Grosseto: decathlon da record per Calvi




 

La miglior prestazione italiana nel decathlon juniores di Michele Calvi ha nobilitato i Campionati italiani di prove multiple juniores e promesse a Grosseto. Il reggiano della Self Atletica Montanari & Gruzza, allenato dal giovane tecnico ventiseienne Federico Menozzi, ha chiuso le dieci prove con un punteggio di 7189 (11”14/-1.2; 6.93/+1.5; 13.52; 1.91; 51”75; 14”52/-0.9; 41.40; 4.10; 50.20; 4’58”91), impossessandosi del primato nell’attuale configurazione che prevede il peso di 6 kg, il disco di 1,750 kg e gli ostacoli di un metro. Il precedente lo aveva stabilito Stefano Combi il 10 maggio di quest’anno a Modena, quando vinse con 7013 punti, superando in quell’occasione proprio Calvi di appena 21 punti. Stavolta l’esito si è ribaltato e adesso entrambi possono puntare all'azzurro per i prossimi Europei juniores di Novi Sad (il minimo richiesto è di 7000 punti). Calvi possiede una struttura fisica notevole, pur dedicando ancora poco tempo alla palestra, già due anni fa aveva partecipato ai Mondiali allievi di Ostrava e quest’anno ha compiuto un bel salto di qualità. Argento per Combi (Ginnastica Monzese Forti e Liberi – 6822), che è stato il primo a complimentarsi con il vincitore (i due sono ottimi amici) e terzo Marco Perna (Asd Hinna – 6472). Il tutto in condizioni atmosferiche variabili: ieri caldo opprimente con punte ben oltre i 30 gradi (dopo una mattinata ventosa e cielo inizialmente coperto), oggi invece clima molto più fresco e pioggia a tratti.

Nel decathlon promesse, vittoria per il genovese Nicolò Castro, tesserato per l’Atleticaspezia Carispe e seguito tecnicamente da Angelo Gazzo. Ha realizzato il personale con 6454 punti (11”75/-1.2; 6.70/+2.2; 11.37; 1.80; 52”02; 15”98/-1.5; 32.37; 4.00; 52.09; 4’51”81) ed è alla sua terza maglia tricolore giovanile, dopo il pentathlon cadetti di Abano Terme 2004 e l’octathlon allievi di Firenze 2006. L’anno successivo si è trasferito a Saint Louis nel Missouri, dove ha frequentato il quarto anno di liceo, per poi tornare in Italia. Tutto si è deciso nel giavellotto: fino ad allora guidava Marco Ribolzi (Atl. Cento Torri Pavia), che si è dovuto accontentare del secondo posto con 6385 punti, terzo Matteo De Carli (Fondazione Bentegodi – 6257). Tra i seniores, nella seconda prova dei Campionati di società, affermazione di Riccardo Palmieri (Sport Atl. Fermo – 7190).

Le gare femminili hanno visto il successo di due cugine marchigiane, Enrica Cipolloni tra le juniores e Jennifer Massaccisi nella gara per promesse. Parenti di secondo grado (la madre di Jennifer è cugina del padre di Enrica), le due ragazze hanno molto in comune: la società di appartenenza (Tecno Adriatletica Marche), la città di residenza (San Benedetto del Tronto) e in più si allenano insieme sotto la guida di Francesco Butteri, che è anche il caposettore nazionale per le prove multiple. Sono però diverse nel temperamento: Jennifer è un’istintiva, Enrica più tranquilla. La Cipolloni ha vinto il suo primo titolo italiano nelle prove multiple, ottenendo il record personale e sfiorando quota cinquemila: il punteggio finale è infatti 4992 (14”78/-2.3; 1.72; 10.77; 26”57/+1.3; 5.75/+0.1; 32.10; 2’35”64), migliorandosi in quasi tutte le discipline. Solo l’alto è stato inferiore alle aspettative, se si considera che due mesi fa è stata capace di 1.84. Proprio nell’alto si è aggiudicata il titolo italiano juniores all’aperto nel 2008 e al coperto quest’anno. Medaglia d’argento per Selene Lazzarini (Assi Banca Toscana – 4772) nel giorno del suo 18° compleanno e terza Sara Bianchi Bazzi (Atl. Lecco Colombo Costruzioni – 4625), mentre merita di essere citato anche il quarto posto di Elena Vallortigara (Assindustria Sport Padova – 4539), al suo secondo vero eptathlon in carriera e ieri a 1.84 nell’alto. Tutte al personale le prime in classifica, così come accaduto tra le promesse. La Massaccisi aveva perso la leadership dopo il lungo, superata dalla trentina Costa. Nel giavellotto Carolina Bianchi passava in testa, facendo scivolare la marchigiana al terzo posto con 57 punti da recuperare. Gli 800 finali consentivano la rimonta alla Massaccisi che staccava le avversarie di alcuni secondi, un margine sufficiente per la maglia tricolore con 5158 punti (14”72/-2.8; 1.63; 10.54; 25”00/+0.5; 5.57/-0.9; 30.71; 2’18”35). Seconda Carolina Bianchi (Atl. Lugo – 5110), terza piazza per Luisa Costa (Gs Valsugana Trentino – 5092), mentre la gara seniores è stata vinta da Laura Rendina (Fondiaria Sai – 5168).

Il capoluogo maremmano ha ospitato al meglio l’evento, grazie ad un’impiantistica di prim’ordine che ha visto negli anni scorsi le due maggiori manifestazioni internazionali under 20: gli Europei 2001 e soprattutto i Mondiali 2004. L’appuntamento ora è per il primo week-end di ottobre, quando sarà la volta dei Campionati italiani allievi.

Luca Cassai

Nella foto, il neoprimatista italiano juniores del decathlon Michele Calvi (archivio Fidal)

File allegati:
- RISULTATI/Results



Condividi con
Seguici su: