Mattuzzi e Jaiteh firmano Vivicittà

15 Aprile 2018

Isabel Mattuzzi e Ousman Jaiteh hanno trionfato sulle strade dell'Alto Garda Trentino nel Vivicittà di Arco, quasi 170 al traguardo di via Pomerio


 

Isabel Mattuzzi (Us Quercia Trentingrana) e Ousman Jaiteh (Trentino Running Team): li avevamo lasciati entrambi vincenti sulle strade vicentine dello scorso fine settimane e sette giorni più tardi eccoli di nuovo a calcare il gradino più alto del podio. Stavolta sulle strade trentine dell'Alto Garda, al termine del Vivicittà proposto ad Arco dall'Atletica Alto Garda e Ledro e capace di coinvolgere oltre 150 podisti nella prova competitiva, firmata proprio dal gambiano valsuganotto Ousman Jaiteh, imperioso nell'imporsi in 37'32 e spiccioli dopo 12 chilometri di cavalcata solitaria. Bravo, bravissimo Ousman, ma molto bene è andata anche Isabel Mattuzzi, prima ragazza al traguardo ed addirittura quinta assoluta con 43'07, preceduta solo da Alessio Loner (Atletica Valle di Cembra, 42'18), Massimo Leonardi (X-Bionic Running Team) e dal presidente Emanuele Prada (Trentino Running Team) che ha voluto seguire da vicino l'opera del "suo" tesserato Jaiteh. A completare il podio femminile ci hanno quindi pensato Adiam Yemane NEgasi (Gs Valsugana Trentino, 45'46) ed Elektra Bonvecchio (47'04), con Simonetta Menestrina (Atletica Trento) in quarta posizione. 

Da segnalare come il tempo di Isabel Mattuzzi sia risultato il secondo femminile a livello globale tra le oltre 40 prove di Vivicittà disputate contemporaneamente in altrettante città d'Italia e non solo.

In campo maschile, successo per Giovanni Auciello che ha chiuso davanti a tutti la prova di Bari in 36:59 succedendo così nell’albo d’oro al trentino Yuri Floriani, migliore di tutti dodici mesi fa sulle strade di Palermo. Auciello, 37enne di Palo del Colle che vanta un titolo di campione italiano di mezza maratona M35 vinto nel 2015, è riuscito ad imporsi battendo i due atleti che hanno gareggiato a Bolzano, Khalid Jbari (37:05) e Markus Ploner (37:06).

La prova femminile, invece, è stata vinta dalla 34enne serba Ana Subotic, che ha corso a Sarajevo in 42:27. L’atleta serba, che ha partecipato alla maratona olimpica di Londra 2012, è stata campionessa nazionale dei 5.000, 10.000 e dei 3000 siepi. Al secondo posto la 22enne Isabel Mattuzzi, che è arrivata prima nella prova di Arco di Trento in 43:07. Per lei si tratta del secondo podio assoluto dopo il terzo posto centrato nel 2017. Terza piazza per l’azzurra Silvia La Barbera, vincitrice della gara di Palermo in 43:41.

 

CLASSIFICA GENERALE

CLASSIFICA MASCHILE

CLASSIFICA FEMMINILE



Condividi con
Seguici su: