GOTEBORG: REINA TRA LE PRIME 10 DEL VECCHIO CONTINENTE




 
Goteborg, ore 19:05 in punto. Nella terza serata degli Europei, sull'anello rosso dello stadio Ullevi, ? di nuovo il momento di Daniela Reina. La semifinale dei 400 metri. Dopo, infatti, la brillante performance che in batteria le aveva regalato, grazie al crono di 52.07, il suo nuovo primato personale e la quinta migliore prestazione italiana di sempre, per la quattrocentista di Camerino stavolta il traguardo ?, pi? che sperare in una "storica" finale, quello di correre il giro di pista in meno di 52 secondi. Missione ambiziosa, ma quel fatidico muro sembra, ormai, alla portata e nelle gambe della marchigiana. Per di pi?, l'altissimo livello del resto delle avversarie pu?, senz'altro, diventare per lei un buon traino e una scia su cui tentare di involarsi. Appena fuori dai blocchi, Daniela lotta e stringe i denti inseguendo con determinazione il suo obbiettivo. Passo dopo passo, metro dopo metro. Sulle sue spalle spicca il tatuaggio di un sole e di una luna, ma stasera in pista ? la sua stella che deve brillare. La prima a tagliare il traguardo, in 49.69, ? la bulgara Vanya Stambolava, la migliore in assoluto delle due semifinali e grande favorita per l'oro europeo. La Reina arriva quinta, ma i suoi occhi vanno a cercare subito il riscontro cronometrico. Solo un attimo di palpitazione ed ecco il verdetto: il suo tempo ? 52.13. "Sono soddisfatta - commenta la portacolori delle Fiamme Azzurre - anche se, dopo il crono ottenuto ieri mattina in batteria, pensavo di poter scendere sotto i 52 secondi. Per me il fatto di essere arrivata in semifinale, alla mia prima partecipazione ad un Europeo, ?, comunque, gi? un traguardo importante." La pupilla dell'Atletica Avis Macerata mette, cos?, il sigillo ad una stagione che in pochi mesi l'ha vista migliorarsi ben cinque volte, vincere il terzo titolo italiano consecutivo e, soprattutto, conquistarsi meritatamente un posto tra le prime dieci atlete del Vecchio Continente. L'appuntamento sotto i 52 secondi, ovviamente, ? soltanto rimandato.

Condividi con
Seguici su: