Le classifiche per rappresentative e i piazzamenti degli altri atleti E-R




 

Le rappresentative della Emilia Romagna si piazzano al 6° posto sia nella classifica maschile che in quella femminile, mentre nella combinata c’è il 7° posto.

Nei cadetti la nostra rappresentativa è preceduta da quelle di Lombardia, Lazio, Veneto, Piemonte e Friuli Venezia Giulia. Siamo invece di 2 punti davanti alla Toscana, vincitrice a sorpresa nel 2012.

Nelle cadette la classifica vede nell’ordine Lombardia, Veneto, Toscana, Friuli Venezia Giulia, Piemonte e l’Emilia Romagna, che precede di 1 punto Alto Adige e di 2 il Lazio.

Nella combinata (cadetti + cadette) logico successo della Lombardia, davanti al Veneto, poi racchiusi in 7 punti, troviamo Toscana, Piemonte, Friuli Venezia Giulia e al 7° posto l’Emilia Romagna, seguita da Alto Adige, Marche e Puglia.

Sono state proposte anche le classifiche per gruppi di specialità (cadetti e cadette insieme): nella velocità-ostacoli vince la Lombardia, con l’Emilia Romagna al 5° posto. Nel mezzofondo-marcia sempre prima la Lombardia, con l’Emilia Romagna solo al 15° posto. Nei salti 7° posto per la nostra regione, con 1° posto per la Lombardia. Nei lanci 1° posto per il Lazio e 6° per l’Emilia Romagna. Nelle prove multiple 1° posto per la Lombardia e 2° per la nostra regione.

Vediamo anche gli altri piazzamenti ottenuti dagli atleti della Emilia Romagna nella seconda e conclusiva giornata dei Campionati Italiani.

Peso cadetti: è un buon 7° posto quello ottenuto da Giacomo Taddia (New Star) con 14,16 (primato personale), nella gara vinta da Andrea Proietti (Lazio) con 17,64.

Asta cadette: vince la piemontesa Gaia Guadagnini con 3,50 e che poi tenta la m.p.n. con 3,66, fallendo le 3 prove. Per l’Emilia Romagna 9° posto per Silvia Zanni (Atl. Reggio) con 2,80.

Giavellotto cadette: 7° posto con 40,72 per Giulia Lodi (Cus Bologna) in una gara dal buon livello tecnico con le prime 5 classificate che ottengono il personale. La cussina si trova anche in zona medaglie dopo i primi 2 lanci (40,72 lo ha ottenuto al 1° turno), poi via via cede qualche posizione.

Alto cadetti: sono 4 i cadetti in gara per l’Emilia Romagna, nella gara vinta dal piemontese Stefano Sottile con 1,98. Il miglior piazzamento è di Filippo Bini (Centro Atl. Copparo), in gara come rappresentativa, 7° con 1,81. Seguono gli individuali Cristiano Tamarozzi (Francescco Francia), 10° pure con 1,81 (primato personale), Damiano Lorenzini 14° con 1,78 e Lorenzo Attinà (Lolliauto) 20° con 1,70.

300 metri cadette: la finale A è vinta da Sofia Bonicalza (Lombardia) con 40.86. Nella finale B c’era Laura Zucchi (Sintofarm) che si piazza al 5° posto (13° complessivo) con 43.32.

300 metri cadetti: Riccardo Pedrelli (Acquadela Bologna) e Davide Bernabei (Atl. Lugo) si ritrovano insieme a disputare la finale B dopo i Campionati Regionali di Reggiolo dove avevano dato vita a una bellissima gara risoltasi a favore di Pedrelli e con la caduta a pochi metri dal traguardo di Bernabei: anche oggi è il bolognese ha prevalere sul lughese, sempre di stretta misura, con 37.89 contro 37.99, che portano al 7° e 8° posto (15° e 16° finale) in classifica. Nella finale A titolo per l’abruzzese Samuele Puca con 37.18.

300 hs cadette: oltre al 2° posto di Desola Oki nella finale A, c’è la brillante prova nella finale B di Francesca Grapelli (Sintofarm) che vince con 46.94 e che le vale il 9° posto finale.

300 hs cadetti: si difende al meglio Giovanni Mastrippolito (Cus Bologna) che si piazza al 7° posto nella finale A con il tempo di 40.89, leggermente peggiore del 40.58 ottenuto ieri in batteria che era il primato personale. La concorrenza in questa gara è agguerittissima con 4 atleti sotto i 40 secondi e con il 1°, il pugliese Antonio Cellamare, a 39.00.

Peso cadette: titolo per Sydney Giampietro (Lombardia) con la notevole misura di 14,93. Bene le atlete della nostra regione, con Giorgia Scaravella (Atl. Piacenza), 1° anno nella categoria, al 5° posto con 11,35 (primato personale) e Beatrice Dovesi (Acquadela Bologna), al 9° con 10,83, in gara da individuale.

Disco cadetti: 5° posto per Gabriele Valanzano (Atl. Castiglione) con 41,22, che si presentava con il 3° migliore accredito fra gli iscritti. Ma ci sono 3 nuovi p.b. fra i 4 che lo precedono e nonostante la buona prestazione non arriva sul podio, pur vedendolo molto da vicino (34 cm lo separano dal 3° posto). Non classificato invece l’atleta Calogero Marco Volo (Atl. Buzzetti) che si presentava come individuale e annunciato in buone condizioni di forma.

1000 metri cadetti: 20° posto complessivo per Yassir Kanzis (Atl. Imola Sacmi Avis) con 2.47.63, nella gara vinta dal lombardo Leonardo Cuzzolin con 2.35.38.

1000 metri cadette: la favorita Marta Zenoni (Lombardia) vince nettamente con 2.52.69; per l’Emilia Romagna 23° posto per Lucrezia Baldisserri (Atl. Lugo) con 3.18.01.

4x100 cadetti: 8° posto complessivo per l’Emilia Romagna che schiera il lunghista Enrico Temellini (Pol. Castelfranco) in prima frazione, Davide Bernabei (Atl. Lugo) e Riccardo Pedrelli (Acquadela Bologna) reduci dalla finale B dei 300 metri in seconda e terza frazione e Andrei Alexandru Zlatan (Atl. Reggio) in ultima: tempo 45.29 e 5° posto nella serie, molto vicini in classifica ad altre formazioni (il 5° posto era a 45.23). 1° posto per il Friuli Venezia Giulia (Fichera, Egbo, Simonetti, Variola) con 43.28.

Pentathlon cadette: cede posizioni nelle 2 gare della seconda giornata Maite Vanucci (Nuova Atl. Molinella) che era insediata in seconda posizione dopo le prime 3 gare disputate ieri. Già nel lungo il 4,50 (+0,9) perde alcune posizioni in classifica, ma è soprattutto con i 600 metri conclusivi che Maite corre in 1.56.16 a farla retrocedere all’8° posto con 3705. Il titolo va ad Alice Lunardon con 4262 punti. Per la molinellese un po’ di rimpianto perché ripetendo le sue 2 prestazioni precedenti di pentathlon (3909 a Rossano Veneto e 3881 a Ferrara) avrebbe ottenuto il 3° posto.

Giorgio Rizzoli



Condividi con
Seguici su: