Kaddari sfiora il record U20: sprint da 11.44

20 Agosto 2020

A Sassari la 19enne velocista sarda, nei 100 metri, a quattro centesimi dal primato italiano juniores della campionessa europea Fontana, poi avvicina il personale sui 200 con 23.48

 

Corre forte la giovane sprinter Dalia Kaddari. A Sassari la 19enne velocista sfreccia in 11.44 (+1.0) sul rettilineo dei 100 metri e arriva a un soffio dal record italiano juniores, realizzato l’anno scorso da Vittoria Fontana con 11.40 vincendo il titolo europeo under 20. La sarda delle Fiamme Oro aveva fatto segnare un mese fa il notevole crono di 11.29 a Cagliari, ma in quel caso con vento a favore decisamente sopra il consentito (+6.2). Adesso diventa capolista stagionale in Europa e quinta al mondo per la categoria, oltre che la terza junior di sempre a livello nazionale.

Un’ora più tardi, gran volata anche sui 200 metri con 23.48 (+0.5), a soli tre centesimi dal record personale di 23.45 ottenuto nel 2018 da allieva, ai Giochi olimpici giovanili di Buenos Aires, dove conquistò la medaglia d’argento e che vale tuttora il secondo posto nelle liste italiane alltime under 20. E nello scorso inverno, con 23.85 ad Ancona, ha migliorato il suo primato nazionale juniores al coperto proprio su questa distanza. La ragazza di Quartu Sant’Elena, allenata dal tecnico Fabrizio Fanni, ha già fatto parte nella passata stagione del gruppo azzurro della 4x100 assoluta, convocata per gli Europei a squadre di Bydgoszcz.

“Ho voluto provare a fare una doppia gara in vista dei campionati italiani - commenta Dalia Kaddari - e mi sono sentita bene, con sensazioni davvero buone sia nei 100 che nei 200. Un po’ me l’aspettavo e ci speravo, perché nelle ultime settimane ho lavorato nel modo giusto. Sì, è mancato poco per il record italiano di categoria, ma sinceramente non sono dispiaciuta per questo. Ci saranno altre occasioni e sono soddisfatta del mio risultato. Ora penso agli Assoluti di Padova e lì mi concentrerò sui 200 metri”. [RISULTATI/Results]

GENOVA - Lanci in primo piano a Genova, in un test di allenamento certificato dedicato ai concorsi. Nel giavellotto Sara Jemai (Esercito) migliora il primato stagionale con 54,91 aggiungendo mezzo metro al 54,41 di sei giorni fa a Sopot, in Polonia. Sulla pedana del martello Simone Falloni (Aeronautica) spedisce il martello a 71,33 mentre lo junior Davide Costa (Cus Genova) firma il personale di 57,07 con l’attrezzo assoluto. Di nuovo vicina alla migliore prestazione italiana allieve Rachele Mori (Atl. Livorno): il suo martello da 3 kg atterra a 69,47, due settimane dopo il 69,83 ottenuto sempre nel capoluogo ligure, ma resiste ancora il 70,27 di Lucia Prinetti datato 2014.

l.c.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate

 III° Manifestazione Regionale