Lignano, cresce Grenot: 51.53

16 Luglio 2013

Al Meeting Internazionale‘Sport Solidarietà’ di Lignano un altro progresso cronometrico della finanziera. Marta Milani 2:01.40 negli 800

 

E’ Libania Grenot a prendersi la copertina azzurra del Meeting Internazionale‘Sport Solidarietà’ di Lignano, parte del circuito EA. Questa sera allo Stadio Teghil di Lignano la finanziera ha vinto i 400 metri in 51.53, ottenendo, oltre al discreto progresso cronometrico rispetto al 51.84 fatto segnare a giugno a Gateshead e a una forma in buona crescita, anche il minimo A per i Mondiali di Mosca. Prima di fissare mirino agonistico sulla rassegna iridata (10-18 agosto) però Grenot farà un’altra apparizione in un meeting italiano: venerdì 19 luglio sarà infatti ai blocchi del meeting di Orvieto. La trentenne di stanza negli Usa si è imposta in una lista partenti tutta azzurra:  al secondo posto c’è Chiara Bazzoni, dell’Esercito, che chiude in 52.79 una gara che le apre nuove prospettive in chiave iridata. Terza Jennifer Rockwell, portacolori dell’ASD Acsi Italia Atletica, in 54.05.

E a Lignano fa segnare lo standard per Mosca, anche se B, anche la bergamasca Marta Milani: la soldatessa ha corso il doppio giro di pista in 2:01.40, finendo quarta dopo le tre americane  Heather Kampf (2:00.04), Phoebe Wright (2:00.20) e Lea Wallace (2:00.30) in una gara lanciata su ritmi discretamente veloci (57.7 alla campana). L’azzurra allenata da Saro Naso si dimostra così in crescita, capace di amministrare meglio le forze anche nel rettilineo finale. E’ apparsa invece meno brillante del solito Marzia Caravelli, comunque reduce dai due PB siglati ad Ascoli sui 100 e 200 metri che indicano un ottimo stato di forma. A Lignano Caravelli non ingrana tra le barriere e con un vento in faccia di -1.4 ferma il cronometro a 13.17 sui 100 ostacoli. L’azzurra del Cus Cagliari arriva quarta dietro alle due americane Kellie Wells (12.85) e Loreal Smith (12.96) e alla giamaicana Andrea Bliss (13.10). Federico Raguni (Cus Palermo), recentemente capace di un 10.24, si trova poco ispirato e ferma il cronometro a 10.71 ( -0.4), arrivando terzo in batteria dietro al giamaicano Sheldon Mitchell (10.35). la vittoria va comunque all’altro sprinter di Giamaica Jacques Harvey in 10.11 (-0.2). Hannes Kirchler (Carabinieri) vince nel lancio del disco in 59,19 mente l’altro altoatesino Lukas Rifesser (Esercito) manda in archivio un 1:48.34 sugli 800 metri. ‘Sport Solidarietà’ porta bene a Marco Najibe Salami che in 3:40.85 (primato stagionale) arriva vicinissimo al personale sui 1500 siglato sulla stessa pista 12 mesi fa (3:40.22). Salami è settimo al traguardo, davanti al serbo di stanza a Milano Goran Nava (3:42.54), a Merihun Crespi (3:43.00), Stefano Guidotti Icardi (3:43.12), Moh Abdikadar (3:44.28) e Giovanni Bellino (3:44.56). Elena Romagnolo è settima in 4:09.21. RISULTATI/Results



Condividi con
Seguici su: