Fiamme Oro, l'incontro con i campioni

11 Dicembre 2019

Il tradizionale appuntamento di fine anno a Padova: celebrati i primatisti italiani Crippa (10.000), Jacobs (4x100) e Stano (20 km marcia) e le medaglie internazionali


 

Il racconto della stagione agonistica attraverso le immagini, i suoni, le emozioni e i video delle imprese degli atleti delle Fiamme Oro. Questo è “Incontra i campioni delle Fiamme Oro”, tradizionale appuntamento di fine stagione del gruppo sportivo della Polizia di Stato, che fa da bilancio dell’anno e che vuole guardare al futuro. In quest’occasione, atleti del settore assoluto e del settore giovanile si ritrovano per celebrare le gesta dei campioni della prima squadra, campioni che, dopo il giusto tributo ricevuto, premiano i ragazzi che si sono maggiormente distinti.

Martedì sera la sala conferenze del 2° Reparto Mobile di Padova, sede delle Fiamme Oro Atletica, era gremita di atleti e genitori, tecnici e dirigenti, autorità e semplici amici del gruppo sportivo della Polizia di Stato. Una delle novità di quest’anno era la presenza di una rappresentanza di ex atleti del gruppo sportivo che indossavano la tuta cremisi storica. Il primo a prendere la parola è stato il dottor Giuseppe Maria Iorio, comandante del 2° Reparto Mobile di Padova. Il vice presidente vicario delle Fiamme Oro Atletica, rapito dalla “macchia cremisi” degli atleti e degli ex atleti, dopo i saluti e i ringraziamenti alla squadra per i risultati e i valori veicolati attraverso la maglia cremisi, ha svelato l’origine del legame di questo colore con la Polizia di Stato, legame che risale all’immediato Dopoguerra. Allora si decise di dare un tocco di vivacità al “verde” degli automezzi ereditati dagli Alleati e si scelse proprio questo colore. Cremisi sono così le tute degli atleti, ma anche alcuni particolari delle divise della Polizia di Stato.

Dopo il dottor Iorio, ha preso la parola l’assessore allo sport del Comune di Padova Diego Bonavina che ha sottolineato la centralità del legame della città con le Fiamme Oro e l’importanza dei valori trasmessi anche dai tecnici di questo gruppo sportivo, formatori di giovani, gettando il seme dei valori etici e morali. C’è stata poi la prima sorpresa della serata: un video con le immagini del record e della vittoria olimpica di un’atleta che ha fatto la storia. Nella sala si è materializzata Sara Simeoni, consigliere FIDAL Veneto, che ha raccontato quanto fosse emozionata anche lei nell’essere per la prima volta all’interno del Centro Nazionale delle Fiamme Oro di atletica leggera.

È partita quindi una clip con le immagini delle prestazioni più emozionanti degli atleti del settore assoluto, tre di loro autori nel 2019 di un record italiano assoluto: Marcell Jacobs – con Cattaneo, Manenti e Tortu – nella staffetta 4x100, Massimo Stano nella 20 km di marcia e Yeman Crippa nei 10.000 metri. Proprio lui, domenica scorsa ha vinto il bronzo agli Europei di cross. Ma altre sono state le medaglie pesanti vinte nel 2019 e tra queste gli ori alle Universiadi di Luminosa Bogliolo e di Ayomide Folorunso, altre due vittorie agli Europei a squadre ancora con Luminosa Bogliolo e Yeman Crippa, l’argento agli Europei under 23 di Linda Olivieri nei 400hs.

Sono state proiettate, poi, delle carrellate fotografiche degli atleti del settore giovanile. Sara Simeoni e Marcell Jacobs hanno premiati gli atleti della categoria ragazzi, l’assessore allo sport del Comune di Asiago Franco Sella e Linda Olivieri la categoria cadetti, la vicepresidente del VIMM – Fondazione della Ricerca Biomedica Avanzata - dott.ssa Giustina Destro insieme a Massimo Stano ha premiato gli allievi, gli juniores e le promesse che si sono distinte nella stagione. C’è stato anche modo di ricordare David Cittarella, il compianto e promettente giavellottista prematuramente scomparso meno di un anno fa.

Dopo aver ricordato che sono già uscite le date dei Fiamme Oro Camp per il 2020 – ci si può iscrivere sul sito www.fiammeorocamp.it – il direttore tecnico delle Fiamme Oro Sergio Baldo ha rivelato una grande novità per la prossima stagione, novità che va nella direzione dell’inclusività e dell’universalità dello sport: l’affiliazione delle Fiamme Oro Atletica alla FISPES, la Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali, con il tesseramento per i campioni europei giovanili Marianna Agostini (T12) e Mario Alberto Bertolaso (T20). Oltre che i due campioni paralimpici, sul palco sono saliti la vicepresidente della FISPES nazionale Antonella Munaro, il delegato della FISPES Veneto Maurizio Menin e l’atleta guida di Marianna Agostini, Tommaso Pagnin, nato e cresciuto nel settore giovanile Fiamme Oro.

Nella serata condotta dai tecnici Fiamme Oro Rosanna Martin e Federico Dell’Aquila, è stato poi fornito il giusto riconoscimento ai giovani atleti che si sono rivelati bravi a scuola oltre che nell’atletica con il premio “In pista con la scuola”, che ha coinvolto come premiatori Luminosa Bogliolo e il vicecomandante dottor Renato Ragnelli oltre che il funzionario di riferimento delle Fiamme Oro Atletica Giovanni Marino. C’è stato spazio anche per presentare un nuovo libro su una parte della storia delle Fiamme Oro a cura di Marino Piccino, ex atleta cremisi, che si è ripromesso di continuare questo lavoro di ricostruzione. In chiusura si è ricordato l’importante progetto della “Parent’s School” del gruppo sportivo della Polizia di Stato, che ha nella psicologa ufficiale delle Fiamme Oro Atletica, la dott.ssa Silvia Rizzi, un fulgido punto di riferimento. 

(da comunicato delle Fiamme Oro Atletica)

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it


I giovani delle Fiamme Oro incontrano i campioni


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate