Maratona: Roma attacca il muro dei 10.000 arrivati




 
Un record la Maratona Città di Roma di domenica prossima lo ha già ottenuto: è quello degli atleti iscritti, che ha superato di gran lunga i 12.000, numero fino a pochi anni fa inimmaginabile per una prova italiana. Ora l’obiettivo degli organizzatori è relativo al numero di arrivati: per la prima volta c’è la concreta possibilità che una maratona italiana possa sfondare il muro dei 10.000 corridori con un tempo finale, una quota che costituisce l’accesso all’elite mondiale della maratona dal punto di vista organizzativo. Certo, realtà come Londra, New York, Parigi sono ancora lontane, ma finalmente Roma inizia a contare davvero nel mondo dei 42,195 km. Domenica prossima la gara offrirà un nuovo capitolo nella rincorsa a tempi di prestigio da parte dei maratoneti italiani. Dopo l’exploit di Deborah Toniolo e Giovanna Volpato a Treviso, sulle strade romane sarà Rosaria Console a puntare a un crono inferiore alle 2h30 e magari al ritocco del suo personale sulla distanza, 2h27:48 risalente alla Maratona di Parigi 2003. A stimolare la maratoneta pugliese, reduce da un lungo stage di allenamento in Namibia e apparsa alla Roma-Ostia pronta a centrare i suoi propositi, ci saranno innanzitutto la cinese Dai Yanyan, 26enne atleta con un primato di 2h29:58. E’ la prima volta che una nazionale cinese di maratona corre sulle strade italiane. Attenzione anche alla russa Zousko (2h28:05 ottenuto a Londra nel 2003, seconda lo scorso anno a Praga e Dublino), all’americana Rhimes (2h29:57, nazionale ad Atene 2004), all’ucraina Hladyr (2h29:34 ottenuto lo scorso anno quando finì 11. a New York). Una sfida che si preannuncia molto incerta, dipenderà dai treni che si formeranno durante la gara, visto che la prova femminile è contestuale a quella maschile. Fra gli uomini è il marito della Console l’uomo più atteso: Daniele Caimmi torna alla maratona dopo quasi due anni e completa un inseguimento che dura da mesi. Il portacolori delle Fiamme Gialle ha lavorato duro per tutto l’inverno, alla Roma-Ostia e alla Treviso Marathon (dove ha coperto 31 km per verificare la sua condizione e aiutare l’amico Denis Curzi) ha dimostrato di essere pronto per una prestazione di rilievo. La sfida a distanza con l’altro italiano Di Cecco, vincitore lo scorso anno in 2h08:01, nuovo primato della maratona romana, è uno dei tanti stimoli per Caimmi, che cerca il lasciapassare per gli Europei di Goteborg dove vuole giocare un ruolo importante. Gli avversari sulle strade romane non mancheranno, a cominciare dal keniano Daniel Yego, terzo lo scorso anno in 2h08:16 e poi secondo ad Amsterdam in 2h08:58 dietro l’inarrivabile Gebrselassie. Tanti come al solito saranno i keniani in gara, come Thomas Chemitei (2h09:21 a Eindhoven 2005), Samson Kosgei (che ricordiamo vincitore della “pazza” maratona di Firenze 2005 in 2h11:27), Wesly Ngetich (che quest’anno è già finito secondo a Houston in gennaio in 2h12:06), ma la sorpresa potrebbe arrivare da Paul Lokira, già primo a Reggio Emilia 2004 e Padova 2005 e secondo a Venezia dietro il vicecampione mondiale della maratonina Shami. Il 23enne ha un personale di 2h10:18 ma ha dimostrato di avere grande sagacia tattica, potrebbe giocare d’astuzia. E a proposito di giovani, andrà seguito con attenzione anche l’ucraino Vasyl Matviychuk, da molti giudicato uno dei migliori prospetti europei per la maratona. A testimoniare la grande attenzione posta per una prestazione cronometrica di rilievo, gli organizzatori hanno predisposto un nutrito pacchetto di lepri pescando fra i migliori mezzofondisti italiani e keniani di stanza nel nostro Paese: Stefano Ciallella guiderà il gruppo fino al 5. km, Angelo Iannelli fino al 10., Kipruto Kiptum al 15., Sugut Kipkemboi al 23. (passaggio alla mezza preventivato in 1h04:20), Saina Kiptoo e Kiplagat Cheribo al 30. con una lepre supplementare, Philemon Kirwa Tarbei secondo domenica alla mezza di Pistoia, destinato al secondo gruppo per un passaggio in 1h05:30. Domenica ne sapremo di più: il via alle 9,15 da Via dei Fori Imperiali, proprio di fronte al Colosseo (è indubbiamente l’immagine di partenza più affascinante al mondo…) con diretta Tv su Rai Tre dalle 9 alle 12. Una sfida tutta da vivere. Gabriele Gentili Nella foto: Rosaria Console in occasione della sua uscita all’ultima Roma-Ostia finita al secondo posto (foto Petrucci/Fidal) File allegati:
- IL SITO DELLA MANIFESTAZIONE



Condividi con
Seguici su: