Indoor: La Mantia e Schembri a Liévin




 

L'azzurra, vicecampionessa europea del triplo, Simona La Mantia torna in pedana domani, martedì 8 febbraio, al Meeting du Pas-de-Calais di Liévin (Francia). La triplista delle Fiamme Gialle ha già esordito, lo scorso 30 gennaio, con un probante 14,33 ad Ancona. Ad attenderla sulla pedana dell'impianto francese la palermitana che al coperto ha un primato personale di 14,45 datato 2004, troverà una concorrenza di primo piano. Dovrà, infatti, misurarsi con atlete del calibro della camerunense bicampionessa olimpica Françoise Mbango Etone e dell'ucraina, oro europeo a Barcellona, Olha Saladukha. Trasferta francese anche per un altro italiano, specialista dell'hop-step-jump, il carabiniere Fabrizio Schembri che, all'esordio di metà gennaio a Saronno, era subito atterrato a 16,93. Il lombardo rivedrà all'opera il francese, primatista e campione mondiale indoor, Teddy Tamgho che ha già messo a segno il miglior salto del 2011 in sala, 17,59 ad Eubonne. In gara, in un'entry-list tutta sopra i 17 metri, anche il rumeno, vicecampione d'Europa, Oprea, e i tre cubani Betanzos, Copello e Girat. Iscritti due azzurri anche negli 800 metri, Christian Obrist (Carabinieri) e Giordano Benedetti (Fiamme Gialle) che ha aperto la stagione con 1:48.86 a Vienna. Anche qui rivali di alto livello come il sudanese, due volte iridato indoor, Abubaker Kaki e il connazionale, argento olimpico, Ismail Ahmed Ismail, opposti ai keniani Jackson Kivuna e Richard Kiplagat. Nei 3000, infine, scenderà in pista l'azzurra del cross, Agnes Tschurtschenthaler (Forestale).

Nella foto, la triplista Simona La Mantia (Giancarlo Colombo/FIDAL)

 

File allegati:
- Il sito della manifestazione



Condividi con
Seguici su: