La cadetta Seramondi supera La Mantia

24 Settembre 2017

A Busto Arsizio, la 14enne bresciana con 6,14 toglie all’azzurra dopo 19 anni la migliore prestazione italiana di categoria nel salto in lungo


 

Un balzo che vale la migliore prestazione italiana cadette. A Busto Arsizio (VA) la 14enne bresciana Alessia Seramondi è atterrata a 6,14 (vento +1.4) nel salto in lungo, in occasione dei campionati regionali di categoria, per realizzare il nuovo limite nazionale under 16 della specialità. Tre centimetri in più rispetto al 6,11 stabilito 19 anni fa (a Trapani il 6 maggio 1998) da Simona La Mantia, che nel 2011 ha conquistato il titolo europeo indoor del triplo. Nella gara di oggi pomeriggio, la misura da record è arrivata al sesto e ultimo tentativo con questa serie: 5,89-5,90-5,74-5,64-N-6,14. La giovane lombarda è al primo anno da cadetta, visto che è nata il 5 gennaio 2003, gareggia per l’Audaces Nave ed è allenata da Andrea Uberti. Finora il suo personal best era di 5,79 ottenuto il 9 settembre a Gemona del Friuli, in occasione del Trofeo di Majano, mentre ieri aveva firmato il crono di 39.21 nei 300 piani per diventare la terza under 16 italiana di sempre sulla distanza. Quest’anno era riuscita a centrare la MPI anche della 4x100 cadette con 47.04 al Memorial Pratizzoli di Fidenza (il 28 maggio) correndo la seconda frazione, nel quartetto della Lombardia lanciato da Veronica Besana in prima, per passare il testimone ad Alessia Gatti e Alessandra Iezzi.

l.c.

(ha collaborato Giovanni Balbo/FIDAL Lombardia)

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results

Alessia Seramondi in azione nel lungo (foto Dosi/FIDAL Lombardia)


Condividi con
Seguici su: