

Andrea Trabuio, direttore della Generali Milano Marathon: "La grande novità del 2019 è la prima edizione di Milano Running Festival, kermesse dedicata al podismo e allo sport in generale. Il villaggio si trasformerà in un grande hub espositivo di circa 10.000 mq a ingresso libero e ospiterà workshop, tavole rotonde diverse iniziative per vivere tanti momenti di festa all’insegna dello sport".

TV - La manifestazione verrà trasmessa integralmente su Sky Sport Arena, a partire dalle 10 di domenica 7 aprile. L'ultima ora di trasmissione andrà in onda in simulcast anche su Sky Sport Uno. Telecronaca a cura di Nicola Roggero, con commento tecnico di Stefano Baldini e Lucilla Andreucci, mentre la conduzione dello studio sarà affidata a Lia Capizzi.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it


La conferenza stampa di presentazione a Palazzo Marino, a Milano (foto LaPresse)


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate

 XIX^ Milano Marathon