Le indoor di Modena del 14-15 gennaio




 

E’ iniziata la stagione indoor in Emilia Romagna con 2 intense giornate a Modena, in cui si sono disputati i meeting nazionali indoor nei pomeriggi di sabato 14 e domenica 15 gennaio e un meeting regionale di prove multiple per cadetti e allievi nella mattina di domenica 15 gennaio.

Grande voglia di gareggiare ! Si sono corse ben 23 serie di 60 metri uomini e 13 di 60 metri donne nel meeting di sabato. Nei primi meeting stagionali lo scorso anno ci furono 14 serie maschili e 6 femminili l’8 gennaio, per arrivare a 20 e 11 in quello della settimana successiva, paragonabile come data a quello di questo week end. Buon segno di vitalità per il movimento atletico.

I risultati più interessanti dei meeting sono arrivati nei salti verticali: sabato Luca Morandi (Fratellanza 1874 Modena), categoria promesse, da un personale di 2,11 stabilito nel 2010, lo ha portato a 2,15, dopo averlo già migliorato una prima volta di 1 cm con 2,12. Oggi è stato il turno di un altro atleta della Fratellanza, Mirko Po, che ha migliorato il suo personale di salto con l’asta, arrivando a 5,10.

Questi gli altri principali risultati delle 2 giornate: nei 60 metri uomini le 23 serie mettono in ordine 133 atleti oltre a 3 che vanno out per falsa partenza. Migliore tempo di qualificazione è per Andrea Luciani (Assindustria Padova) con 6.92, mentre fra gli emiliani Eseosa Desalu (Interflumina E’ Più Pomì) al debutto fra gli junior, si qualifica per la finale migliore con 7.09. Nella finale A si conferma Luciani che si migliora con 6.87 e si migliora anche Desalu, 3° in 7.00, a 4/100 dal personale dello scorso anno. Nei 60 hs i migliori sono tutti atleti della Lombardia: la finale vede vincitore Carlo Giuseppe Redaelli (Atl. Riccardi) con 8.00, con 5° posto per Elamjad Khalifi (Fratellanza) con 8.36, ma aveva fatto meglio in batteria con 8.33. Nella gara junior il trentino Simone Bais vince la finale con 8.41, mentre in quella allievi prevale il bergamasco Luca Cacopardo con 8.53. Nell’alto, oltre all’ottimo 2,15 di Morandi, ci sono anche Ferrante Grasselli (Fratellanza) che salta 2,05 e che si deve poi fermare per un risentimento muscolare e Enrico Neviani (Self Montanari Gruzza) che ottiene con 2,03 la sua seconda misura di sempre. Nell’asta il 5,10 realizzato da Mirko Po gli consente di superare “il maestro” Matteo Rubbiani che salta 5,00; la promessa Marco Falchetti (Interflumina E’ Più Pomì) è a 4,80, mentre il neo allievo Daniele Zobbi (Reggio Event’s) con 4,10 eguaglia il personale. Nel lungo prevale il veneto Luca Pedron (Atl. Biotekna Marcon) con 7,12, davanti a Federico Xella (Atl. Lugo) a 7,06, realizzato all’ultima prova.

Nelle gare femminili sui 60 metri piani nessuna atleta della nostra regione riesce a qualificarsi per la finale A, vinta alla grande dalla 36enne Elena Sordelli (Camelot) con 7.61. Alessandra Feudatari (Interflumina E’ Più Pomì) vince la finale B con 7.85, mentre nella finale C la junior Laura Tinarelli ottiene per la terza volta in 8 giorni il tempo di 8.02 (Ancona 7/1 e batteria e finale Modena 14/1), a 2/100 dal minimo per i Campionati Italiani di categoria. Nei 60 hs per assolute Sara Balduchelli (Camelot) supera Alessandra Feudatari, 8.65 contro 8.80; nella prova allieve vince Ayomide Folorunso (Cus Parma) in 9.28, ma il miglior tempo è di Camilla Papa (Atl. Piacenza) che aveva corso in 9.24 in batteria. L’alto & egrave; vinto da Maria Teresa Rossi (Cus Pro Patria Milano) con 1,68, mentre l’asta è di Chiara Rota (Atl. Bergamo 1959 Creberg) con 3,90; 4° posto per Anna Mirto (Olimpus San Marino) con 3,30 e 10 cm di progresso rispetto allo scorso anno. Nel lungo 5,83 per Valeria Canella (Fiamme Azzurre) davanti a Elena Zaniboni (Atl. Lugo) a 5,66 e a Giulia Giovanardi (Mollificio Modenese) a 5,41 che eguaglia il suo personale outdoor stabilito nel 2008.

 

Il meeting giovanile di domenica 15 gennaio era riservato alle prove multiple per allievi e cadetti. E’ stato un meeting solo in parte indoor perché alcune specialità si sono disputate nella pista e nelle pedane del campo di atletica attiguo alla palestra. Le 4 prove sono state vinte da Ivan Cacciari (Modena Atletica) con 3280 punti nel pentathlon allievi, Federica Roberto (Atl. Cinque Cerchi) con 2520 nel tetrathlon allieve, Francesco Lama (Atl. Imola Sacmi Avis) con 2613 nel tetrathlon cadetti e Alice Branchi (Coop Consumatori Nord Est) con 2484 nel tetrathlon cadette.

Queste gare di prove multiple per cadetti e allievi erano una novità per la nostra regione, ma per gli allievi erano assolutamente utili in vista dei prossimi Campionati Nazionali in programma ad Ancona il 28-29 gennaio. Erano quindi presenti a Modena tutti i miglior over 18 della nostra regione, specialisti o frequentatori di multiple.

I punteggi di allievi e allieve, anche se non omologabili come indoor, sono solo parzialmente confrontabili con quelli delle scorse stagioni, se non altro per il peso allieve che dal 2012 è stato portato a 3 kg (in precedenza 4 kg). Comunque il punteggio di Federica Roberto avrebbe superato quello del suo personale del 2011 e sarebbe stato il 3° nel 2011 in campo nazionale (del resto la piacentina si è sempre piazzata nelle prime posizioni nelle gare di multiple della categoria: 6° posto ai Campionati Indoor, 7° ai Campionati Allieve di Eptathlon, 1° alla finale nazionale dei CdS di multiple). Questo il dettaglio delle sue prove: 60 hs 9.32; peso 8,56; alto 1,55; 400 1.03.60, con primati personali nelle prime 3 gare.

Negli allievi nonostante 1,83 nell’alto e 6,60 nel lungo ottenuti da Lorenzo Dallavalle (Atl. Piacenza) il miglior risultato nel pentathlon lo ha ottenuto il modenese Cacciari che ha recuperato il divario accumulato nelle precedenti prove da Dallavalle, facendo decisamente meglio nei 1000 metri finali. Per Cacciari 8.33 nei 60 hs, 1,75 nell’alto, 11,94 nel peso, 5,76 nel lungo e 3.00.72 nei 1000.

Nei cadetti Francesco Lama ha ottenuto 1,71 nell’alto, 8.86 nei 60 hs, 11,59 nel peso e 3.10.16 nei 1000. Nelle cadette Alice Branchi ha realizzato 10.02 nei 60 hs, 4,47 nel lungo, 7,82 nel peso e 1.48.52 nei 600.

 

Giorgio Rizzoli



Condividi con
Seguici su: