La marcia giovanile in salute: nel 2011 anche il primato regionale nei ragazzi




 

Nei giorni scorsi avevamo segnalato il primato regionale ragazze nella marcia 2000 metri su pista, ottenuto da Tinca Gardenghi a Pordenone lo scorso 27 marzo con il tempo di 9.48.26, una prestazione che aveva migliorato un primato regionale datato e di ottimo livello, che apparteneva alla romagnola Barbara Forte dal 1989.

Ma questo tempo non è stato il solo risultato di rilievo in questo inizio della stagione 2011 per la marcia regionale under 14. Il 13 febbraio a Modena, nella seconda prova del Grand Prix Regionale di marcia, Matteo Tomasini (Atl. Lolliauto) aveva vinto la gara con il tempo di 10.37.2, una prestazione che costituisce il nuovo primato regionale di categoria, migliore del 10.49.5 ottenuto 2 anni prima da Tomas Delle Fratte.

Nella marcia giovanile il livello delle prestazioni di maschi e femmine è molto equilibrato e a volte succede che sono le ragazze a marciare più veloci: così è stato ed è nella nostra regione, con i primati regionali di Barbara Forte e Tinca Gardenghi, prestazioni migliori di quelli dei ragazzi di pari età, ma anche in campo nazionale, come risulta dalla consultazione delle graduatorie on line, non è raro osservare questa tendenza.

Ciò non toglie assolutamente merito ai giovani marciatori maschi, come Matteo Tomasini oppure al suo amico antagonista Alessio Bonvento della Francesco Francia e a tutti gli altri ragazzi che si cimentano in questa bellissima disciplina. Vediamo quindi di ripercorrere le ultime stagioni e non solo per quanto riguarda la marcia ragazzi nella nostra regione. Innanzitutto nella categoria ragazzi (12-13 anni) la distanza prevista dal programma federale è stata per molto tempo i 4 km e negli anni ’70 e ’80 si segnalano alcune interessanti prestazioni come 21.02.0 di Stefano Casali, ottenuta nel 1975, che evidenziano un livello tecnico superiore rispetto a quelle più recenti. I 2 km per i ragazzi entrano nel programma federale a partire dal 1990 e il primatista regionale di quell’anno fu Francesco Forte, fratello della citata Barbara, con 11.41.7 (il limite di età dei ragazzi allora era 12 anni). Non considerando una prestazione del 1992 di un ragazzo di Caorso, evidentemente a posteriori risultata irregolare, (troppo) vicina ai 10 minuti netti, si deve arrivare al 1996 con il tredicenne di Cesenatico Alex Ravaglia, autore di un tempo di 11.15.5 che rimarrà primato regionale per lungo tempo. Nel 2005 il primato viene poi migliorato dal bolognese Stefano Cennerazzo con 11. 14.44 nel corso della finale regionale del C.d.S.. L’anno successivo è il modenese Marco Lusuardi a limare ancora qualche decimo al primato regionale, con 11.13.95, poi nel 2009 il riminese Tomas Delle Fratte sigla il 25 aprile a Bologna 11.11.8 per poi migliorarsi a Forlì il 20 giugno con 10.49.5. Nella scorsa stagione il primato di Delle Fratte resiste ed è Matteo Tomasini il migliore in regione con 11.19.67. Ed eccoci al 2011 in cui è ancora Matteo Tomasini a mettersi in evidenza con il nuovo primato regionale di 10.37.2, ottenuto il 13 febbraio a Modena nella seconda prova del Grand Prix Regionale di marcia. Alle sue spalle il dodicenne Alessio Bonvento (Francesco Francia) con 10.46.6 ottiene la seconda prestazione all time in regione.

Rendiamo quindi i giusti onori a Matteo Tomasini, giovane protagonista di un primato regionale migliorato, ma sfuggito ai più. Matteo & egrave; allenato da Paolo Piccioni, un giovane tecnico bolognese con grande passione per la marcia inculcatagli da Teodoro Magno, che ha creato all’interno della Atl. Lolliauto un gruppetto di giovani marciatori, sempre in primo piano nelle gare regionali e non solo (anche la stessa Tinca Gardenghi è stata avviata alla marcia da Paolo Piccioni). Ha iniziato a fare atletica da poco più di un anno e pratica la marcia da giugno dello scorso anno; dopo pochi mesi ha vinto il titolo regionale e nel 2011, oltre al tempo record di Modena, è al comando per la vittoria  nel Grand Prix di marcia avendo ottenuto sino ad ora 3 vittorie e un 2° posto. Attualmente si allena un paio di volte la settimana, solitamente all’impianto di via Biancolelli a Bologna: pioggia, caldo o marciare a volte in solitudine non fermano Matteo nei suoi allenamenti. Lo attendiamo ora alle prossime gare !

 

Giorgio Rizzoli



Condividi con
Seguici su: