Grosseto: le promesse per il tricolore

16 Settembre 2020

Le sfide per i titoli under 23 nel weekend con Dallavalle nel triplo e tre campioni europei juniores dell’anno scorso: Scotti e Fontana sui 200, Visca nel giavellotto. DIRETTA STREAMING su atletica.tv

 

di Luca Cassai

In gara per il tricolore a Grosseto. Dalla serata del Golden Gala di Roma, al weekend dei Campionati italiani juniores e promesse. Le tre giornate della rassegna giovanile, da venerdì 18 a domenica 20 settembre in diretta integrale su www.atletica.tv, attendono anche la fascia di età superiore, quella under 23 con i nati dal 1998 al 2000. Tanti atleti già protagonisti tra i “grandi” come il triplista Andrea Dallavalle (Fiamme Gialle), azzurro ai Mondiali di Doha, che ha conquistato il titolo assoluto a Padova e torna sulla pedana della medaglia d’argento agli Europei juniores nel 2017. L’oro continentale under 20 dei 400 metri Edoardo Scotti (Carabinieri) dopo aver corso in Diamond League potrebbe mettersi alla prova nei 200 in quest’occasione mentre al femminile, come all’Olimpico, è attesa sul giro di pista l’azzurra Rebecca Borga (Fiamme Gialle). Ma saranno al via altri campioni tricolori assoluti, da Simone Barontini (Fiamme Azzurre) negli 800 metri alla giavellottista Carolina Visca (Fiamme Gialle), regina d’Europa tra le under 20 nella scorsa stagione, fino al decatleta Dario Dester (Cremona Sportiva Atl. Arvedi) che stavolta ha scelto di cimentarsi nel salto in lungo e sui 400 ostacoli in cui è previsto anche l’esordio stagionale di Alessandro Sibilio (Fiamme Gialle). Nella velocità spicca la presenza della campionessa europea juniores dei 100 metri Vittoria Fontana (Carabinieri), iscritta nei 200, invece nel mezzofondo 800 metri per Gaia Sabbatini (Fiamme Azzurre), che durante l’inverno nei 1500 si è aggiudicata il tricolore assoluto indoor come l’ostacolista Linda Guizzetti (Cus Pro Patria Milano), e nel martello da seguire i progressi del non ancora ventenne Giorgio Olivieri (Carabinieri).

ISCRITTI/Entries - ORARIO/Timetable - TUTTE LE NOTIZIE/News

SPRINT - Tra i big della manifestazione c’è Edoardo Scotti, iscritto nei 200. Campione europeo juniores dei 400, quest’anno sul giro di pista è decollato con 45.48 diventando il miglior italiano di sempre tra i ventenni, prima di festeggiare il titolo assoluto a Padova. Dopo i 400 del Golden Gala, il lodigiano dei Carabinieri potrebbe essere quindi in azione a Grosseto sulla mezza distanza anche per cercare un progresso rispetto al 21.28 di inizio luglio a Vittorio Veneto. Non mancheranno gli avversari, tra cui altri due medagliati agli Europei under 20 di Boras della scorsa stagione: il bronzo dei 200 metri Mattia Donola (Carabinieri) e l’argento della 4x100 Lorenzo Ianes (Atl. Trento). Curiosità sui 100 per vedere all’opera Lorenzo Patta (Fiamme Gialle), 10.43 di record personale nel 2019, che per ora non ha gareggiato quest’anno. Anche il velocista sardo è un vicecampione continentale juniores con la staffetta veloce azzurra, mentre tra gli iscritti i migliori crono dell’estate sono del friulano Fabrizio Ceglie (Assindustria Sport Padova, 10.48) e del siciliano Nicholas Artuso (Fiamme Gialle, 10.50), vincitore di cinque titoli consecutivi nei 60 indoor tra juniores e promesse. Nello sprint femminile, ancora una stella della classe 2000 pronta a brillare: la varesina Vittoria Fontana (Carabinieri), campionessa europea under 20 dei 100 metri, che si concentra sui 200 in cui quest’anno si è portata a 23.62. Puntano al vertice due ragazze dell’Atletica Brescia 1950 Metallurgica San Marco: la bergamasca Alessia Pavese, già nel gruppo azzurro della staffetta assoluta, e Chiara Melon, ventenne di Vigevano che parte con ottime credenziali su entrambe le distanze (leader stagionale delle partenti nei 100 con 11.55, seconda tra le duecentiste con 23.65) in caccia della prima corona outdoor dopo i due successi nei 60 in sala. Ma anche Alessia Carpinteri (Cus Catania) e Giorgia Bellinazzi (Atl. Brugnera Friulintagli), finaliste a Padova su entrambe le distanze. Purtroppo non saranno in gara per i recenti infortuni Zaynab Dosso (Fiamme Azzurre), due volte tricolore assoluta sui 100, e Aurora Berton (Libertas Friul Palmanova).

400-800 - Sul Roma-Grosseto potrebbe salire anche Rebecca Borga (Fiamme Gialle) per cercare il bis del titolo under 23 dopo il confronto internazionale in Diamond League. Più volte in questa stagione la veneziana ha ritoccato il personale, fino al 52.84 del meeting di Rovereto. Ma sono cresciute a vista d’occhio la veronese Anna Polinari (Atl.

Brescia 1950 Metallurgica San Marco, 53.88), Alessandra Bonora (Atl. Rodengo Saiano Mico) e la pugliese Francesca Veneto (Atl. Firenze Marathon) per contendere il podio alla primatista junior Elisabetta Vandi (Fiamme Oro). Nell’unica gara di mezzofondo in programma, gli 800 metri, al via per confermare gli ultimi progressi Gaia Sabbatini (Fiamme Azzurre): la teramana si è messa in evidenza con 2:04.12 (e ancor di più con 4:11.27 nei 1500) ma riceve la sfida soprattutto della romana compagna di allenamento Martina Tozzi (Fiamme Gialle). Tra gli uomini ha confermato il titolo assoluto degli 800, ora vuole replicare quello promesse Simone Barontini: l’anconetano delle Fiamme Azzurre dovrà vedersela con Victor Curcuianu (Acsi Campidoglio Palatino) e il partenopeo Andrea Romani (Atl. Riccardi Milano 1946), iridato 2018 della 4x400 juniores. Nei 400, come alle indoor senza i vari Scotti, Aceti e Sibilio, pronostico più che mai incerto: è l’emergente ventenne Alessandro Moscardi (Sef Stamura Ancona) a guidare il campo dei partenti che comprende anche il fiorentino Lapo Bianciardi (Gs Avis Barletta).

OSTACOLI - Un inverno al top, con la migliore prestazione italiana under 23 tolta a Laurent Ottoz dopo quasi ventinove anni: 7.72 sui 60 ostacoli al coperto per Mattia Montini (Carabinieri). Poi l’infortunio agli Assoluti in sala di Ancona e il ritorno a stagione outdoor già ampiamente in corso, ma in tempo utile per il terzo posto di Padova a un centesimo dal personale con 13.93. È il lombardo dei Carabinieri il favorito sui 110hs, anche per l’assenza del campione uscente Chituru Ali (Cus Insubria Varese Como) che non ha recuperato dallo stiramento di metà luglio. Nel lotto dei candidati anche Giovanni Marchetti (Sef Virtus Emilsider Bologna), Cristopher Cecchet (Assindustria Sport Padova) e Mattia Di Panfilo (Atl. Futura Roma). Prova a rientrare nei 400 ostacoli Alessandro Sibilio (Fiamme Gialle) a oltre un anno dall’ultima volta, agli Europei a squadre del 2019, sulla scorta dell’incoraggiante 46.82 sui 400 piani di inizio settembre a Rieti. C’è il campione italiano assoluto di decathlon Dario Dester (Cremona Sportiva Atl. Arvedi) in cima alle liste stagionali di categoria con il fresco 51.56 di Bellinzona davanti a un altro 2000 come l’abruzzese Leonardo Puca (Cus Pro Patria Milano), ai piedi del podio europeo under 20 nella scorsa stagione (quarto a Boras), che ha corso in 51.74 per il terzo posto di Padova. Obiettivo conferma sui 100 ostacoli per Linda Guizzetti (Cus Pro Patria Milano) che nel frattempo è cresciuta con 13.23 dopo il tricolore assoluto indoor, ma oltre alla bresciana si sono migliorate anche Desola Oki (Fiamme Oro, 13.44) e la friulana Costanza Donato (Gs Valsugana Trentino, 13.49). Campo aperto nei 400 ostacoli con la vicentina Arianna Siviero (Atl. Libertas Sanp, 59.82) e Greta Zuccarini (Us Aterno Pescara, 59.93) sotto il minuto.

SALTI E MULTIPLE - In copertina Andrea Dallavalle e i suoi salti nel triplo di sabato sera, dalle ore 19.20. Il piacentino delle Fiamme Gialle, 21 anni ancora da compiere, a Padova con 16,79 è tornato ad avvicinare il record personale. Ha fatto meglio soltanto in due gare, entrambe da medaglia europea: il bronzo under 23 di Gavle (16,95 nel 2019) e l’argento under 20 proprio a Grosseto (16,87 nel 2017). La pedana dello stadio Zecchini per un nuovo assalto ai diciassette metri? Intanto ci sarà da lottare per il successo contro un rivale agguerrito come Simone Biasutti (Trieste Atletica), 16,40 quest’anno. Nel lungo è in programma invece la prima fatica del weekend per il decatleta Dario Dester (Cremona Sportiva Atl. Arvedi), forte del titolo promesse indoor con 7,68 mentre all’aperto ha saltato 7,60. Entra in gara per un altro colpaccio Lorenzo Mantenuto (Atl. Gran Sasso Teramo), terzo agli Assoluti, che si dovrà guardare tra gli altri da Fabio Pagan (Atl. Biotekna Marcon) e Samuele Campi (La Fratellanza 1874 Modena). Probabilmente Stefano Sottile (Fiamme Azzurre) non difenderà il titolo nell’alto, dopo l’impegno del Golden Gala, ma è atteso un duello equilibrato tra Manuel Lando (Atl. Vicentina) e Nicholas Nava (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter), ambedue a 2,16 a Padova. Anche il campione dell’asta Max Mandusic (Trieste Atletica) potrebbe non essere della partita e quindi in pole position scatta Andrea Marin (Atl. Vicentina) con il 5,25 in piazza a Chiari, davanti a Leonardo Orlandi (Studentesca Rieti Milardi). Tra le donne è tornata Marta Morara (Atl. Lugo) portando il personale nell’alto a 1,84 dopo un lungo periodo di stop. Al via anche la campionessa indoor Martina Leorato (Fondazione Bentegodi Verona) e Nicole Romani (La Fratellanza 1874 Modena).

Nell’asta Maria Roberta Gherca (Atl. Velletri) guarda tutte dalla quota di 4,20 delle indoor (4,10 invece all’aperto) ma va segnalata anche l’ascesa della milanese Claudia Ricci (Osa Saronno Libertas), più volte a 4,00. La lunghista Elisa Naldi (Atl. Virtus Cr Lucca) ha mostrato una buona continuità di rendimento, culminata per il momento con 6,27 a Savona, mentre la tricolore al coperto Milica Travar (Gs Ermegildo Zegna) a Donnas è atterrata a 6,17 ed è pronta per un nuovo match. Nel triplo finora non si è andati oltre il 12,39 di Sabrina Urbano (Bracco Atletica), tallonata dalla veneta compagna di club Camilla Vigato e dalla valdostana Corinne Challancin (Atl. Firenze Marathon). Capitolo prove multiple: attenzione a Michele Brini (Atl. Imola Sacmi Avis), al personale di 7351 punti nel decathlon con il secondo posto di Padova e sulla carta con un ampio margine nei confronti di Riccardo Nicola (Gs Ermenegildo Zegna). Per il titolo dell’eptathlon scendono in gara con i migliori accrediti Francesca Castellani (Atl. Arcs Cus Perugia) e Rebecca Scardovi (Atl. Lugo).

LANCI - C’è Giorgio Olivieri (Carabinieri) nel martello. Il quasi ventenne marchigiano, bronzo europeo juniores, si è riportato di recente oltre i 72 metri già superati in quattro gare quest’anno (con il picco di 72,65) ma non agli Assoluti, dove è rimasto fuori dal podio. Un motivo in più per puntare alla misura, con Gregory Falconi (Ga Vertovese) alla ricerca invece dei sessanta (59,79 a Padova). Nel giavellotto vuole il tris Norberto Fontana (Cus Parma), l’unico finora “over 70” quest’anno, anche se il miglior record personale è quello di Simone Comini (Asa Ascoli Piceno) che nella scorsa stagione ha raggiunto la finale agli Europei under 23. La “doppia doppietta” è nel mirino di Alessio Mannucci (Atl. Livorno), due titoli nell’ultima edizione, cresciuto con 58,85 nel disco che attende tra gli altri anche Isidoro Mascali (Cus Palermo). Ma nel peso il toscano è attualmente terzo nelle graduatorie, alle spalle del romano Alessandro Pace (Atl. Biotekna Marcon) e del pugliese Francesco Trabacca (Enterprise Giovani Atleti). Tra le donne è il giavellotto la gara-clou dei lanci con l’ennesima sfida tra Carolina Visca (Fiamme Gialle) e Sara Zabarino (Acsi Italia Atletica). La romana è reduce dalla trasferta ceca di Kladno (settima con 55,30 mercoledì e 56,78 quest’anno) dopo la conferma del titolo assoluto, e tornerà nella città dell’argento europeo under 20 del 2017 che due anni più tardi è diventato oro con il successo di Boras. Per la piemontese l’opportunità di un nuovo progresso stagionale rispetto al 55,13 di Padova. Un probabile duello anche nel peso tra Martina Carnevale (Studentesca Rieti Milardi), seconda agli Assoluti dove ha aggiunto un centimetro al personale con 15,86 superando Sydney Giampietro (Fiamme Gialle). Nel martello svetta Cecilia Desideri (Studentesca Rieti Milardi) grazie al 64,33 di gennaio, ma poi si è riproposta in diverse gare sopra i sessanta, e comanda le liste seguita dall’abruzzese Alessia Beneduce (Bracco Atletica). Per il disco, in tre nei dintorni dei 45 metri: Eleonora Cassalini (Acsi Italia Atletica), Fabiola Caruso (Sannio Runners) ed Elena Varriale (Toscana Atl. Empoli Nissan).

DIRETTA STREAMING - Anche quest’anno sarà possibile seguire la manifestazione in diretta video streaming su atletica.tv nelle tre giornate di gare, da venerdì 18 a domenica 20 settembre, per vivere le sfide e le emozioni della rassegna giovanile.

SOCIAL NETWORK - Partecipate con noi al racconto dei Campionati italiani juniores e promesse di Grosseto seguendo gli aggiornamenti LIVE attraverso i nostri canali social Instagram: @atleticaitaliana, Twitter: @atleticaitalia e Facebook: www.facebook.com/fidal.it. Sostenete i vostri atleti preferiti, condividete foto e pensieri utilizzando gli hashtag #atletica #JP2020.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it


Vittoria Fontana (foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su: