Michele Calvi vince il titolo juniores di decathlon con il primato nazionale di categoria




 

Ai Campionati Italiani Juniores e Promesse di Prove Multiple che si sono conclusi oggi a Grosseto, grande prestazione di Michele Calvi (Self Montanari Gruzza) che ha realizzato il nuovo primato italiano juniores di decathlon, nella attuale formulazione per la categoria (con peso 6 kg, disco 1,750kg e altezza degli ostacoli 1 metro nei 110 hs). Calvi è arrivato a 7189 punti, facendo nettamente meglio della m.p.n. che era stata ottenuta da Stefano Combi il 10 maggio a Modena con 7013 punti, in una gara nella quale Calvi ottenne 6993 punti. Oggi la classifica si è invertita, con Calvi a 7189 e Combi 2° a 6822. Entrambi hanno quindi ottenuto (Combi nella gara del 10 maggio e Calvi oggi) il minimo richiesto dalla Fidal per la partecipazione ai Campionati Europei Juniores, che si svolgeranno in luglio a Novi Sad. In testa già nella prima giornata in cui aveva realizzato 3 primati personali, oggi Calvi doveva sfruttare al meglio alcune sue specialità favorite, come i 110 hs e asta, ma aveva il problema della gara finale, i 1500 metri. La prima gara di oggi erano i 110 hs e per Calvi è un buon 14.52 (con vento -0,9), pari a 908 punti, con altri 48 punti guadagnati su Combi. Seconda gara il disco e per Calvi altro primato personale: 41,40 pari a 693 punti, meglio del 40,07 (666 punti) che ottenne in occasione dei 6993 punti. Combi arriva solo a 31,70, 195 punti in meno di Calvi e il distacco verso l’atleta reggiano ora è di quasi 300 punti. Terza gara il salto con l’asta: 4,10 per Calvi, pari a 645 punti, stesso risultato di Modena 10 maggio; Combi salta 4,00 e cede altri 28 punti a Calvi. Quarta gara è il giavellotto, in cui Calvi ottiene 50,20, pari a 592 punti, meglio del 48,63 e dei 568 punti della precedente gara; Combi lancia a 52,30 e recupera 38 punti a Calvi, che però questa volta pare a distanza di sicurezza per la vittoria prima dell’ultima gara, i 1500. In questa gara l’atleta allenato da Federico Menozzi abbatte il muro dei 5 minuti, niente male per un decatleta e chiude con 4.58.91, pari a 566 punti; Combi questa volta non è in grado di sfruttare questa ultima gara e chiude in 5.15.85, pari a 472 punti.

Ha sfiorato invece il colpaccio Carolina Bianchi (Atl. Lugo) parecchio indietro nella prima giornata da Massaccisi e Costa, ma che oggi schierava i suoi jolly, come giavellotto e lungo. Infatti oggi è arrivata una bellissima rimonta, tanto da trovarsi prima dell’ultima gara al comando della gara. Ma andiamo con ordine: nel lungo regnava grande equilibrio fra le 3 atlete e prevaleva la Costa con 5,78 (783 punti), su Bianchi 5,59 (726) e Massaccisi 5,57 (720). Dopo questa gara in classifica andava al comando la Costa con 3842, davanti a Massaccisi con 3822 e Bianchi con 3647. Seguiva il giavellotto, nel quale la Bianchi realizzava il personale con un lancio di 42,84, pari a 722 punti e andava clamorosamente a sopravanzare la Costa che lanciava a 30,88 (493 punti) e la Massaccisi a 30,71 (490). La nuova classifica, prima degli 800 metri finali, era quindi Bianchi 4369, Costa 4335, Massaccisi 4312. In questa gara Carolina corse in 2.26.70 a Modena il 10 maggio, in occasione del suo primato personale di 5078 punti, un buonissimo tempo per una eptatleta e quindi potevano esserci buone possibilità di finire vittoriosa la gara di prove multiple: invece, nonostante la Bianchi si sia superata e abbia ottenuto il personale con 2.26.22 (741 punti), c’è stato un grande exploit di Jennifer Massaccisi che ha vinto quest’ultima prova in 2.18.35 (846 punti), mentre la Costa ha di poco preceduto l’atleta di Lugo, con 2.25.01, pari a 757 punti. La classifica finale vedeva quindi prevalere la Massaccisi con 5158 punti, davanti a Carolina Bianchi con 5110 e a Laura Costa con 5092, tutte al primato personale.

Nella gara juniores, ha gareggiato fuori classifica in quanto di nazionalità tunisina, Elamjad Khalifi (Fratellanza 1874 Modena) che ha ottenuto 6442 punti, che si sarebbe piazzato al 4° posto assoluto, a soli 30 punti dal 3° posto.

 

Giorgio Rizzoli



Condividi con
Seguici su: