EuroU23 Palmisano un ''altro'' bronzo

10 Luglio 2013

A Tampere, nella 20km di marcia, l'azzurra delle Fiamme Gialle è terza con oltre un minuto e mezzo di primato personale: 1h30:59. Al maschile bel quarto posto per Massimo Stano (1h25:25)

 

di Alessio Giovannini

Prima gara e prima medaglia per l'Italia dell'atletica ai Campionati Europei under 23 di Tampere. Oggi in Finlandia sale sul podio Antonella Palmisano che conquista il bronzo della 20km di marcia con 1 minuto e 37 secondi di primato personale: 1h30:59 (prec. 1h32:36 in aprile a Podebrady). Davanti alla pugliese delle Fiamme Gialle sono arrivate nell'ordine la russa Svetlana Vasilyeva (1h30:07) e l'ucraina Lyudmyla Olyanovska (1h30:37). In chiave italiana, bene Federica Curiazzi, settima in rimonta con il personal best (1h37:34), obiettivo che raggiunge anche l'ex junior Elena Poli tredicesima in 1h41:19. Nella 20km maschile, dominata dai russi Pyotr Bogatyrev (1h21:31) e Aleksandr Ivanov (1h21:34), si mette in evidenza un altro pugliese originario di Palo del Colle, in provincia di Bari. E' Massimo Stano, il 21enne delle Fiamme Oro che taglia il traguardo in 1h25:25, quarto a 21 secondi dal bronzo del tedesco Hagen Pohle (1h25:04). Anche per l'allievo del tecnico Giovanni Zaccheo - che a metà gara viaggiava in undicesima posizione in 43:42 - si tratta di un notevole progresso cronometrico rispetto all'accredito di partenza, l'1h27:15 marciato a Lugano nel mese di marzo. Finiscono, invece, più staccati gli altri due azzurri in gara: quindicesimo Giovanni Renò (1h31:11) e diciannovesimo Giacomo Viganò (1h33:26).

20KM DONNE, IL RACCONTO - Cielo coperto e temperatura fresca a Tampere. Il percorso si snoda in un anello "nervoso" sulla sponda opposta del lago alle spalle della tribuna dello Stadio dove da domani partiranno le competizioni in pista. Gara coraggiosa per una determinatissima Palmisano fin dall'inizio nel gruppo di testa che transita in 46:05 al giro di boa. Intorno al 14° km la russa Vasilyeva inizia a forzare l'andatura ed allunga il passo. In scia le resta la Olyanovska con l'azzurra staccata di una ventina di secondi dalla battistrada. La pugliese delle Fiamme Gialle, però, non demorde, anzi aggancia in fretta l'altra russa Serezhkina e si prende la terza posizione che non molla più fino al traguardo. Alle sue spalle, intanto, è brava a risalire la bergamasca Curiazzi (49:00 a metà gara) che negli ultimi 4km recupera tre posizioni e chiude settima togliendo più di due minuti al personale (prec. 1h39:48 in marzo a Lugano). Di tanto si migliora anche l'altra lombarda Poli (51:20 al 10° km), la più giovane del trio azzurro, che ben si comporta nella seconda 20km della sua carriera (prec.

1h43:28 il 1° giugno a Molfetta 2013).

LA GIOIA DI ANTONELLA - Per la Palmisano - 21enne di Mottola (Taranto) cresciuta nel vivaio dell'Atletica Don Milani di Tommaso Gentile ed ora seguita dal tecnico gialloverde Patrizio Parcesepe - non è la prima volta sul podio di una rassegna internazionale. Nel 2009, infatti, era stata argento agli Europei Juniores 2009, poi la storica vittoria in Coppa del Mondo under 20 nel 2010 fino alla precedente edizione degli Under 23 ad Ostrava 2011 dove aveva raggiunto il quarto posto, diventato "bronzo" a due anni di distanza, a seguito della squalifica per doping della russa Tatyana Mineyeva. "Questa medaglia è tutta un'altra storia - racconta l'azzurra con tutte le energie che le restano in corpo dopo l'arrivo - perchè rispetto al 2011 me la sono conquistata qui e stavolta sul podio ci salirò per davvero! E' la medaglia di una nuova Antonella e mi piace ancora di più perchè è arrivato pure il primato personale malgrado un percorso non certo scorrevole. La dedico al mio club, le Fiamme Gialle, alla mia famiglia, al mio ragazzo Lorenzo e al mio nuovo tecnico Parcesepe insieme al quale mi alleno dallo scorso mese di ottobre a Roma. Ci speravamo, lo volevamo ed è successo! Questo risultato mi dà una bella carica anche in vista dell'importante esperienza che spero di vivere tra un mese ai Mondiali di Mosca".   

I 21 SECONDI DI MASSIMO - Magari domani penserà ai quasi due minuti di primato personale che porta a casa dopo la gara di stasera, ma stasera Massimo Stano ha in testa soprattutto quei 21 secondi che lo hanno lasciato ai piedi del podio. "Se per assurdo avessi avuto un giro in più a disposizione - commenta il poliziotto pugliese proveniente dall'Aden Exprivia Molfetta - magari ora me ne starei con un bronzo al collo. La prima metà di gara mi sono lasciato prendere troppo dalla prudenza, poi si è come accesa la luce. Non pensavo di stare così bene, le gambe hanno iniziato a girare come non mai ed è partita la mia rimonta (41:43 gli ultimi 10km, ndr). Purtroppo non è bastata per la medaglia, ma vado a casa con un'importante esperienza in più e un'accresciuta consapevolezza di quello che posso ancora fare".   

STREAMING: Sarà possibile seguire tutta la manifestazione in diretta streaming attraverso il seguente LINK

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia - hashtag ufficiale: #Tampere2013  Facebook: www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results
- FOTO/Photos

Antonella Palmisano con la sua medaglia di bronzo (foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su: