Giro al Sas per l'ingegner Meucci




 

Una quarantina di partenti, un favorito dal pronostico, due azzurri e altri dieci atleti da segnare sul taccuino e da seguire ad ogni passaggio dei 10 giri della storica passeggiata cittadina. Sono questi gli elementi dominanti della 65ª edizione del Giro al Sas Internazionale in programma sabato 8 ottobre (ore 18:45) a Trento. Analizzando la starting list chi ha tutte le carte in regola per dominare sabato sera è il keniano Edwin Soi, primattore nelle ultime due edizioni del Giro al Sas ma soprattutto medaglia di bronzo sui 5.000 metri alle Olimpiadi di Pechino 2008. Proveranno ad invertire le previsioni James Kwalia'C Kurui, atleta con passaporto del Qatar che vanta un bronzo sui 5000 iridati di Berlino 2009, l'ugandese Wilson Busienei, secondo lo scorso anno a Trento e finalista sui 10.000 metri ai Mondiali di Osaka 2007, così come l'ucraino Sergey Lebid, nove volte campione europeo di cross. Per l'Italia in gara gli azzurri Daniele Meucci (Esercito), bronzo europeo dei 10.000 a Barcellona 2010, e Ahmed El Mazoury (Fiamme Gialle), argento continentale under 23 sulla stessa distanza. Per Meucci, finalista dei 5000 e 10.000 metri ai recenti Mondiali di Daegu, sarà il primo impegno agonistico da laureato. Il pisano - che compie 26 anni proprio oggi, 7 ottobre -  presso la facoltà di Ingegneria dell’Università di Pisa ha appena conseguito, con il voto di 110 e lode, la laurea specialistica in “Ingegneria dell’Automazione”. La tesi ha avuto come titolo: “Un algoritmo cooperativo per la stima di grandezze oceanografiche con una squadra di veicoli subacquei autonomi”. Fra gli altri italiani annunciati a Trento Stefano Scaini (Running Club Futura), Giovanni Gualdi (Fiamme Gialle) e il maratoneta Ottavio Andriani (Fiamme Oro). Presente, in qualità di ospite, anche l'olimpionico Stefano Baldini, amico del Giro al Sas che in carriera ha vinto tre volte.

Nella foto, l'azzurro Daniele Meucci nel giorno della laurea (foto Centro Sportivo Esercito) 





Condividi con
Seguici su: