Golden Gala Sarà il meeting di Mennea

07 Giugno 2013

Il presidente FIDAL, Alfio Giomi proporrà di intitolare stabilmente il meeting alla memoria dell'olimpionico di Mosca 1980

 

Il giorno dopo il Golden Gala Pietro Mennea, c’è soddisfazione in casa FIDAL. Gli oltre cinquantamila spettatori seduti sulle tribune dello Stadio Olimpico (52.305 la cifra ufficiale fornita a fine gare, il dato più alto per Roma dalla nascita della Diamond League) hanno decisamente contribuito a portare in attivo il bilancio organizzativo della manifestazione. La macchina composta da Federazione e Coni Servizi ha ottenuto un altro grande risultato, che si aggiunge, tra gli altri, a quello già centrato nell’edizione 2012, quando il dato ufficiale fu di 50.077 spettatori (sul fronte tv, questi i valori fatti registrare ieri sera su Rai Tre: pubblico di 1.215.160, share del 4,54%). Su piano tecnico, oltre le due prestazioni che rubano la scena (il gigantesco 1:44.68 di Giordano Benedetti negli 800 metri, ed il secondo posto di un già brillante Daniele Greco nel triplo) anche altri azzurri si sono ben comportati, a cominciare dalle ostacoliste dei 100 Veronica Borsi (12.97), Marzia Caravelli (13.01), Micol Cattaneo (13.07).

Ma anche Giuseppe Gibilisco, tornato a valicare quota 5,60.
 
“Sì, sono soddisfatto - parole del presidente federale Alfio Giomi - ma siccome non mi accontento mai, l’anno prossimo vorrei aggiungere almeno altri 10000 spettatori…”. “Scherzi a parte – prosegue il numero uno Fidal, a margine della riunione di Consiglio federale di questa mattina - mi piace soprattutto ricordare il fatto che sulle tribune fosse presente in maniera massiccia anche il nostro mondo: società, atleti, tecnici, dirigenti, un fatto mai scontato in uno sport individuale come il nostro. E tanta gente, soprattutto giovanissimi, che non vive l’atletica quotidianamente, segno che il  nostro sport continua ad attrarre”. Giomi ringrazia gli attori della serata. Gli atleti in primis, e poi, anche i tanti che lavorano dietro le quinte: “Grazie sincero a tutti quanti hanno collaborato, lato Federazione, alla buona riuscita del Golden Gala Pietro Mennea, a cominciare dal Meeting Director Luigi D’Onofrio; discorso analogo per la Coni Servizi, ed il Dg del meeting Diego Nepi Molineris. Non voglio però dimenticare una parte importante della settimana dell’atletica romana, ovvero la finale nazionale dei Giochi Sportivi Studenteschi: le centinaia di ragazzi arrivati a Roma, la cerimonia d’apertura con la partecipazione del presidente del Coni Giovanni Malagò, la presenza di Usain Bolt, allo stadio della Farnesina, la lettera sullo sport a scuola del ministro Carrozza. Alla scuola dico: l’atletica può offrire la propria competenza ed una adesione convinta”. Il motivo conduttore di queste giornate, di una edizione 2013 da ricordare, il nome di Pietro Mennea, affiancato a quello del Golden Gala. “Proporrò che il meeting sia dedicato stabilmente alla sua memoria”.



Condividi con
Seguici su: