Giovani, da Camerino uno sguardo sul futuro




 

Cinque giornate per i giovani. Per verificare, formare e programmare. Ecco le parole chiave del raduno nazionale giovanile partito giovedì a Camerino (MC) dove fino a lunedì 30 agosto si alleneranno un'ottantina di allievi classe 1993-94. Convocati qui dal Settore Tecnico Nazionale i prospetti più interessanti della categoria nelle varie specialità, con anche tre marchigiani: il pesista Lorenzo Del Gatto (Atl. Sangiorgese Tecnolift) e la velocista Martina Piergallini (SEF Stamura Ancona), ambedue in azzurro un mese fa nell’incontro under 18 contro Francia e Slovenia, e Leonardo Malatini (Atl. Osimo), quarto ai Campionati italiani di prove multiple nell’octathlon allievi. Assenti giustificati a Camerino soltanto i 12 azzurrini dei Giochi Olimpici Giovanili, rientrati da Singapore venerdì mattina insieme al responsabile tecnico nazionale del settore giovanile, Antonio Andreozzi. "La filosofia di questo raduno - spiega il consigliere nazionale FIDAL delegato al settore giovanile, Osvaldo Zucchetta - è quella di dare una continuità ai precedenti momenti di incontro di cui questi ragazzi sono stati protagonisti, con il raduno autunnale e poi quello di Pasqua a Formia. Senza dimenticare quelli svolti a livello territoriale nelle quattro macroaree, dove quotidianamente i nostri referenti tecnici si adoperano in un prezioso e capillare lavoro. Da qui si guarda, nell'imminente, agli ormai prossimi Campionati Italiani Allievi (Rieti, 2-3 ottobre), appuntamento conclusivo della stagione agonistica per la categoria, e, in prospettiva, ai due grandi eventi internazionali del 2011: i Mondiali under 18 di Lille (Francia) e gli Europei juniores di Tallinn (Estonia). Manifestazioni per le quali diversi di questi atleti possono puntare a far bene".

RADUNO E FORMAZIONE - Non solo allenamenti a Camerino in questi giorni. La FIDAL ha, infatti, attivato in questo contesto un altro genere di iniziative dedicate alla formazione. In particolare sono stati invitati qui tutti gli insegnanti di educazione fisica degli istituti scolastici che hanno preso parte alla Finale Nazionale dei Giochi Sportivi Studenteschi di Roma. Durante il raduno affiancheranno come osservatori il lavoro dello staff federale e la sera saranno coinvolti in specifici momenti di approfondimento e aggiornamento. Da Camerino prende, inoltre, il via un ulteriore percorso dedicato a quelli che saranno i formatori dei nuovi istruttori di atletica leggera. Si tratta di un'attività promossa in sinergia con il Centro Studi e Ricerche FIDAL e i quattro coordinatori delle macroaree, tra cui il maceratese Franco Lorenzetti (ex fiduciario tecnico regionale e attuale coordinatore dell’area tecnica dell’Italia centrale) e che vede coinvolti docenti di educazione fisica e giovani laureati in scienze motorie che provengono dalle varie regioni d'Italia e ai quali poi spetterà tenere degli appositi corsi per gli aspiranti istruttori a livello regionale.

PROGETTO TUTOR - Presente a Camerino anche la campionessa olimpica Gabriella Dorio. L'oro dei 1500 di Los Angeles 1984 è qui in veste di testimonial del "Progetto Tutor", una "missione" che da quest'anno condivide insieme a Stefano Baldini e Fabrizio Mori e attraverso cui la FIDAL intende affiancare, ai giovani talenti, grandi campioni di sempre della nostra atletica. "Non ero mai stata a Camerino e ho trovato degli ottimi impianti”, racconta entusiasta la Dorio. “E' una bellissima esperienza e con gli atleti che sto seguendo si è instaurato un bel rapporto, fatto in diversi casi di un confronto e di uno scambio di idee quasi quotidiano. Sono tutti ragazzi speciali e nel mio gruppo, tra l'altro, ho la fortuna di avere anche l'argento delle Olimpiadi Giovanili, Alessia Trost, e il bronzo dei Mondiali juniores, Elena Vallortigara". Con loro Giovanni Galbieri, bronzo nel 2009 sui 100 dei Mondiali Allievi di Bressanone e tra i convocati al raduno nazionale: "Mi sono quasi totalmente ripreso - racconta lo sprinter veneto - dai problemi fisici che, dopo i Campionati Italiani Allievi di Grosseto, mi hanno tenuto fermo per diversi mesi, costringendomi a saltare prima le Gymnasiadi di Doha e poi anche i Trials Europei di Mosca. E' stata dura restare a casa e dover vedere gli altri che gareggiavano, perchè avrei voluto esserci anche io a Singapore. Ma anche questa la considero una lezione utile per crescere. Ora guardo avanti e penso ai Tricolore di Rieti ad ottobre, e agli Europei juniores del 2011 per cui spero di fare il minimo".

UNA GIORNATA DI RADUNO - La giornata tipo a Camerino inizia con la sveglia alle 8, alle 8:30 colazione e poi alle 9:30 la prima sessione di allenamento fino alle 13, orario del pranzo. Nel pomeriggio, dopo la pausa, si ricomincia ad allenarsi alle 16:30 per chiudere con la cena fissata alle 20. E alle 23 tutti in stanza. Nel corso degli allenamenti, in base ai gruppi di specialità, viene anche effettuata una serie di test di valutazione funzionale, mentre in serata si svolgono, tenuti dai responsabili della struttura tecnica federale, i seminari di aggiornamento per gli insegnanti delle scuole.

IL BENVENUTO DELLA CITTA' - Venerdì mattina tutti gli atleti del raduno e la struttura federale con la "tutor" Gabriella Dorio sono stati ricevuti presso la Sala della Muta dell'Ateneo camerte dal rettore dell'Unicam, Fulvio Esposito, affiancato dall'Assessore Comunale allo sport Enrico Pupilli, dal Presidente e dal segretario del CUS Camerino, Stefano Belardinelli e Roberto Cambriani, e dal delegato allo sport Universitario Gianmario Cingolani. Presenti per la FIDAL i consiglieri nazionali Osvaldo Zucchetta e Giuseppe Scorzoso con il presidente del Comitato Regionale Marche, Luigi Serresi. Nel corso della cerimonia di benvenuto è stato più volte ribadito il valore del rapporto tra la città marchigiana e la Federazione che va ormai avanti con successo da 12 anni. Gli atleti come sempre sono ospiti del college “Enrico Mattei” e l’attività tecnica si svolge al complesso sportivo “Sergio Sabbieti”, in località Le Calvie, messo a disposizione dall’Università e dall’ERSU di Camerino, con il prezioso supporto del CUS e dell’amministrazione comunale.


Nella foto in alto, il gruppo degli atleti al raduno nazionale giovanile di Camerino;
in basso: Lorenzo Del Gatto, Martina Piergallini e Leonardo Malatini; a fondo pagina, il servizio video a cura di Mario Giannini




Condividi con
Seguici su: