Master: scudetti a Castenedolo e Sudtirol

18 Settembre 2016

A L’Aquila, nella rassegna tricolore per club “over 35”, conferma del sodalizio lombardo e primo titolo per le altoatesine. Stabilite 5 migliori prestazioni italiane di categoria.


 

Nei Campionati italiani di società master su pista a L’Aquila, i titoli nazionali vanno all’Atletica Virtus Castenedolo tra gli uomini e al Südtirol Team Club in campo femminile. Una conferma e una novità: il club bresciano conquista il secondo scudetto di fila e il terzo in totale, dopo quelli ottenuti nel 2012 e nel 2015, mentre le bolzanine salgono per la prima volta sul gradino più alto del podio. Al maschile, secondo posto per l’Atletica Biotekna Marcon su La Fratellanza 1874 Modena, Romatletica Footworks, Athlon Bastia Umbra e Liberatletica Roma. Tra le donne invece le campionesse uscenti dell’Atletica Virtus Castenedolo si piazzano seconde, davanti a Romatletica Footworks, Assi Giglio Rosso Firenze, Atl. Santamonica Misano e Trieste Atletica.

5 RECORD - In un weekend ricco di sfide appassionanti, riscritte cinque migliori prestazioni italiane over 35, tutte femminili: sui 200 metri Giusy Sangermano (Trieste Atletica) con 33.49 (+1.2) toglie il primato SF70 a Emma Mazzenga (34.03 nel 2003), invece Gianna Lanzini (Assi Giglio Rosso Firenze) nei 400 SF55 corre in 1:05.47 e abbassa di 13 centesimi il suo crono di metà giugno a Firenze. Due record nel triplo: Antonella Sant (Trieste Atletica), mamma dell’azzurrina Nicla Mosetti, con 9.42 (0.0) tra le SF55 e Maria Grazia Rafti (Liberatletica Roma) che atterra a 8,35 (+1.5) nella categoria SF65. Nel martello Anna Maria Camoletto (Atl. Canavesana) realizza il limite nazionale SF60 con 34,97, dopo quello del pentathlon lanci stabilito nello scorso weekend. Tra le iniziative nell’ambito della rassegna tricolore, bagnata dalla pioggia soltanto per una parte della mattina nella seconda giornata, anche una raccolta di fondi per le popolazioni colpite dal recente terremoto nel Centro Italia. Presenti fra gli altri il consigliere federale Giacomo Leone e Concetta Balsorio, presidente del Comitato regionale FIDAL Abruzzo.

I PROTAGONISTI - L’Atletica Virtus Castenedolo festeggia ancora il titolo maschile con un ampio margine sulla concorrenza: 34 punti e mezzo nei confronti della seconda classificata. Uno scudetto maturato grazie a tanti piazzamenti utili e alle vittorie di Walter Comper, sui 100 metri SM50 con 11.70 (-0.2) e nei 200 in 23.93 (+0.5), del saltatore in alto Daniele Pagani che supera 1,78 nella categoria SM50 e della staffetta 4x400 SM50 con Paolo Lombardi, Walter Comper, Claudio Fausti, Francesco D’Agostino in 3:44.35. Quattro successi parziali e 14 punti di vantaggio per il Südtirol Team Club al femminile, con Erika Niedermayr ad appena due centesimi dal suo record di due settimane fa a Gavardo sui 200 ostacoli in 33.81 (-0.8) e Waltraud Mattedi che lancia 32,60 nel giavellotto SF55. Due volte al primo posto Elisabeth Moser, che domina il mezzofondo con 2:40.85 sugli 800 SF55 e 5:20.71 nei 1500 metri. Notevoli anche le performance di Susanna Giannoni (Assi Giglio Rosso Firenze), al miglior tempo assoluto dei 100 metri con 14.22 (-1.5) da SF55, e di Paolo Citterio (Daini Carate Brianza) con 26.20 (+1.1) sui 200hs SM40.

PROSSIMI APPUNTAMENTI - Nel calendario master su pista, i prossimi appuntamenti saranno il Trofeo delle Regioni sabato 1 ottobre ad Ariano Irpino (AV), con l’inaugurazione del nuovo impianto di atletica, e nel weekend successivo (8-9 ottobre) il Campionato italiano di pentathlon lanci master a Catania.

l.c.

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia | Facebook: www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results


Condividi con
Seguici su: