Grandi gare ai Tricolori paralimpici

17 Marzo 2014

20 primati italiani di categoria ad Ancona con record di partecipazione

 

Un’edizione strepitosa con grandi numeri e risultati sportivi, quella dei Campionati italiani paralimpici indoor e di lanci invernali che si è tenuta anche quest’anno ad Ancona, tra il Banca Marche Palas e lo stadio Italico Conti. Sfondato ampiamente il tetto dei 200 iscritti, record assoluto con 226 iscrizioni (112 Fisdir e 114 Fispes) tra cui molti atleti reduci dai fasti di Londra 2012 e dai Mondiali Ipc di Lione 2013. La manifestazione, su specifica assegnazione delle federazioni paralimpiche, è stata organizzata dall’associazione sportiva e culturale Anthropos di Civitanova Marche con il sostegno e la collaborazione della FIDAL Marche, del Comune di Ancona, del CIP Marche e di altre associazioni e volontari, coniugando sport, sociale e sensibilizzazione dei giovani. Molto soddisfatto Nelio Piermattei, presidente dell’Anthropos Civitanova Marche e consigliere federale Fisdir: “E’ stato un fine settimana straordinario - dice Piermattei - che ha visto ottimi riscontri sia dal punto di vista organizzativo che della partecipazione di atleti e dei risultati in gara”.

Tra gli atleti marchigiani che sono stati protagonisti con la casacca delle società sportive regionali, in evidenza Assunta Legnante (tre ori nel lancio del disco e del giavellotto), Ruud Koutiki (per lui un fine settimana “defaticante” dopo la recente impresa di Reims, in Francia, dove si è laureato bicampione mondiale nei 60 e 200 indoor), entrambi dell’Anthropos, Luca Mancioli (della Podif Mirasole, per lui nuovo primato), gli atleti della Santo Stefano Sport di Porto Potenza (tra i quali Fabio Staffolani, nuovo primato personale con 23.19 nel lancio del disco F36, e Sergio Greci nuovo primato personale con 14,58 nel disco nella categoria F35), e gli alfieri dell’Atletica Osimo.

Nel complesso la rassegna tricolore si è chiusa con 20 nuovi record italiani. Dopo aver vinto il salto in lungo e i 60 metri T37 nella giornata di sabato, Christian Bonaccina ha aggiunto un nuovo oro corredato di record italiano nei 200 metri in 30”16. Per la stessa categoria Fabrizio Minerba ha vinto il titolo indoor con la migliore prestazione italiana negli 800 con 2’52”64. In pista, tra le donne nei 200 T11 è Arjola Dedaj ad assicurarsi la medaglia d’oro con il primato di 29”18. Le pedane dei lanci hanno visto gli atleti della società Handy Sport Ragusa piazzare quattro migliori prestazioni assolute: 10.22 per Antonino Puglisi nel disco F32, 18.70 per Ismaele Veloce nel disco F34, 6.33 di Giovanna Distefano nel disco F52 e 9.84 per Francesca Cavalieri nel giavellotto F57. L’ultimo record spetta a Moreno Marchetti che si è distinto con 8.33 nel getto del peso F43. Allo stadio Italico Conti ha anche fatto il suo debutto stagionale Assunta Legnante, primatista mondiale del peso F11 con 16.79 metri, che torna a casa con tre ori nella sua gara preferita, nel lancio del disco e del giavellotto.

La giornata di sabato ha regalato nove record italiani. Nei 60 metri con 10”24 Oxana Corso, dominatrice dei 100 e 200 outdoor ai Mondiali di Lione del 2013 per la categoria T35, ha abbassato di ben 5”44 il primato indoor precedente che reggeva dal 2007. L’atleta romana, al suo esordio con la maglia delle Fiamme Gialle, si è ripetuta nei 400 facendo segnare un tempo di 1’23”57. Chiudendo al traguardo con 9”77 nei 60 metri, la campionessa paralimpica e mondiale T42 Martina Caironi ha battuto di 13 centesimi il record da lei stabilito sulla stessa pista nel 2013. Il secondo oro, arrivato nel salto in lungo, le ha permesso di incrementare il suo precedente primato italiano di quasi 80 centimetri (con 3.71). Stessa sorte per Maria Ligorio che con 8”79 ha vinto i 60 metri classe T11, migliorandosi di 2 centesimi di secondo. Tra gli uomini invece Valerian Ravasio Nanque ha fatto registrare un eccellente 7”72 e la migliore prestazione italiana T13. Nei 1500 T37 Fabrizio Minerba si è distinto firmando il nuovo record nazionale con 5’54”96, mentre per la stessa categoria ma nel lungo Cristian Bonaccina ha saltato la misura di 3.86 metri. Tra le donne la saltatrice Francesca Cipelli è diventata campionessa italiana indoor col primato di 3.06. Nei lanci, validi anche per la Coppa Italia 2014, Moreno Marchetti ha battuto il suo precedente primato di 1 metro e 39 centimetri raggiungendo i 19.07 metri nel giavellotto F43. Nel peso F32 Antonino Puglisi ha conquistato l’oro con un lancio-record di 6.08, mentre un solo centimetro è bastato a Simone Giovarruscio per portare la migliore prestazione italiana nel disco F36 a 26.87.

da comunicati Organizzatori (Nico Coppari) e Fispes (Giuliana Grillo)

File allegati:
- RISULTATI


Condividi con
Seguici su: