Giulio Perpetuo rimane lontano dalla finale mondiale



  Arriva decimo nella sua batteria con 6'13"87. Fuori anche l'altro italiano, Said Ettaqy


 

Nulla da fare per Giulio Perpetuo nelle batterie di qualificazione dei 2000 siepi dei Mondiali Under 18 di atletica leggera, che sono iniziati mercoledì 10 luglio a Donetsk, in Ucraina. Il 17enne atleta sulmonese tesserato con la Serafini Sulmona, alla sua prima esperienza internazionale, partiva dal tredicesimo accredito stagionale nella graduatoria degli iscritti, con 5’53”65 (quarta prestazione tra gli atleti della sua batteria), ma non è riuscito ad accedere alla finale. Nella sua batteria, la seconda delle tre disputate e vinta dal keniano Nicholas Kiptonui Bett in 5’44”69, si è classificato decimo con il tempo di 6’13”87, lontano dai suoi migliori rendimenti. Perpetuo non è riuscito a inserirsi nella testa della gara, impostata subito su ritmi sostenuti, ma non proibitivi dal vincitore (passaggio ai 1000 metri in 2’55”09). Alla finale si qualificavano i primi tre di ogni batteria, più i migliori sei tempi di ripescaggio. Al primato personale i classificati dal secondo al quinto posto. Hicham Chemlal (Marocco), 5’45”84, e Soufien Cherni (Tunisia), 5’50”82, gli atleti classificati secondo e terzo nella batteria di Perpetuo, che hanno guadagnato direttamente la finale. Fuori dalla finale anche l’altro azzurro dei 2000 siepi, Said Ettaqy, sesto nella terza batteria con 6’01”49.



Condividi con
Seguici su: