Disputato a Siderno il Memorial Francesco Nanci




 

FrancescoNanciLa 5^ edizione del Memorial Francesco Nanci di Atletica Leggera, in memoria del compianto Ciccio o come molti lo chiamavano "gigante buono", si è svolta in quel di Siderno, visto che nella provincia di Catanzaro non ci sono piste omologate ad eccezione di quella di contrada Calabricata a Sellia Marina, al momento indisponibile. L’impianto a otto corsie ha ospitato questo manifestazione con una notevole partecipazione di pubblico e molti atleti in gara, specie nelle categorie dell’area promozionale. Presenti le massime autorità della Fidal Calabria, a cominciare dal Presidente Regionale Ignazio VITA, al Vice Presidente Vicario Bruno Neri, ai Consiglieri Regionali Felice Scotto e Santo Mineo

e del Comitato Provinciale di Catanzaro e con il Presidente Giuseppe Veraldi, il Vice Giovanni Molè, il Consigliere Autelitano, il Responsabile del Settore Scuola Aldo Antonio Rizzo e ancora il Settore Tecnico Regionale col Fiduciario Tecnico Giuseppe Pignata e Tiziana Chiricosta, componente del Settore Tecnico Regionale Fidal, per ricordare, tutti insieme, la figura di Francesco Nanci, dirigente e tecnico Fidal e Responsabile Settore Sport dell’AICS, scomparso sei anni or sono per un caso di malasanità. Per dare lustro alla manifestazione, c’è stato il botto col record regionale sui metri 1000 di marcia esordienti femminili, grazie a una gara altamente tecnica e qualificata da parte di Maria Grazia Evalto, portacolori del Centro Sportivo Giovanile CZ Lido, società dove ha militato Francesco Nanci. La giovanissima e brava marciatrice catanzarese, col tempo registrato di 5'49" migliora il primato regionale di ben 25 secondi, che resisteva ormai da 3 anni. Nelle altre gare i nuovi campioni regionali sono stati: nella velocità Irene Cannata (Centro Sportivo Giovanile CZ Lido), nel lancio del vortex Sara Campisi (Centro Sportivo Giovanile CZ Lido), nei m. 600 Angela Colistra della Violettaclub di Lamezia terme, nel lungo Silvia Vumbaca dell’Atletica Siderno, nei m. 600 Francesco Caporale (Centro Sportivo Giovanile CZ Lido), nella marcia maschile Martino Samuele della Icaro di Reggio Calabria. Nel settore marcia assoluti affermazione di Giuseppe Scordo dell'Icaro RC s'impone nei 10 km col tempo di 48'56"93; nei Cadetti è Domenico Sanso (Centro Sportivo Giovanile CZ Lido) che s'impone nei 5000 metri di marcia col tempo di 30:40.62; nei 10 km di marcia allievi è sempre Attilio Trapasso (Centro Sportivo Giovanile CZ Lido) che si prodiga in una gara regolare, nonostante il caldo e l'umidità presente, ottenendo alla fine il tempo di 53:57.94; nei ragazzi vince Carmelo Gambello della Icaro RC (10:44.89) e nelle cadette si conferma, come da copione, Martina Ramiro (Icaro RC) che chiude col tempo di 17:21.18. Tra gli esordienti B maschili è Pietro Pettinato (Centro Sportivo Giovanile CZ Lido) a vincere la gara e nella versione femminile, è Francesca Gambello della Icaro RC a risultare vincitrice; chiude la Kermesse regionale di marcia la giovanissima Sofia Martino (Icaro RC) che compie il suo giro di pista in 4:23.14. Per gli atleti esordienti B, categoria molto numerosa, dove si sono disputate diverse serie, i vincitori sono stati: i m. 50 e il lancio del vortex vedono classificarsi al primo posto Alessandro Fulciniti del (Centro Sportivo Giovanile CZ Lido); fa altrettanto Rossella Mondilla, della Fiamma Catanzaro, che trionfa nelle stesse gare; nella velocità esordienti C vincono le gare Sebastiano Zuccalà della Bramatletica Reggina e Maria Saraco della Fiamma Catanzaro. A fine manifestazione una simpatica e calorosa premiazione, seguito da un ristoro che ha visto, il prologo di un pomeriggio sidernese, che si è spinto molto oltre il calar del sole. La società (Centro Sportivo Giovanile CZ Lido), organizzatrice del Memorial Nanci, ha ringraziato la Fidal Calabria ed il Comune di Siderno per la disponibilità all’uso dell’impianto sportivo, con la speranza che per il prossimo anno si possa tornare nella sua sede naturale, la Provincia di Catanzaro, dove la disponibilità di impianti omologati lascia tanto a desiderare.

Santino Mineo



Condividi con
Seguici su: