Il GGG toscano tra pista e trail

Weekend di Campionati in Toscana

49 chilometri tra le foreste del Casentino con quasi 6000 metri di dislivello totale. Non era una gara di sopravvivenza, ma il Campionato Mondiale di trail che si è svolto il fine settimana del 9 e 10 giugno a Badia Prataglia (AR) e che è stato controllato dal GGG Toscana (con il valido ausilio di giudici di regioni confinanti). Esperienza nuova per qualcuno, mentre altri, come il sottoscritto, erano ormai alla quarta presenza a Badia Prataglia per i trail organizzati dalla locale ASD.

Stavolta si trattava di un mondiale e di altre quattro gare open, la prima delle quali con partenza alle 5 del mattino, che hanno impegnato i giudici dalle 4, per i controlli sull’equipaggiamento obbligatorio, fino al tempo massimo della mezzanotte. Su richiesta del Delegato Tecnico internazionale sono stati effettuati anche controlli sul percorso e nelle zone delle aid stations per verificare il rispetto delle norme IAAF.

La vittoria nel mondiale è andata alla squadra spagnola, con l’Italia che si è piazzata al secondo posto nella gara femminile.

Venendo a terreni più consueti, nello stesso fine settimana, dal 9 all’11 giugno, a Firenze il gruppo toscano è stato impegnato nella tre giorni dei Campionati italiani junior/promesse. Senza dubbio si tratta della tappa più impegnativa dei campionati federali (una sorta di “cima Coppi”) per il numero e la qualità degli atleti presenti. Oltre 1600 atleti, infatti, sono stati presenti sulle piste e pedane del nostro stadio “Luigi Ridolfi/Asics Firenze Marathon” nei tre giorni di campionato.

Mentre in montagna la temperatura era godibile, Firenze era una vera fornace per atleti e giudici: il capoluogo toscano ha dato il meglio di sé con il primo week end caldo dell’anno. Guidati da uno staff nominato dal GGG nazionale, i giudici toscani anche in questa occasione hanno lavorato ininterrottamente sotto il sole cocente con uno spirito di sacrificio ed un vero attaccamento all’atletica. Bisognerebbe ricordarli tutti uno per uno, ma sarebbero ovviamente troppi. I ringraziamenti sono forse parole retoriche, ma mai come in questo caso servono ad evidenziare il lavoro fatto.

Il GGG Toscano non si ferma alle gare nazionali ed internazionali: i fiduciari provinciali ed il fiduciario regionale stanno già approntando le convocazioni per coprire le gare provinciali e regionali delle prossime settimane, a testimonianza del continuo impegno dei giudici toscani.

 

Simone Petracchi

GGG Toscana




Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate