Europei Berlino 2018: la guida alle gare femminili

06 Agosto 2018

Le migliori atlete del Vecchio Continente vanno a caccia di titoli e medaglie nella capitale tedesca (6-12 agosto). 744 in tutto le iscritte a questa edizione della rassegna.


 

di Marco Buccellato

LE SCHEDE DELLA SQUADRA ITALIANA (PDF) - RISULTATI/Results - ISCRITTI/Entries - ORARIO E AZZURRI IN GARA - LA SQUADRA ITALIANA/Italian Team - TUTTE LE NOTIZIE/News - LE PAGINE EA SUGLI EUROPEI - IL SITO DEL COMITATO ORGANIZZATORE

100m (batterie: lunedì 6 agosto 17:45; semifinali: martedì 7 agosto 19:05; finale: martedì 7 agosto 21:30)
Campionessa in carica: Dafne Schippers (NED); WR 10.49 Florence Griffith-Joyner (USA) Indianapolis 16/7/1988; ER, CR 10.73 Christine Arron (FRA) Budapest 19/8/1998; WL 10.85 Marie-Josée Ta Lou (CIV) Doha 4/5/2018; EL 10.92 Dina Asher-Smith (GBR) Oslo 7/6/2018; RI 11.14 Manuela Levorato, Losanna 4/7/2001
La campionessa uscente delle due ultime edizioni Dafne Schippers resta nel mazzo delle favoritissime, ma Dina Asher-Smith (a sua volta oro ad Amsterdam sui 200) e l'elvetica Kambundji hanno le carte in regola per giocarsi il titolo. Meno convincenti del solito le tedesche, capitanate da Gina Luckenkemper. Francia con l'outsider Zahi. Per l'Est, una volta dominatore, c'è l'esperienza di Ivet Lalova-Collio. Ad Amsterdam la Schippers vinse con tre decimi di scarto. A Berlino il gap è destinato a ridursi, chiunque sia la vincitrice.
Azzurre in gara: Anna Bongiorni, Irene Siragusa

200m (batterie: venerdì 10 agosto 11:25; semifinali: venerdì 10 agosto 19:48; finale: sabato 11 agosto 20:45)
Campionessa in carica: Dina Asher-Smith (GBR); WR 21.34 Florence Griffith-Joyner (USA) Seul 29/9/1988; ER 21.63 Dafne Schippers (NED) Pechino 28/8/2015; CR 21.71 Heike Drechsler (GDR) Stoccarda 29/8/1986; WL 22.04 Blessing Okagbare (NGR) Abilene 24/3/2018; EL 22.25 Dina Asher-Smith (GBR) Londra 22/7/2018; RI 22.56 Libania Grenot, Tampa 27/5/2016
Pronostici in fotocopia rispetto ai 100 metri, con Dina Asher-Smith, Mujinga Kambundji e Dafne Schippers in pole position e Ivet Lalova ancora outsider di lusso anche in forza del doppio argento di Amsterdam. In grande crescita l'altra sprinter "orange" Jamile Samuel, reduce da un doppio personal best in Diamond League a Londra. Il trend stagionale indica la britannica Asher-Smith in curva ascendente e la Schippers in stallo.
Azzurre in gara: Gloria Hooper, Irene Siragusa

400m (batterie: mercoledì 8 agosto 11:30; semifinali: giovedì 9 agosto 19:50; finale: sabato 11 agosto 20:12)
Campionessa in carica: Libania Grenot (ITA); WR, ER 47.60 Marita Koch (GDR) Canberra 6/10/1985; CR 48.16 Marita Koch (GDR) Atene 8/9/1982; WL 48.97 Shaunae Miller-Uibo (BAH) Montecarlo 20/7/2018; EL 50.52 Lea Sprunger (SUI) La Chaux-de-Fonds 1/7/2018; RI 50.30 Libania Grenot, Pescara 2/7/2009
Se la campionessa europea Libania Grenot vincesse, eguaglierebbe con tre ori consecutivi Marita Koch e porterebbe l'Italia al secondo posto nella storia del medagliere dei 400 donne dietro la DDR (cinque successi). Tra le numerose papabili per il podio, svettano i nomi delle polacche Swiety e Holub, della 34enne britannica Onuora e della sorpresa greca Belibasaki. Outsider ancora "orange" con Ghafoor e la più giovane delle sorelle De Witte, Lisanne. Sale il borsino anche per la lituana Serksniene e per la junior russa Miller. Flora Guei, eroina della 4x400 di Zurigo 2014, aspetta la sua occasione.
Azzurre in gara: Maria Benedicta Chigbolu, Libania Grenot

800m (batterie: martedì 7 agosto 11:05; semifinali: mercoledì 8 agosto 19:55; finale: venerdì 10 agosto 21:20)
Campionessa in carica: Nataliya Pryshchepa (UKR); WR, ER 1:53.28 Jarmila Kratochvilova (TCH) Monaco di Baviera 6/7/1983; CR 1:55.41 Olga Mineyeva (URS) Atene 8/9/1982; WL 1:54.25 Caster Semenya (RSA) Parigi 30/6/2018; EL 1:58.83 Renelle Lamote (FRA) Montecarlo 20/7/2018; RI 1:57.66 Gabriella Dorio, Pisa 5/7/1980
L'ucraina Pryshchepa e la francese Lamote, oro e argento di Amsterdam, sono ancora qui, come la svizzera Buchel (quarta) animata da ambizioni di rivincita e dall'ipotesi del primo podio svizzero nella storia dell'Europeo. Britanniche sempre in prima fila con la già campionessa europea Sharp e la regolare Oskan-Clarke, finora più a suo agio negli stretti anelli delle competizioni indoor.
Azzurre in gara: Elena Bellò, Yusneysi Santiusti

1500m (batterie: venerdì 10 agosto 12:00; finale domenica 12 agosto 20:00)
Campionessa in carica: Angelika Cichocka (POL); WR 3:50.07 Genzebe Dibaba (ETH) Montecarlo 17/7/2015; ER 3:52.47 Tatyana Kazankina (URS) Zurigo 13/8/1980; CR 3:56.91 Tatyana Tomashova (RUS) Goteborg 13/8/2006; WL 3:56.68 Genzebe Dibaba (ETH) Chorzow 8/6/2018; EL 3:57.41 Sifan Hassan (NED) Londra 22/7/2018; RI 3:58.65 Gabriella Dorio, Tirrenia 25/8/1982
Grande spettacolo con l'asse britannico da una parte, con Laura Muir e Laura Weightman (bronzo a Zurigo) e la novità 20enne Reekie in costante progresso, e la Polonia con la Ennaoui e la campionessa uscente Cichocka. Quotazioni in salita per la ceca Vrzalova e per l'irlandese Mageean, già capace di uno scherzetto di bronzo ad Amsterdam. Cabala: nessuna atleta britannica ha mai vinto l'oro europeo. Occasione da cogliere per la scozzese di ferro Muir.
Azzurre in gara: -

5000m (finale: domenica 12 agosto 20:15)
Campionessa in carica: Yasemin Can (TUR); WR 14:11.15 Tirunesh Dibaba (ETH) Oslo 6/6/2008; ER, EL 14:22.34 Sifan Hassan (NED) Rabat 13/7/2018; CR 14:54.44 Elvan Abeylegesse (TUR) Barcellona 1/8/2010; WL 14:21.75 Hellen Obiri (KEN) Rabat 13/7/2018; RI 14:44.50 Roberta Brunet, Colonia 16/8/1996
Il recente record europeo di 14:22.34 non mette al riparo l'olandese Sifan Hassan dalla temibile turca di origini keniane Yasemin Can, due volte d'oro ad Amsterdam, e dall'eccezionale tedesca Klosterhalfen. In quota podio anche la svedese Bahta (oro a Zurigo) e la figlia d'arte Eilish McColgan. Dall'Africa cooptata in Europa arriva anche l'israeliana Lonah Chemtai Salpeter. Gioco di squadra: l'Olanda ha i numeri per indirizzare la gara pro-Hassan con le sparring partner Krumins e Koster.
Azzurre in gara: -

10.000m (finale: mercoledì 8 agosto 20:40)
Campionessa in carica: Yasemin Can (TUR); WR 29:17.45 Almaz Ayana (ETH) Rio de Janeiro 12/8/2016; ER, CR 30:01.09 Paula Radcliffe (GBR) Monaco di Baviera 6/8/2002; WL 30:41.85 Pauline Kaveke Kamulu (KEN) Fukagawa 11/7/2018; EL 31:33.03 Lonah Chemtai Salpeter (ISR) Londra 19/5/2018; RI 31:05.57 Maura Viceconte, Heusden 5/8/2000
Ancora Yasemin Can prima scelta per la doppia doppietta Amsterdam-Berlino, e ancora l'israeliana Salpeter con auspici da protagonista. Bahta, il trio lusitano Moreira, Monteiro e Ribeiro e l'olandese Krumins hanno le potenzialità per far bene. Romania con una delle speranze del team, Ancuta Bobocel. Portogallo in testa al medagliere "storico" con due ori. Mai al titolo Romania, Olanda, Francia e Germania.
Azzurre in gara: -

3000m siepi (batterie: venerdì 10 agosto 12:25; finale: domenica 12 agosto 20:55)
Campionessa in carica: Gesa-Felicitas Krause (GER); WR, WL 8:44.32 Beatrice Chepkoech (KEN) Montecarlo 20/7/2018; ER 8:58.81 Gulnara Galkina-Samitova (RUS) Pechino 17/8/2008; CR 9:17.57 Yuliya Zarudneva (RUS) Barcellona 30/7/2010; EL 9:18.36 Karoline Bjerkeli Grovdal (NOR) Montecarlo 20/7/2018; RI 9:27.48 Elena Romagnolo, Pechino 15/8/2008
I garretti norvegesi di Karoline Bjerkeli Grøvdal si lasciano preferire per il rendimento elevato e costante, ma le tedesche Gesa-Felicitas Krause e Antje Möldner-Schmidt si sono spartite le due ultime medaglie d'oro. La terza tedesca Burkard e l'albanese Gega, argento a Amsterdam, completano la rosa delle specialiste più accreditate per la zona medaglia.
Azzurre in gara: Francesca Bertoni, Isabel Mattuzzi, Martina Merlo

Maratona (domenica 12 agosto 9:05)
Campionessa in carica: Christelle Daunay (FRA); WR 2h15:25 Paula Radcliffe (GBR) Londra 13/4/2003; women-only 2h17:01 Mary Keitany (KEN) Londra 23/4/2017; ER 2h15:25 Paula Radcliffe (GBR) Londra 13/4/2003; CR 2h25:14 Christelle Daunay (FRA) Zurigo 16/8/2014; WL 2h18:38 Vivian Cheruiyot (KEN) Londra 22/4/2018; EL 2h25:25 Volha Mazuronak (BLR) Dusseldorf 29/4/2018; RI 2h23:44 Valeria Straneo, Rotterdam 15/4/2012
Al via presente la leader stagionale del continente Mazuronak in quota Bielorussia. I mesi precedenti l'Europeo indicano che la francese Calvin, esordiente sulla distanza, si è ben preparata. Spagna con due generazioni, la veterana Diaz e l'ex-etiope Gebre. Germania con la Heinig. L'Italia, una delle sole quattro nazioni ad aver vinto l'oro in un Europeo, porta la maturità di Bertone e Maraoui, la freschezza della Dossena sesta a New York e il ricambio generazionale con Laura Gotti.
Azzurre in gara: Catherine Bertone, Sara Dossena, Laura Gotti, Fatna Maraoui

100m ostacoli (batterie: mercoledì 8 agosto 10:10; semifinali: giovedì 9 agosto 19:25; finale: giovedì 9 agosto 21:50)
Campionessa in carica: Cindy Roleder (GER); WR 12.20 Kendra Harrison (USA) Londra 22/7/2016; ER 12.21 Yordanka Donkova (BUL) Stara Zagora 20/8/1988; CR 12.38 Yordanka Donkova (BUL) Stoccarda 29/8/1986; WL 12.36 Kendra Harrison (USA) Londra 22/7/2018; EL 12.41 Alina Talay (BLR) St. Polten 31/5/2018; RI 12.76 Veronica Borsi, Orvieto 2/6/2013
La forza d'urto della coppia bielorussa Talay (due volte all'argento) e Herman (vera novità continentale della specialità) contro le formidabili tedesche Dutkiewicz e Roleder, quest'ultima campionessa uscente. Nell'area delle prime scelte si inseriscono l'olandese Visser, la danese Pedersen e la belga Berings. Nota per i cabalisti: il podio europeo non ha mai visto un'ostacolista bielorussa.
Azzurre in gara: Luminosa Bogliolo, Elisa Di Lazzaro

400m ostacoli (batterie: martedì 7 agosto 10:00; semifinali: mercoledì 8 agosto 19:05; finale: venerdì 10 agosto 20:50)
Campionessa in carica: Sara Slott Petersen (DEN); WR, ER 52.34 Yuliya Pechonkina (RUS) Tula 8/8/2003; CR 52.92 Natalya Antyukh (RUS) Barcellona 30/7/2010; WL 52.75 Sydney McLaughlin (USA) Knoxville 13/5/2018; EL 54.79 Lea Sprunger (SUI) Losanna 5/7/2018; RI 54.54 Yadisleidy Pedroso, Shanghai 18/5/2013
Un bel numero di atlete per i tre posti del podio: in prima fila la due volte iridata Zuzana Hejnova, ma mai all'oro in Europa e due volte quarta, e l'argento olimpico Petersen. La svizzera Sprunger, bronzo due anni fa, mira a migliorare il bottino. L'ex-campionessa Doyle è in una stagione di alti e bassi. Italia ai piedi del podio nelle ultime due edizioni, con la campionessa europea U23 Ayomide Folorunso quarta ad Amsterdam e la primatista nazionale Yadis Pedroso quinta a Zurigo. Outsider l'ucraina Ryzhykova e l'ennesimo talento norvegese, Amalie Hammild Iuel.
Azzurre in gara: Ayomide Folorunso, Linda Olivieri, Yadisleidy Pedroso

Alto (qualificazione: mercoledì 8 agosto 18:25; finale: venerdì 10 agosto 19:22)
Campionessa in carica: Ruth Beitia (ESP); WR, ER 2.09 Stefka Kostadinova (BUL) Roma 30/8/1987; CR 2.03 Tia Hellebaut (BEL) Goteborg 11/8/2006, 2.03 Venelina Veneva (BUL) Goteborg 11/8/2006, 2.03 Blanka Vlasic (CR) Barcellona 1/8/2010; WL, EL 2.04 Mariya Lasitskene (ANA) Parigi 30/6/2018; RI 2.04i Antonietta Di Martino, Banska Bystrica 9/2/2011, 2.03 Antonietta Di Martino, Milano 24/6/2007 e Osaka 2/9/2007
Chi succederà alla tre volte regina d'Europa Ruth Beitia? La pesante eredità dell'altista spagnola è a vista della favoritissima Mariya Lasitskene-Kuchina. Il boom di Elena Vallortigara (2,02 a Londra), rimescola le carte per le high positions. Il trio ucraino Levchenko, Tabashnyk e Okuneva e la bulgara argento olimpico Demireva restano le più accreditate per l'area che conta. In pedana il bronzo mondiale indoor Alessia Trost e la quarta, Morgan Lake. Gara di contenuti eccelsi. In pedana sette tra le migliori dieci del mondo.
Azzurre in gara: Desirée Rossit, Alessia Trost, Elena Vallortigara

Asta (qualificazione: martedì 7 agosto 19:05; finale: giovedì 9 agosto 19:20)
Campionessa in carica: Ekaterini Stefanidi (GRE); WR, ER 5.06 Yelena Isinbaeva (RUS) Zurigo 28/8/2009; CR 4.81 Ekaterini Stefanidi (GRE) Amsterdam 9/7/2016; WL 4.94 Eliza McCartney (NZL) Jockgrim 17/7/2018; EL 4.85 Anzhelika Sidorova (ANA) Montecarlo 20/7/2018; RI 4.60 Anna Giordano Bruno, Milano 2/8/2009
L'asta propone un poker di atlete capaci di lottare per l'oro, l'argento ed il bronzo. La campionessa uscente Stefanidi, la russa Sidorova, la britannica Bradshaw e la svedese Bengtsson, che con la Sidorova ha raccolto i migliori riscontri nel periodo pre-Europeo. L'altra greca Kiriakopoulou, la primatista nazionale francese Guillon-Romarin e la bielorussa Zhuk completano l'arco delle migliori competitors.
Azzurre in gara: -

Lungo (qualificazione: giovedì 9 agosto 10:30; finale: sabato 11 agosto 20:05)
Campionessa in carica: Ivana Spanovic (SRB); WR, ER 7.52 Galina Chistyakova (URS) Leningrado 11/6/1988; CR 7.30 Heike Drechsler (GDR) Spalato 28/8/1990; WL, EL 7.05 Lorraine Ugen (GBR) Birmingham 1/7/2018; RI 7.11 Fiona May, Budapest 22/8/1998
Ivana Spanovic si presenta da favorita, ma guai a sottovalutare le potenzialità dell'Union Jack Trio, Proctor, Sawyers e Ugen (unica sopra i sette metri nel 2018). Germania con l'attuale numero uno Mihambo e la Moguenara in stallo di condizione. Ritorna la francese Lesueur, oro a Helsinki e Zurigo. Est in pedana con la bielorussa Mironchyk, tornata a livelli più che buoni.
Azzurre in gara: Laura Strati

Triplo (qualificazione: mercoledì 8 agosto 11:05; finale: venerdì 10 agosto 20:07)
Campionessa in carica: Patricia Mamona (POR); WR, ER 15.50 Inessa Kravets (UKR) Goteborg 10/8/1985; CR 15.15 Tatyana Lebedeva (RUS) Goteborg 9/8/2006; WL 14.96 Caterine Ibarguen (COL) Rabat 13/7/2018; EL 14.60 Paraskevi Papahristou (GRE) Stara Zagora 20/7/2018; RI 15.03 Magdelin Martinez, Roma 26/6/2004
Sette delle prime otto di Amsterdam rimbalzeranno per il podio anche a Berlino: per continuità di rendimento si lascia preferire la greca Papahristou. La campionessa uscente Mamona è in crescita di condizione. In ascesa il borsino della spagnola Peleteiro e della tedesca Gierisch. L'Europa dell'Est è ben rappresentata dalla bulgara Petrova e dall'ex-numero uno del mondo Saladukha. Francesi mai viste sul podio: salteranno per invertire il trend la Issouf e la Diallo.
Azzurre in gara: Ottavia Cestonaro, Dariya Derkach

Peso (qualificazione: martedì 7 agosto 10:10; finale: mercoledì 8 agosto 20:09)
Campionessa in carica: Christina Schwanitz (GER); WR, ER 22.63 Natalya Lisovskaya (URS) Mosca 7/6/1987; CR 21.69 Vita Pavlysh (UKR) Budapest 20/8/1998; WL 20.38A Gong Lijiao (CHN) Guiyang 17/6/2018; EL 20.06 Christina Schwanitz (GER) Norimberga 20/7/2018; RI 19.20i Assunta Legnante, Genova 16/2/2002, 19.15 Chiara Rosa, Milano 24/6/2007 e Berlino 14/6/2009
Due successi non bastano a Christina Schwanitz, che mira al terzo titolo e al quarto di fila per la Germania. Assente Anita Marton, le seconde scelte comprendono l'emergente polacca Guba e la collaudata bielorussa Dubitskaya. Cerca la quarta finale, e la prima medaglia all'aperto, la bulgara Mavrodieva che ha già assaggiato due volte il podio continentale agli Europei indoor.
Azzurre in gara: -

Disco (qualificazione: giovedì 9 agosto 9:30 e 11:00; finale: sabato 11 agosto 20:20)
Campionessa in carica: Sandra Perkovic (CRO); WR, ER 76.80 Gabriele Reinsch (GDR) Neubrandenburg 9/7/1988; CR 71.36 Diana Sachse (GDR) Stoccarda 28/8/1986; WL, EL 71.38 Sandra Perkovic (CRO) Doha 4/5/2018; RI 63.66 Agnese Maffeis, Milano 12/6/1996
Se non Sandra Perkovic, chi? La croata ha iniziato la parabola d'oro a Barcellona 2010 e sembra destinata a mettersi al collo il quinto titolo consecutivo. Le misurazioni dicono che tra lei e il resto d'Europa la distanza supera abbondantemente i cinque metri. Nel nugolo di pretendenti al podio emergono soprattutto le tedesche, con la giovane Claudine Vita alle prese con prestazioni altalenanti e la sempre affidabile Nadine Muller.
Azzurre in gara: Valentina Aniballi, Daisy Osakue

Martello (qualificazione: venerdì 10 agosto 10:00 e 11:30; finale: domenica 12 agosto 19:30)
Campionessa in carica: Anita Wlodarczyk (POL); WR, ER 82.98 Anita Wlodarczyk (POL) Varsavia 28/8/2016; CR 78.76 Anita Wlodarczyk (POL) Zurigo 15/8/2014; WL, EL 75.59 Anita Wlodarczyk (POL) Lublino 22/7/2018; RI 73.59 Ester Balassini, Bressanone 25/6/2005
Dopo un inizio di stagione incerto, Anita Wlodarczyk ha ristabilito le gerarchie tornando a bombardare in prossimità degli 80 metri. La polacca primatista del mondo "vede" il quarto oro consecutivo. Le connazionali Fiodorow e Kopron, la francese Tavernier, la britannica Hitchon e la bielorussa Malyshik sono le atlete papabili per la zona podio e per approfittare di un passo falso della numero uno.
Azzurre in gara: -

Giavellotto (qualificazione: giovedì 9 agosto 12:30 e 13:50; finale: venerdì 10 agosto 20:25)
Campionessa in carica: Tatsiana Khaladovich (BLR); WR, ER 72.28 Barbora Spotakova (CZE) Stoccarda 13/9/2008; CR 67.47 Mirela Manjani-Tzelili (GRE) Monaco di Baviera 8/8/2002; WL 68.92 Kathryn Mitchell (AUS) Gold Coast 11/4/2018; EL 67.47 Tatsiana Khaladovich (BLR) Oslo 7/6/2018; RI 65.30 Claudia Coslovich, Lubiana 10/6/2000
Gara delle grandi assenti, la primatista Spotakova, l'olimpionica Kolak e la novità polacca Witek. La scelta delle favorite si riduce alla bielorussa campionessa uscente Khaladovich e alla ceca Ogrodnikova. Crisi di rendimento per la turca Tugsuz, altra specialista coi fiocchi. Alti e bassi per la slovena Ratej, biglietto in extremis per la lettone Muze in recente progresso. Tedesche con la Hussong più che con la collaudata Molitor.
Azzurre in gara: -

Eptathlon (giovedì 9 agosto e venerdì 10 agosto)
Campionessa in carica: Anouk Vetter (NED); WR 7291 Jackie Joyner-Kersee (USA) Seul 24/9/1988; ER 7032 Carolina Kluft (SWE) Osaka 26/8/2007; CR 6823 Jessica Ennis (GBR) Barcellona 31/7/2010; WL, EL 6806 Nafissatou Thiam (BEL) Gotzis 27/5/2018; RI 6185 Gertrud Bacher, Desenzano del Garda 6/5/1999
La numero uno del mondo Nafissatou Thiam è la favorita per il titolo e per la successione all'olandese Vetter, di nuovo presente a giocarsi le carte da podio. Gara che si preannuncia di grandi contenuti, con un ventaglio di fior di specialiste quali la tedesca Schafer, l'austriaca Dadic e la numero uno britannica Katarina Johnson-Thompson.
Azzurre in gara: -

20km marcia (sabato 11 agosto 9:05)
Campionessa in carica: Elmira Alembekova (RUS); WR 1h24:38 Liu Hong (CHN) La Coruna 6/6/2015; ER 1h25:02 Yelena Lashmanova (RUS) Londra 11/8/2002; CR 1h26:42 Olimpiada Ivanova (RUS) Monaco di Baviera 7/8/2002; WL 1h26:28 Qieyang Shenjie (CHN) La Coruna 2/6/2018; EL 1h27:58 Julia Takacs (ESP) La Coruna 2/6/2018; RI 1h26:17 Eleonora Giorgi, Murcia 17/5/2015
La riflessione sui verdetti del campionato mondiale a squadre di Taicang esprime la qualità d'Europa del tacco e punta con i nomi della primatista italiana Eleonora Giorgi, della spagnola Perez e della ceca Drahotova, già di bronzo a Zurigo da under 20. Il corallo delle atlete di vertice si completa con il bronzo mondiale Antonella Palmisano e con le altre due spagnole Takacs e Gonzalez. Russia rappresentata dalla 20enne Smerdova. Lituania con la Virbalyte. Italia con due successi sulla vecchia distanza dei 10 km. L'inno per le "ventiste" d'oro, finora, è stato russo o bielorusso.
Azzurre in gara: Eleonora Giorgi, Antonella Palmisano, Valentina Trapletti

50km marcia (martedì 7 agosto 8:35)
WR, WL 4h04:36 Liang Rui (CHN) Taicang 5/5/2018; ER 4h05:56 Ines Henriques (POR) Londra 13/8/2017; EL 4h13:04 Julia Takacs (ESP) Burjassot 25/2/2018; RI 4h29:56 Natalia Bruniko, Scanzorosciate 27/10/2002
Esordio europeo per la distanza più lunga del programma. L'ex-primatista mondiale Henriques è iscritta per bissare il titolo mondiale di Londra. Le spagnole Takacs e Pinedo, la slovacca Czakova e le bielorusse Yatsevich e Darazhuk sono le altre specialiste in grado di recitare un ruolo importante.
Azzurre in gara: Mariavittoria Becchetti

Staffetta 4x100m (batterie: domenica 12 agosto 19:20; finale: domenica 12 agosto 21:20)
Campione in carica: Olanda; WR 40.82 Stati Uniti, Londra 10/8/2012; ER 41.37 Repubblica Democratica Tedesca, Canberra 6/10/1985; CR 41.68 Repubblica Democratica Tedesca, Spalato 1/9/1990; WL 42.05 Stati Uniti, Knoxville 13/5/2018; EL 42.24 Germania, Ratisbona 3/6/2018; RI 43.04 Italia, Annecy 21/6/2008
Una bella "x" è il simbolo più appropriato per indentificare il team favorito per l'oro della staffetta veloce femminile. Nelle ultime sei edizioni dei campionati, l'inno suonato sul podio è sempre stato differente. Nell'ordine, Francia, Russia, Ucraina, Germania, Gran Bretagna e Olanda. Britanniche, tedesche e le campionesse uscenti olandesi sono ancora tra le favorite, cui si aggiunge il formidabile quartetto della Svizzera, determinato a far suonare il settimo inno in sette edizioni.
Azzurre in gara: Audrey Alloh, Anna Bongiorni, Johanelis Herrera, Gloria Hooper, Jessica Paoletta, Irene Siragusa

Staffetta 4x400m (batterie: venerdì 10 agosto 13:40; finale: sabato 11 agosto 21:50)
Campione in carica: Gran Bretagna; WR, ER 3:15.17 Unione Sovietica, Seul 1/10/1988; CR 3:16.87 Repubblica Democratica Tedesca, Stoccarda 31/8/1986; WL 3:24.00 Giamaica, Gold Coast 14/4/2018; EL 3:25.91 Francia, Londra 14/7/2018; RI 3:25.16 Italia, Rio de Janeiro 19/8/2016
La Gran Bretagna oro in carica è ancora tra le favorite, pur se in fase di ricambio e seppur battuta da Francia e Polonia nella World Cup di Londra. L'Italia, bronzo ad Amsterdam, vanta il quarto tempo di iscrizione. Ucraina e Belgio sono pronte a fare lo sgambetto alle formazioni con le migliori chances.
Azzurre in gara: Maria Benedicta Chigbolu, Ayomide Folorunso, Libania Grenot, Raphaela Lukudo, Maria Enrica Spacca, Giancarla Trevisan, Elisabetta Vandi

LEGGI ANCHE: LA GUIDA ALLE GARE MASCHILI DI BERLINO 2018

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: