La Stramilano incorona ancora Kisang




 
Il keniota Philemon Kipchumba Kisang bissa il successo del 2007 e vince anche quest’anno la Stramilano Agonistica Internazionale 2008, la mezza maratona fra le più veloci al mondo sulla classica distanza di 21,097 km, seguito dall’ugandese Wilson Busienei, e dal keniota John Korir. I tre hanno contrassegnato la gara con la loro fuga, risolta da Kisang all’approssimarsi dell’ingresso nell’Arena con un attacco veemente contro il quale nulla hanno potuto fare gli avversari. 1h02:14 il tempo finale del corridore africano, più lento di oltre un minuto rispetto allo scorso anno, con 4 secondi di vantaggio sull’ugandese Busienei. Ora Kisang è atteso dalla maratona di Vienna di domenica 27 aprile. Prestazione soddisfacente anche per il primo italiano in classifica, Rachid Berradi, ultimo italiano a vincere la Stramilano nel 2002 con il record italiano di 1:00.20, e tornato quest’anno a gareggiare dopo un lungo periodo di infortuni. Il portacolori della Forestale ha concluso all’ottavo posto in 1h04:09, una delle migliori prestazioni italiane dell’anno sulla distanza. Bene anche Alessandro Finesso, nono in 1h04:20. Ritirati Goffi (Carabinieri) e Ruggiero (Forestale) Tra le donne la brasiliana Maria Zeferina Baldaia ha conquistato il primo posto con il tempo di 1h13:50. Secondo posto alla francese Hafida Richard (1h14:21) e terzo all’italiana Ornella Ferrara (1h15:00). La Baldaia gareggerà il 27 alla Maratona di Amburgo trovando quale avversaria Anna Incerti che ieri ha preferito rinunciare alla Stramilano. La Ferrara ha invece deciso di riprovare la caccia al minimo olimpico, probabilmente a Brescia il 20 aprile, dove dovrà scendere sotto il record della manifestazione. Da notare che a concludere la mezza maratona sono stati quasi 5.000 atleti. Nella foto: l’arrivo del kenyano Philemon Kisang (foto organizzatori) File allegati:
- LA CLASSIFICA COMPLETA



Condividi con
Seguici su: