Indoor: l’allievo Romani 48.96 sui 400

31 Gennaio 2016

A Padova il 16enne napoletano diventa il secondo U18 italiano di sempre. Draisci vince sui 60 a Magglingen in 7.43.


 

Giovani ancora protagonisti al Palaindoor di Padova. Sui 400 metri l’allievo Andrea Romani (Centro Ester Napoli) conquista la vittoria in 48.96 e sfiora la miglior prestazione italiana under 18 al coperto, per rimanere a un solo decimo dal primato di Vladimir Aceti (48.86 nella rassegna tricolore della passata stagione). Quest’anno il 16enne napoletano di Mergellina ha già stabilito con 1:53.43, tre settimane fa ad Ancona, il limite nazionale indoor di categoria negli 800 metri, distanza sulla quale nel 2015 è stato il primo degli esclusi dalla finale mondiale di Cali, in Colombia. Nella gara sull’anello veneto, arrivo al fotofinish e secondo posto di Marco Lo Verme (Cus Pro Patria) in 48.97. Sui 60 ostacoli, 8.40 di Micol Cattaneo (Carabinieri) in finale dopo essersi aggiudicata la batteria in 8.46, al maschile 8.10 per Stefano Tedesco (Fiamme Gialle), mentre nei 1500 metri la promessa Giulia Aprile (Esercito) coglie il suo miglior risultato in sala con 4:26.60 davanti alla junior Nicole Reina (Cus Pro Patria Milano), 4:32.00, tra gli uomini 3:51.16 di Fabiano Carozza (Aeronautica). Nell’alto Desirée Rossit (Fiamme Oro) compie un percorso netto fino a 1,80, poi tre nulli a 1,85, nel triplo 12,95 di Ottavia Cestonaro (Forestale) e l’astista Giorgio Piantella (Carabineri) valica 5,25. Affermazioni nello sprint sui 60 metri di Sebastiano Spotti (Interflumina è più Pomì) in 6.90 e per la tricolore assoluta del lungo Martina Lorenzetto (Bracco Atletica) in 7.63, entrambi con il personal best. [RISULTATI/Results]

MAGGLINGEN, DRAISCI A SEGNO - Si conferma la velocista Ilenia Draisci, anche nella seconda giornata del Biel Athletics Meeting a Magglingen, in Svizzera. La 26enne romana dell’Esercito riesce ad imporsi in finale sui 60 metri con 7.43, che segue il secondo posto della batteria in 7.53, mentre ieri aveva realizzato il tempo di 7.41. Nei 200 metri la torinese Martina Amidei (Aeronautica) chiude in terza posizione con il personal best di 24.07, migliorando il 24.30 ottenuto nel precedente pomeriggio, e in altra serie Marta Maffioletti (Bracco Atletica) è seconda in 24.58.

Un altro successo della pesista Sydney Giampietro (Cus Pro Patria Milano), di nuovo leader sulla pedana elvetica: stavolta 16,96 con l’attrezzo di categoria da 3 kg, poco distante dalla sua miglior prestazione nazionale allieve di 17,25 e ventiquattro ore dopo il primato di 15,38 firmato con il peso da 4 kg. [RISULTATI/Results]

ANCONA: BORSI 8.28, TREMIGLIOZZI 7,75 - La primatista italiana assoluta dei 60 ostacoli Veronica Borsi (Fiamme Gialle) corre in 8.28 nella finale al Palaindoor di Ancona, eguagliando il crono della scorsa settimana. Sulla pedana del lungo, vince ancora Stefano Tremigliozzi (Aeronautica) che atterra a 7,75 con il secondo salto, per avere la meglio sulla promessa Antonino Trio (Cus Palermo/7,60) e su Kevin Ojiaku (Fiamme Gialle/7,47). Nei 200 metri Irene Siragusa (Esercito) con 24.88 precede l’allieva Elisabetta Vandi (Atl. Avis Macerata), alle sue spalle in 25.06. Per i concorsi femminili 1,76 di Erika Furlani (Fiamme Oro) nell’alto e 12,74 di Francesca Lanciano (Alteratletica Locorotondo) nel triplo. Autentica invasione di giovani al mattino con 873 presenze nella riunione dedicata a ragazzi (under 14) e cadetti (under 16), per un totale di 1648 atleti-gara nel weekend considerando anche i meeting assoluti. Sui 200 cadetti Andrea Campisano (Fiamme Gialle Simoni) sfiora la miglior prestazione italiana di categoria con 23.07, mancandola di soli tre centesimi. [RISULTATI/Results]

ROMA, LA 15ENNE GHERCA 3,85 NELL'ASTA - Continua a salire Maria Roberta Gherca (Atl. Velletri), che ritocca nuovamente il personale indoor nell’asta con 3,85 al primo tentativo nell’impianto romano di Casal del Marmo. Per la non ancora 16enne di origine romena, anche tre prove infruttuose a 4 metri che avrebbero rappresentato il miglior risultato della carriera: infatti la tricolore cadette ha saltato 3,91 all’aperto nella scorsa stagione. Nel peso l’allievo Andrea Proietti (Atl. Studentesca CaRiRi) vince con 17,70. [RISULTATI/Results]

UDINE - Al PalaBernes di Udine, nell’asta 4,15 di Giulia Cargnelli (Forestale) con la prima prova, a cinque centimetri dal personal best e dopo aver superato 4,00 al terzo assalto. Fra le allieve 3,60 di Martina Molinaro (Atl. Malignani Libertas Udine).

[RISULTATI/Results]

BERGAMO - Nei campionati regionali juniores e promesse a Bergamo, netto progresso di Giantommaso Bentivoglio (Cremona Sportiva Atl. Arvedi): 4,60 nel salto con l’asta al primo anno di categoria allievi. Sui 60 metri, record personale della junior Laura Besana (Geas Atletica) che prevale in 7.63, ma anche delle promesse Pietro Pivotto (Brixia Atletica 2014) con 6.92 ed Eleonora Cadetto (N.Atl. Fanfulla Lodigiana) a 7.69, invece tra gli under 20 il più veloce è Andrea Federici (Brixia Atletica 2014) con 6.93. [RISULTATI/Results]

SARONNO - Seconda giornata dei campionati regionali allievi al PalaDozio di Saronno, con il successo di Camilla Maestrini (Brixia Atletica 2014): 7.73 in batteria e 7.74 in finale sui 60 metri. [RISULTATI/Results]

USA - Alle Indiana University Relays di Bloomington (USA), secondo posto in 1:19.00 di Jacopo Lahbi, 22enne dell’Atletica Mogliano che studia negli Stati Uniti dove gareggia per la University of Alabama, nella gara vinta da Daniel Kuhn in 1:16.91.

PARALIMPICI - Oxana Corso (Fiamme Gialle) battezza la stagione agonistica con il nuovo primato italiano indoor di 9.52 sui 60 metri nella categoria T35. A Roma, sulla pista di Casal del Marmo, la velocista 20enne toglie 33 centesimi di secondo al precedente record che aveva stabilito un anno fa, sempre nell’impianto delle Fiamme Azzurre. In Lussemburgo invece il lanciatore paralimpico Antonio Acciarino conclude al quarto posto del getto del peso F42. Al Vectis Indoor Meeting il primatista nazionale dell’Athletic Terni, che si è confrontato con i più forti atleti europei, centra un buon terzo tentativo a 10,99 metri con tutti e sei i lanci molto vicini alla sua misura migliore. La vittoria è andata al tedesco Frank Tinnemeier, bronzo iridato a Doha, con 14,11.

l.c.

(hanno collaborato Giovanni Balbo, Mauro Ferraro, Giuliana Grillo, Simone Proietti, Cesare Rizzi)

LEGGI ANCHE IL RESOCONTO INDOOR DI SABATO 30 GENNAIO: ITALIA - MAGGLINGEN

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia | Facebook: www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: