Il 2013 dell’Atletica Osimo

31 Dicembre 2013

Debora Baldinelli e Manuel Nemo atleti dell’anno

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo comunicato dell’Atletica Osimo. Il Comitato regionale FIDAL Marche è lieto di dare spazio a tutte le società che invieranno materiale utile per presentare la propria attività.

Festa dell’Atletica Osimo, domenica 1 dicembre, al Palabellini, con premiazioni e riconoscimenti per l’attività sportiva svolta nel 2013. Presentatrice della manifestazione, l’energica Fabiola Dolcini, a fare da padrona di casa e ad introdurre gli ospiti: il sindaco di Osimo Stefano Simoncini, l’assessore allo sport e vicesindaco Sandro Antonelli, il presidente Fidal Marche Giuseppe Scorzoso, il presidente della Tam Pasquale Del Moro, il presidente della Sacen Corridonia Giovanni Beccerica, Robertais Del Moro e Doriana Brunetti per l’Atletica Sangiorgese Tecnolift, il professore Gino Falcetta, per una volta seduto tra gli ospiti senza microfono, e Riccardo Petruzzella, allenatore dell’Atletica Recanati e recente collaboratore. Dopo la sfilata delle atlete ed atleti di tutte le categorie, dai “cuccioli” ai masters, c’è stato il saluto del presidente Adriano Malatini che ha ringraziato le autorità intervenute, i collaboratori, i genitori, porgendo gli auguri per il futuro dell’attività, con un breve riferimento alla partecipazione nella Tam, e per le festività natalizie. A questo proposito dopo le parole del presidente, uno degli atleti, Cristian Saracchini, ci ha regalato una emozionante versione di “White Christmas”, mentre i suoi compagni si erano schierati ad “albero di Natale”.

Anche il sindaco Simoncini faceva gli auguri a tutti i presenti, complimentandosi con lo staff dell’Atletica Osimo, dal presidente agli allenatori, ai volontari, dicendo loro di ritenersi fieri per i risultati sportivi ottenuti, ma fieri anche per l’educazione ed i valori che vengono trasmessi ai giovani con uno sport come l’atletica leggera. Gli interventi degli ospiti venivano intervallati dalle esibizioni degli atleti delle categorie più giovani: cuccioli ed esordienti. Proprio il sindaco rimaneva ad osservare l’abilità e la padronanza dei gesti già nei più piccoli, in età prescolare, come ad esempio saltare gli ostacoli o effettuare slalom.

Il presidente Fidal Marche Scorzoso riconosceva lo “spirito giusto” nella società Atletica Osimo, con i ragazzi al centro. Se è vero che l’atletica è uno sport individuale con la ricerca del risultato, è anche vero che crescere in un ambiente “giusto” ci avvicina al vero significato dello sport: darsi degli obiettivi per crescere. Ha infine ringraziato la società per la grande partecipazione dei volontari e per l’impegno dei genitori e collaboratori nel Gruppo giudici gara, augurando per il 2014 di rinnovare questo entusiasmo.

L’assessore Antonelli faceva un parallelo tra una delle specialità dell’atletica leggera, la corsa ad ostacoli, e la vita di tutti i giorni in cui siamo chiamati ad affrontare impegni e “saltare” difficoltà per arrivare alla meta. E per questo un ringraziamento ai genitori che accompagnano i propri figli nello sport e nella vita. Un ringraziamento, inoltre, all’Atletica Osimo per la gestione del campo di atletica, con un cenno alla necessità di una nuova pista ed alla possibilità futura di una sua realizzazione. L’assessore portava, infine, i saluti del consigliere regionale Dino Latini, impossibilitato a partecipare.

Nell’intervento di Robertais Del Moro, direttore tecnico della Tam, veniva evidenziata l’amicizia nata tra Porto San Giorgio ed Osimo, rimarcando come i genitori degli atleti sangiorgesi vengono volentieri a gareggiare ad Osimo, dove c’è passione e competenza per l’atletica leggera. E qui veniva rivolto un invito all’amministrazione comunale a stare vicino alla società per le esigenze del campo (la pista, la gabbia del martello). Inoltre ricordava che ad Osimo c’è uno degli uomini storici dell’atletica marchigiana, Gino Falcetta. Quest’ultimo interveniva ricordando che il prossimo anno ci sarà il 50° anniversario dell’Atletica Osimo. Continuava dicendo che è una grande soddisfazione per un istruttore vedere crescere gli atleti con sani principi, vederli diventare persone affermate nella vita e che, magari, adesso portano i loro figli a praticare sport con l’Atletica Osimo.

Ricordava, come ama fare spesso, che, nonostante ci siano sport più pubblicizzati o più di moda, l’atletica leggera non conosce confini e non tramonterà mai: correre, saltare, lanciare sono gesti nati con l’uomo.

Fra una esibizione ed un intervento, veniva presentato l’atleta “ospite d’onore”: Lorenzo Del Gatto, atleta dell’anno Tam e, recentemente, atleta dell’anno dell’Atletica Sangiorgese. Nella sua specialità, il lancio del peso, è stato più volte campione italiano, come lo è attualmente, detentore di record regionali, ha indossato la maglia della Nazionale ed ha partecipato nello scorso luglio ai Campionati europei juniores di Rieti: tornando ai discorsi fatti in precedenza, questo ragazzone non è soltanto un grande atleta, ma anche una grande persona, un ragazzo che sa fare gruppo. Prima di passare alle premiazioni, anche il tempo per una dimostrazione di “krav maga”, una tecnica di autodifesa di origine israeliana, presentata da Fabrizio Giambra, uno degli atleti master.

Nelle premiazioni venivano poi consegnati riconoscimenti per i risultati ottenuti nel 2013 ed in particolare ai nuovi record sociali, ai campioni regionali e per le partecipazioni ai Campionati italiani. Sono stati premiati: Angelica Ghergo, Nicole Pizzichini, Debora Baldinelli, Federica Mascolo, Greta Luchetti, Valentina Tozzo, Simone Sabbatini, Caterina Santoni, Emma Mengani, Chiara Fagioli, Nicholas Sanseverinati, Davide Baldinelli, Gianluca Re, Giuditta Baldinelli, Silvia Verolo, Virginia Petetti, Manuel Nemo, Francesco Cappanera, Matteo Sconocchini, Andrea Beccacece, Viktoriya Rossini, Tommaso Giuliodori, Hamdy Krifa, Leonardo Malatini, Michele Coppari, Valentina Natalucci, Mario Fiori, Lina Frontini, Fabio Dellantonio, Fabrizio Giambra, Fabiola Dolcini, Cristina De Felice, Pieraldo Nemo, Paolo Pompei, Andrea Renzi, Gaetano Schimmenti, Edoardo Sopranzi. Durante la premiazione di Manuel Nemo, specialista nel salto in alto, interveniva Pasquale Del Moro a ricordare che ogni giorno il ragazzo va ad allenarsi a Porto San Giorgio dove di fatto non c’è l’impianto, non c’è la pista di atletica. Anche il presidente della Tam sottolineava l’amicizia che c’è con l’Atletica Osimo. E, per finire, da una rosa di cinque nomi, Angelica Ghergo (categoria esordienti), Debora Baldinelli (categorie giovanili), Manuel Nemo (categorie assolute), Mario Fiori (categoria master) e Gaetano Schimmenti (Fisdir) è stato scelto l’atleta dell’anno 2013. Finale con colpo di scena, in quanto sono stati proclamati due atleti dell’anno: Debora Baldinelli per le categorie giovanili e Manuel Nemo per le categorie assolute.

(da comunicato Atletica Osimo - Sergio Fossati Pesaresi)



Condividi con
Seguici su: