Fassinotti esordisce a Des Moines

21 Aprile 2015

Il primatista italiano assoluto dell'alto, archiviata la stagione indoor compromessa da un infortunio, torna in pedana il 24 aprile alle Drake Relays negli Stati Uniti contro i medagliati olimpici Kynard e Drouin 


 

L'inverno agonistico di Marco Fassinotti purtroppo è finito troppo presto. Appena due gare in 13 giorni che gli sono comunque bastati per esordire con 2,32 l'11 gennaio a Birmingham (dove vive e si allena sotto la guida di Fuzz Ahmed) e vincere il 24 dello stesso mese il meeting indoor di Hustopece (Rep.Ceca) con 2,34. Record italiano (già suo) eguagliato e quella che è rimasta la miglior misura europea indoor del 2015, la seconda al mondo dopo il 2,41 del fenomeno Barshim. E poi? Un infortunio alla caviglia del piede di stacco rimediato durante il riscaldamento a Banska Bystrica (Slovacchia) ha lasciato a terra le ambizioni del piemontese dell'Aeronautica che avrebbe potuto tentare il colpaccio agli Europei Indoor di Praga. Ma Fassinotti all'O2 Arena ci è andato lo stesso: "Purtroppo solo da spettatore - racconta l'altista azzurro che compirà 26 anni il prossimo 29 aprile -. Nello sport sono cose che capitano, ma sono contento di essere venuto fuori al meglio dall'infortunio. Per il resto bravo Silvano (Chesani, ndr) e brava Alessia (Trost, ndr)! Certo per me è stata un'occasione persa, ma inutile stare a piangere sul latte versato". E, infatti, Marco si è rimesso subito al lavoro: "Non ho perso tempo. Due giorni dopo aver visto la finale a Praga, ho ricominciato la preparazione. Due settimane di introduzione e altre cinque di allenamento più intensivo. In quest'ultimo periodo ho saltato molto con rincorsa completa, ma con l'asticella bassa. Diciamo che ora sarà importante riprodurre certe dinamiche in gara". A quando l'esordio? "Inzialmente avevo previsto di aprire la stagione direttamente il 30 maggio a Eugene, ma domani sarò già in partenza per una prima tappa negli Stati Uniti. Venerdì 24 aprile (alle 2 del mattino di sabato in Italia, ndr) esordirò alle Drake Relays di Des Moines. Poi rientrerò a Birmingham per un nuovo ciclo di preparazione".. Annunciata la presenza in pedana di due big d'oltreoceano: lo statunitense Erik Kynard e il primatista canadese Derek Drouin, ovvero l'argento e il bronzo olimpico di Londra 2012. Aspettative? "Sono a pieno regime come allenamenti e questa sarà solo la mia prima uscita. Sono curioso di riassaporare l'adrenalina da gara, ma sarà interessante capire anche le mie reazioni e la capacità di adattamento al jet lag. Una misura? Per adesso non ci penso".

a.g.



Condividi con
Seguici su: